Salute 9 Ottobre 2018

Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»

«La malattia più grave di questo secolo è l’isolamento. Questo è determinato dall’abuso di internet che incentiva un rapporto sociale-virtuale depressivo e svilente. Ecco, il professionista pediatrico può essere la soluzione», così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale

Immagine articolo

«Il pediatra deve monitorare il paziente da 0 a 18 anni, una delle sue responsabilità è fare da ‘antenna sociale’». Così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale di Pediatria, descrive in poche ma significative parole il cambiamento che sta subendo il profilo professionale del pediatra che, al passo con i tempi sociali e scientifici, sta cambiando pelle. Un focus, a cui è stato dedicato ampio spazio durante i lavori congressuali, è la nuova malattia che affligge i bambini e gli adolescenti: si chiama ‘isolamento’ ed è frutto dell’uso smodato del web. In questo contesto qual è il ruolo del pediatra? Come sta cambiando la professione? Il Presidente SIMPE racconta a Sanità Informazione l’evoluzione del ruolo del medico che più di ogni altro, ha in mano il ‘futuro’ del Paese.

Quali sono le prospettive future della professione del pediatra?

«Sempre di più il pediatra dovrà essere al centro, insieme al bambino e alla famiglia, di processi nuovi, eterogenei. Progressivamente stanno diminuendo le malattie infettive, non è come un tempo. Le vaccinazioni stanno determinando – se correttamente eseguite ed applicate – una diminuzione delle malattie infettive. Tuttavia al contempo stanno aumentando le malattie croniche. Purtroppo stiamo attraversando un processo per cui, per la prima volta, i bambini che nascono in questo momento hanno un’aspettativa di vita inferiore ai loro padri e genitori. Questo perché malattie metaboliche come diabete, ipertensione, ipercolesterolemia o depressione, stanno aumentando in funzione di stili di vita e abitudini alimentari che sono scorrette».

LEGGI ANCHE: BIMBI E ALIMENTAZIONE. VALENTINI (PEDIATRA): «LA PRIMA COLAZIONE È D’OBBLIGO. SÌ ALLE PROTEINE VEGETALI, NO A TROPPI EXTRA-PASTO»

 Il pediatra è una figura fondamentale non solo per l’infanzia ma anche per l’adolescenza, tuttavia è spesso ignorato in questa fascia di età. Per quali motivi e perché è importante che i ragazzi più grandi si rivolgano al pediatra?

«Noi abbiamo lanciato uno slogan ‘0-18’ perché fino ad adesso la fascia di età affidata al pediatra è 0-16 anni. Noi pensiamo che per cultura, per tradizione, per formazione, il pediatra possa necessariamente affrontare anche la parabola di vita del soggetto fino ai 18 anni. Credo che sia fondamentale estendere la funzione del professionista pediatrico perché intercettare i nuovi bisogni dell’adolescente è di vitale importanza. Oggi i problemi più diffusi tra gli adolescenti non sono più, come un tempo, esclusivamente alcol e consumo di droghe, ma anche depressione e soprattutto ‘isolamento’. I social network e internet stanno sempre di più determinando un rapporto sociale ridotto a pura virtualità. Si tratta di rapporti che non sono reali e tutto questo può portare a nuove patologie che necessariamente devono essere intercettate. Identificarle deve essere compito del pediatra che deve rappresentare ‘un’antenna sociale’ che anche ‘sporcandosi le mani’ deve tentare di dare soluzioni efficaci».

Articoli correlati
Congresso SIMPeF, Missaglia confermato presidente: «Assistenza pediatrica sia allargata al compimento del 18° anno di età»
A Milano si è svolto il settimo congresso Sindacato Medici Pediatri di Famiglia. Il Presidente a Sanità Informazione: «C’è necessità di formare professionisti adeguati a risolvere le questioni emergenti da un punto di vista sanitario, soprattutto in una età di confine adolescenziale dove l’assistenza potrebbe diventare la cosiddetta terra di nessuno»
di Federica Bosco
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Caserta teatro di “Sipps & fimpaggiorna 2019 – Le nuove frontiere della pediatria”
C’è la Ginecologia in età evolutiva al centro del Corso di formazione dal titolo “Sipps & fimpaggiorna 2019 – le nuove frontiere della pediatria: dall’inquadramento clinico alla diagnosi al trattamento”, in programma il prossimo 27 febbraio presso il Golden Tulip Plaza Hotel di Caserta. A partire dalle ore 17:00 e fino alle ore 21:00, pediatri di […]
SIMPE inserita nell’Elenco Ministeriale delle Società Scientifiche accreditate a proporre le linee guida
Il presidente dei pediatri Mele: «Offriremo a tutti i nuovi iscritti la dotazione del Pediatotem, strumento utile sia per la ricerca che come gestionale negli studi pediatrici»
Al Meyer si balla per i piccoli pazienti. Le infermiere: «Utile non solo ai bimbi ma anche a rinforzare il team»
«Non siamo solo ‘quelli che curano’ ma regaliamo anche sorrisi, e lo facciamo anche per noi». Sara Drovandi, infermiera tra le promotrici del flash mob, racconta a Sanità Informazione come è nata l’iniziativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...