Voci della Sanità 1 Marzo 2022 11:58

Sanità di frontiera istituisce un fondo donazioni per l’Ucraina

C’è bisogno di aiuto in Ucraina: servono medicinali e dispositivi medici e servono con urgenza

C’è bisogno di aiuto in Ucraina: servono medicinali e dispositivi medici e servono con urgenza. Sono tante le associazioni e organizzazioni che si sono attivate per dare un supporto in questa difficile situazione. Tra queste anche la onlus Sanità di frontiera, da anni impegnata per la salute dei soggetti più vulnerabili, quali i minori, le donne, i migranti e i più bisognosi, in Italia e all’estero, con progetti di assistenza sanitaria, formazione e contrasto alla povertà.

L’associazione no profit ha istituito un fondo di aiuti per l’Ucraina a cui è possibile donare per fornire dispositivi medicini e medicinali che servono con urgenza sul territorio. Oltre ai farmaci e a vestiti in buono stato servono, tra gli altri: imbracature emostatiche Esmarch, pacchetti individuali di medicazione, forbici e bendaggi, coperte termiche, guanti, aghi da decompressione, cannule nasofaringee, barelle morbide e zaini medical.

«Ci impegniamo ogni giorno – scrive Sanità di Frontiera – per proteggere e promuovere il diritto alla salute, di tutti, nessuno escluso, spingendoci là dove il benessere dei più vulnerabili è minacciato o dimenticato. In questi drammatici giorni, vogliamo esprimere la nostra vicinanza e solidarietà al popolo ucraino e a tutte le vittime di questo conflitto. Ci uniamo all’appello per un cessate il fuoco immediato, ribadendo la ferma condanna ad ogni forma di violazione dei diritti umani, perché nessuno sia lasciato indietro».

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa