Salute 9 Settembre 2020 09:20

Riapertura scuole, Ranieri Guerra (Oms): «Rischio zero non esiste. Intervenire con “bolle di sicurezza”»

Il Direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della Sanità ai nostri microfoni parla di riapertura scuole e dei rischi di cronicizzazione degli effetti del Covid

«Il rischio zero non esiste ma bisogna riaprire le scuole. È un diritto inalienabile. Ci aspettiamo che possano nascere microfocolai, che ci possano essere dei casi diagnosticati sia tra gli studenti che tra gli insegnanti. Sarà necessario intervenire con “bolle di sicurezza” in modo da garantire che chiunque venga diagnosticato venga anche isolato immediatamente e si interrompa quella che può diventare una catena di trasmissione del contagio». Così ai nostri microfoni il direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Ranieri Guerra, che parla anche del rischio di cronicizzazione degli effetti del Covid.

Direttore Guerra, siamo a settembre. Il Covid si riaffaccia. Ci sono tante difficoltà, a partire dalla riapertura delle scuole. Qual è la situazione?

«La situazione è quella che abbiamo raccontato in tutti i modi. Siamo in una fase di ripresa in cui ci sono indicazioni di sicurezza e tutta una serie di protocolli e di valutazioni preliminari che ci permettono di mantenere un rischio accettabile. Il rischio zero non esiste, ovviamente, ma tutto dipenderà dalla capacità infrastrutturale delle scuole in materia di distanziamenti. Abbiamo evidenze che i ragazzi, soprattutto i più piccoli, trasmettono meno il virus, ma questo non mette in sicurezza quello che potrebbe avvenire nei confronti della comunità. I ragazzi non stanno a scuola 24 ore ma vivono in abitazioni con famiglie e noi vogliamo evitare che diventino vettori inconsapevoli di contagio. Proprio per questo la riapertura delle scuole è così importante, sia dal punto di vista sociale che da quello sanitario. Si tratta di un diritto costituzionale inalienabile e non lo si può certamente comprimere come è stato fatto nei giorni del lockdown. Credo che sia necessario mobilitare tutte le risorse della società per garantire che ciò avvenga nella massima sicurezza. I dati che abbiamo non sono enormemente positivi ma neanche così negativi come in altri Paesi. Ci aspettiamo che possano nascere microfocolai, che ci possano essere dei casi diagnosticati sia tra gli studenti che tra gli insegnanti. Sarà necessario intervenire con “bolle di sicurezza” in modo da garantire che chiunque venga diagnosticato venga anche isolato immediatamente e si interrompa quella che può diventare una catena di trasmissione del contagio».

Si comincia a parlare anche di una “cronicizzazione” del danno da Covid. Di che si tratta?

«È uno degli elementi più preoccupanti. Dai dati preliminari, e quindi non ancora conclusivi, che stiamo raccogliendo in misura sempre maggiore. Sembra che ci sia un danno persistente, quindi anche l’esposizione apparentemente asintomatica dal punto di vista clinico-acuto potrebbe essere diversa dal punto di vista anatomico. Ci sono evidenze, da autopsie e da altri riscontri clinici, che ci possa essere un danno permanente, anche se non di grandi dimensioni, ma che con l’andare del tempo potrebbe manifestarsi con patologie croniche, cardiovascolari o neurologiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...