Salute 21 Gennaio 2019 11:12

Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»

«Per la formazione – sottolinea il numero uno dell’Associazione italiana podologi – raggiunti importanti traguardi. Approvati  tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia»

di Isabella Faggiano
Podologia, XXXII Congresso Aip. Il presidente Ponti: «In Italia c’è ancora chi confonde il podologo con l’estetista»

«Il nuovo assetto ordinistico delle professioni sanitarie deve essere solo un punto di partenza per garantire un’assistenza sempre più qualificata». È cosi che Valerio Ponti, presidente dell’Associazione Italiana Podologi, Aip, commenta le novità introdotte dalla legge Lorenzin, uno dei temi al centro del XXXII Congresso Aip “Dal traguardo degli Ordini la partenza per una nuova crescita culturale”, conclusosi in questi giorni a Roma.

«L’abusivismo in podologia – ha continuato Ponti – è una vera e propria piaga: ha sempre un pò contraddistinto la nostra professione. In Italia c’e chi ancora confonde il  podologo con l’estetista o il vecchio pedicure. Chiaramente, grazie all’istituzione dell’Ordine si avrà una maggior tutela del professionista, ma soprattutto del cittadino».

Con la comparsa degli ordini professionali si andrà verso la scomparsa delle associazioni: «La nostra, l’Aip – ha spiegato il presidente – è una delle due associazioni maggiormente rappresentativa dei podologi, ma è stata l’unica ad ottenere il riconoscimento di società tecnico-scientifica in podologia. Di conseguenza, i suoi membri andranno a riempire le commissioni d’albo, che poi avranno l’effettivo compito di guidare l’attività professionale».

LEGGI ANCHE: MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE, LAILA PERCIBALLI (MOVIMENTO CONSUMATORI): «STRUMENTO FONDAMENTALE PER COMBATTERE ABUSIVISMO»

Il 2018 è stato un anno di importanti cambiamenti non solo per chi è già entrato nel mondo del lavoro, ma anche per coloro che stanno ancora affrontando il percorso formativo. «Dopo 15 anni di attesa, è stato raggiunto un grosso traguardo – ha commentato Ponti -. Abbiamo ottenuto l’approvazione di tre master professionalizzanti in podologia dello sport, del piede diabetico e in onicopatia (patologie delle unghie, ndr). Si tratta di percorsi post- laurea tutti esclusivi per la professione di podologo, che si affiancano a quelli già esistenti, di tipo multidisciplinare. Una risposta importante  – ha aggiunto il presidente Aip – alla richiesta sempre maggiore di un’assistenza podologica qualificata, capace di fronte all’aumento di malattie cronico-degenerative ed alla necessità di prevenzione, a partire dal paziente pediatrico».

Per raggiungere questo duplice obiettivo – di cura e diagnosi precoce – il presidente Aip ritiene doveroso «imparare a dialogare sia con i medici che con tutto il personale delle varie professioni sanitarie, creando cosi una rete di lavoro multidisciplinare. Dal momento che oggi siamo anche associazione tecnico scientifica – ha concluso – ci rimboccheremo le maniche per garantire una crescita culturale e professionale, offrendo al paziente un operatore sanitario sempre più pronto a rispondere alle sue esigenze».

 

Articoli correlati
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
Dietista di comunità, Tonelli (CAND): «Accanto a medici e pediatri di famiglia per prevenire e riabilitare»
Assistenza territoriale, il presidente della Commissione d’albo nazionale dei Dietisti: «Puntare sulla telenutrizione per assistere i pazienti che vivono in aree geograficamente più svantaggiate e inserire le prestazioni nutrizionali nei Livelli essenziali di assistenza (Lea)»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM