Salute 21 Gennaio 2019

Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»

«Per la formazione – sottolinea il numero uno dell’Associazione italiana podologi – raggiunti importanti traguardi. Approvati  tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia»

di Isabella Faggiano
Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»

«Il nuovo assetto ordinistico delle professioni sanitarie deve essere solo un punto di partenza per garantire un’assistenza sempre più qualificata». È cosi che Valerio Ponti, presidente dell’Associazione Italiana Podologi, Aip, commenta le novità introdotte dalla legge Lorenzin, uno dei temi al centro del XXXII Congresso Aip “Dal traguardo degli Ordini la partenza per una nuova crescita culturale”, conclusosi in questi giorni a Roma.

«L’abusivismo in podologia – ha continuato Ponti – è una vera e propria piaga: ha sempre un pò contraddistinto la nostra professione. In Italia c’e chi ancora confonde il  podologo con l’estetista o il vecchio pedicure. Chiaramente, grazie all’istituzione dell’Ordine si avrà una maggior tutela del professionista, ma soprattutto del cittadino».

Con la comparsa degli ordini professionali si andrà verso la scomparsa delle associazioni: «La nostra, l’Aip – ha spiegato il presidente – è una delle due associazioni maggiormente rappresentativa dei podologi, ma è stata l’unica ad ottenere il riconoscimento di società tecnico-scientifica in podologia. Di conseguenza, i suoi membri andranno a riempire le commissioni d’albo, che poi avranno l’effettivo compito di guidare l’attività professionale».

LEGGI ANCHE: MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE, LAILA PERCIBALLI (MOVIMENTO CONSUMATORI): «STRUMENTO FONDAMENTALE PER COMBATTERE ABUSIVISMO»

Il 2018 è stato un anno di importanti cambiamenti non solo per chi è già entrato nel mondo del lavoro, ma anche per coloro che stanno ancora affrontando il percorso formativo. «Dopo 15 anni di attesa, è stato raggiunto un grosso traguardo – ha commentato Ponti -. Abbiamo ottenuto l’approvazione di tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia (patologie delle unghie, ndr). Si tratta di percorsi post- laurea tutti esclusivi per la professione di podologo, che si affiancano a quelli già esistenti, di tipo multidisciplinare. Una risposta importante  – ha aggiunto il presidente Aip – alla richiesta sempre maggiore di un’assistenza podologica qualificata, capace di fronte all’aumento di malattie cronico-degenerative ed alla necessità di prevenzione, a partire dal paziente pediatrico».

Per raggiungere questo duplice obiettivo – di cura e diagnosi precoce – il presidente Aip ritiene doveroso «imparare a dialogare sia con i medici che con tutto il personale delle varie professioni sanitarie, creando cosi una rete di lavoro multidisciplinare. Dal momento che oggi siamo anche associazione tecnico scientifica – ha concluso – ci rimboccheremo le maniche per garantire una crescita culturale e professionale, offrendo al paziente un operatore sanitario sempre più pronto a rispondere alle sue esigenze».

 

Articoli correlati
Legge di Bilancio, incontro FIALS – FNO TSRM PSTRP: «Linee di azione comune per la pari dignità di tutti i professionisti sanitari»
«Continuare a negare nei fatti la pari dignità professionale mette a repentaglio l’indispensabile coesione del sistema» sottolinea in una nota la FNO TSRM PSTRP
Podologi, Ponti (AIP): «Collaborando con MMG e specialisti possiamo dare contributo a prevenzione e monitoraggio»
Il Presidente dell’Associazione Italiana Podologia Valerio Ponti auspica un ruolo per i podologi anche nelle RSA: «Molti pazienti hanno difficoltà a fare riabilitazione a causa di patologie podaliche». Intanto il Covid complica l’attività: fatturato calato del 30-40%
Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»
Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, il CONAPS cambia pelle e diventa Fondazione. Bortone: «Lavoreremo alla formazione dei rappresentanti professionali»
Arrivato quasi alla conclusione l’iter della Legge 3 del 2018 che ha creato la Federazione delle 19 professioni sanitarie, Il CONAPS si dà una nuova mission. Il presidente Antonio Bortone: «Molte professioni sono già pronte per cambiare la fase ordinamentale, il perimetro delle competenze, assumere ruoli verticistici che a volte anche nel recente passato erano considerati inaccessibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli