Salute 26 Novembre 2019 15:30

Sanità di Frontiera: «Così insegniamo ai medici ad ascoltare i bisogni dei migranti e a curare le ferite invisibili»

Il 28 e il 29 novembre a Roma il nuovo corso di formazione “Salute e Migrazione: curare e prendersi cura” rivolto a medici di famiglia e pediatri. Il direttore generale di Sanità di Frontiera Francesco Aureli: «Necessario che i camici bianchi siano formati per riconoscere ed affrontare i traumi subiti dai migranti»

Un corso di formazione sulla salute dei migranti rivolto, per la prima volta, a medici di medicina generale e pediatri. È la nuova edizione di “Salute e Migrazione: curare e prendersi cura”, organizzato da Sanità di Frontiera con la Società italiana di medicina delle migrazioni, in programma a Roma, presso il Centro Servizi per il Volontariato, i prossimi 28 e 29 novembre.

LEGGI QUI IL PROGRAMMA DEL CORSO

«I medici di famiglia ed i pediatri di libera scelta sono coloro che si trovano a interagire più frequentemente con gli stranieri residenti o i migranti in arrivo o in transito nel nostro Paese – spiega Francesco Aureli, direttore generale di Sanità di Frontiera -. Quindi l’esigenza di un approccio psicologico e culturale con queste persone in loro è ancora più forte».

È proprio questo, infatti, il cuore del problema e, quindi, del corso: «Nei migranti – continua Aureli – si riscontrano tantissime patologie che potrebbero venire da lontano. Per riconoscerle allora è necessario che i medici siano formati e informati su determinate dinamiche in modo da stimolare poi la loro capacità di risposta nel modo più adeguato».

Le dinamiche cui fa riferimento Aureli sono quelle che portano a ferite spesso invisibili: «Si tratta di traumi causati dall’aver abbandonato i propri cari, i propri luoghi di origine e i propri punti di riferimento. Dai lunghissimi viaggi che hanno affrontato, durante i quali spesso subiscono violenze. Senza parlare del trauma dovuto all’impatto con una cultura diversa e all’incapacità di comunicare con le persone che si incontrano qui».

LEGGI ANCHE: SALUTE MIGRANTI, AODI (AMSI): «BENE AUMENTO CORSI DI FORMAZIONE SUL TEMA, MA NE SERVONO ANCORA DI PIU’»

E sono anche queste difficoltà a rendere più complessa la diagnosi: «Per questo è molto importante poter usufruire della mediazione linguistica e culturale – aggiunge il direttore generale di Sanità di Frontiera -. Anche perché queste ferite si scovano e possono essere curate grazie ad un ascolto attivo di tipo diverso da quello che generalmente un medico ha con un paziente del suo Paese, con la sua cultura e che parla la sua stessa lingua».

Oltre ad inquadrare il fenomeno migratorio nel suo insieme, il corso si concentrerà sugli aspetti più strettamente legati alla salute dei migranti, sia fisica che mentale, nell’ottica di un approccio di ascolto attivo della persona e dei suoi bisogni e nella convinzione che porsi con uno sguardo informato e più aperto di fronte al paziente straniero costituisca un bene per quest’ultimo e per tutta la comunità di accoglienza.

Articoli correlati
Fondazione Tim accanto a Sanità di Frontiera per aiutare giovani in difficoltà
Una donazione per sostenere le attività dei nuovi centri con l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale in due quartieri della Capitale: San Lorenzo e Ostiense
Castel Romano, Sanità di Frontiera: «Situazione sotto controllo, noi impegnati sul campo»
«Le notizie diffuse in questi giorni sul Campo di Castel Romano, così come evidenziato dalla Asl Rm2, sono del tutto infondate. Sanità di Frontiera opera in quel campo da molto tempo, insieme alla Comunità di Sant’Egidio, per garantire l’assistenza socio-sanitaria alle persone Rom. Su 300 tamponi effettuati, soltanto 12 hanno dato esito positivo. La situazione […]
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
Terremoto Albania, Sanità di Froniera e Consulcesi Onlus offrono visite mediche, tendopoli e sostegno psicologico
Attive l'unità mobile per prestare primo soccorso nelle zone più remote e una raccolta fondi per portare avanti i progetti di solidarietà rivolti alla popolazione albanese
Terremoto Albania, parte l’unità mobile di Sanità di Frontiera e Consulcesi Onlus
L’appello a medici volontari di Consulcesi Onlus: “Situazione critica, servono infermieri, medici di base e psicologi”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco