Salute 9 Settembre 2020 09:20

Riapertura scuole, Ranieri Guerra (Oms): «Rischio zero non esiste. Intervenire con “bolle di sicurezza”»

Il Direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della Sanità ai nostri microfoni parla di riapertura scuole e dei rischi di cronicizzazione degli effetti del Covid

«Il rischio zero non esiste ma bisogna riaprire le scuole. È un diritto inalienabile. Ci aspettiamo che possano nascere microfocolai, che ci possano essere dei casi diagnosticati sia tra gli studenti che tra gli insegnanti. Sarà necessario intervenire con “bolle di sicurezza” in modo da garantire che chiunque venga diagnosticato venga anche isolato immediatamente e si interrompa quella che può diventare una catena di trasmissione del contagio». Così ai nostri microfoni il direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Ranieri Guerra, che parla anche del rischio di cronicizzazione degli effetti del Covid.

Direttore Guerra, siamo a settembre. Il Covid si riaffaccia. Ci sono tante difficoltà, a partire dalla riapertura delle scuole. Qual è la situazione?

«La situazione è quella che abbiamo raccontato in tutti i modi. Siamo in una fase di ripresa in cui ci sono indicazioni di sicurezza e tutta una serie di protocolli e di valutazioni preliminari che ci permettono di mantenere un rischio accettabile. Il rischio zero non esiste, ovviamente, ma tutto dipenderà dalla capacità infrastrutturale delle scuole in materia di distanziamenti. Abbiamo evidenze che i ragazzi, soprattutto i più piccoli, trasmettono meno il virus, ma questo non mette in sicurezza quello che potrebbe avvenire nei confronti della comunità. I ragazzi non stanno a scuola 24 ore ma vivono in abitazioni con famiglie e noi vogliamo evitare che diventino vettori inconsapevoli di contagio. Proprio per questo la riapertura delle scuole è così importante, sia dal punto di vista sociale che da quello sanitario. Si tratta di un diritto costituzionale inalienabile e non lo si può certamente comprimere come è stato fatto nei giorni del lockdown. Credo che sia necessario mobilitare tutte le risorse della società per garantire che ciò avvenga nella massima sicurezza. I dati che abbiamo non sono enormemente positivi ma neanche così negativi come in altri Paesi. Ci aspettiamo che possano nascere microfocolai, che ci possano essere dei casi diagnosticati sia tra gli studenti che tra gli insegnanti. Sarà necessario intervenire con “bolle di sicurezza” in modo da garantire che chiunque venga diagnosticato venga anche isolato immediatamente e si interrompa quella che può diventare una catena di trasmissione del contagio».

Si comincia a parlare anche di una “cronicizzazione” del danno da Covid. Di che si tratta?

«È uno degli elementi più preoccupanti. Dai dati preliminari, e quindi non ancora conclusivi, che stiamo raccogliendo in misura sempre maggiore. Sembra che ci sia un danno persistente, quindi anche l’esposizione apparentemente asintomatica dal punto di vista clinico-acuto potrebbe essere diversa dal punto di vista anatomico. Ci sono evidenze, da autopsie e da altri riscontri clinici, che ci possa essere un danno permanente, anche se non di grandi dimensioni, ma che con l’andare del tempo potrebbe manifestarsi con patologie croniche, cardiovascolari o neurologiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»
Rezza: «Italia al top in Europa per quanto riguarda le vaccinazioni». La novità: «Da oggi conteggiati in bollettino quotidiano anche test sierologici di ultima generazione»
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
Medicina territoriale nell’epoca post-Covid, Magi (SUMAI) in Senato: «Ecco come potenziarla e riqualificarla»
Il Segretario Generale di SUMAI Assoprof, Antonio Magi, è stato accolto questa mattina in Senato dove ha parlato del potenziamento e della riqualificazione della medicina territoriale nell’epoca post-Covid
Cos’è la farmacovigilanza? Cosa si intende per “evento avverso”? AIFA risponde ai principali dubbi sui vaccini
L’Agenzia Italiana del Farmaco chiarisce dubbi e incertezze sul tema attraverso una serie di FAQ pubblicate sul suo portale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...