Salute 9 Ottobre 2018 09:44

Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»

«La malattia più grave di questo secolo è l’isolamento. Questo è determinato dall’abuso di internet che incentiva un rapporto sociale-virtuale depressivo e svilente. Ecco, il professionista pediatrico può essere la soluzione», così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale

Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»

«Il pediatra deve monitorare il paziente da 0 a 18 anni, una delle sue responsabilità è fare da ‘antenna sociale’». Così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale di Pediatria, descrive in poche ma significative parole il cambiamento che sta subendo il profilo professionale del pediatra che, al passo con i tempi sociali e scientifici, sta cambiando pelle. Un focus, a cui è stato dedicato ampio spazio durante i lavori congressuali, è la nuova malattia che affligge i bambini e gli adolescenti: si chiama ‘isolamento’ ed è frutto dell’uso smodato del web. In questo contesto qual è il ruolo del pediatra? Come sta cambiando la professione? Il Presidente SIMPE racconta a Sanità Informazione l’evoluzione del ruolo del medico che più di ogni altro, ha in mano il ‘futuro’ del Paese.

Quali sono le prospettive future della professione del pediatra?

«Sempre di più il pediatra dovrà essere al centro, insieme al bambino e alla famiglia, di processi nuovi, eterogenei. Progressivamente stanno diminuendo le malattie infettive, non è come un tempo. Le vaccinazioni stanno determinando – se correttamente eseguite ed applicate – una diminuzione delle malattie infettive. Tuttavia al contempo stanno aumentando le malattie croniche. Purtroppo stiamo attraversando un processo per cui, per la prima volta, i bambini che nascono in questo momento hanno un’aspettativa di vita inferiore ai loro padri e genitori. Questo perché malattie metaboliche come diabete, ipertensione, ipercolesterolemia o depressione, stanno aumentando in funzione di stili di vita e abitudini alimentari che sono scorrette».

LEGGI ANCHE: BIMBI E ALIMENTAZIONE. VALENTINI (PEDIATRA): «LA PRIMA COLAZIONE È D’OBBLIGO. SÌ ALLE PROTEINE VEGETALI, NO A TROPPI EXTRA-PASTO»

 Il pediatra è una figura fondamentale non solo per l’infanzia ma anche per l’adolescenza, tuttavia è spesso ignorato in questa fascia di età. Per quali motivi e perché è importante che i ragazzi più grandi si rivolgano al pediatra?

«Noi abbiamo lanciato uno slogan ‘0-18’ perché fino ad adesso la fascia di età affidata al pediatra è 0-16 anni. Noi pensiamo che per cultura, per tradizione, per formazione, il pediatra possa necessariamente affrontare anche la parabola di vita del soggetto fino ai 18 anni. Credo che sia fondamentale estendere la funzione del professionista pediatrico perché intercettare i nuovi bisogni dell’adolescente è di vitale importanza. Oggi i problemi più diffusi tra gli adolescenti non sono più, come un tempo, esclusivamente alcol e consumo di droghe, ma anche depressione e soprattutto ‘isolamento’. I social network e internet stanno sempre di più determinando un rapporto sociale ridotto a pura virtualità. Si tratta di rapporti che non sono reali e tutto questo può portare a nuove patologie che necessariamente devono essere intercettate. Identificarle deve essere compito del pediatra che deve rappresentare ‘un’antenna sociale’ che anche ‘sporcandosi le mani’ deve tentare di dare soluzioni efficaci».

Articoli correlati
Ansia, fobia sociale e sindrome della capanna, quando tornare alla normalità fa paura
Dopo un anno di pandemia, molte persone hanno difficoltà a riprendere le vecchie abitudini e la vita prima del Covid-19. La psicologa: «Si ha paura del mondo esterno a cui non siamo più abituati, proviamo un senso di spaesamento rispetto a ciò che c’è fuori». Ecco come affrontare il disagio
Adolescenti Lgbt+, l’importanza del “Sex Orienteering” in pediatria
Gli esperti di Amigay aps: «Il pediatra non può dare per scontato l’identità e l’orientamento sessuale del paziente, potrebbe farlo sentire escluso, ignorato e abbandonato. Con il “Sex Orienteering” è possibile analizzare 4 parametri utili ad inquadrare la sessualità: corpo, mente, comportamento e affettività»
di Isabella Faggiano
«La SIP diventi la casa madre della pediatria». Intervista alla neo-presidente Annamaria Staiano
«Vaccinare contro il Covid-19 i ragazzi di 12-15 anni per raggiungere prima l'immunità di gregge. Pediatra di libera scelta garantisce ambiente familiare e maggiori rassicurazioni»
di Federica Bosco
Cure palliative pediatriche, in Italia trattato solo il 5% dei bambini con malattie incurabili
Elena Castelli (Fondazione Maruzza): «Se non possiamo guarire un bimbo dalla sua malattia, allora abbiamo il dovere di “curare” i sintomi che gli impediscono di vivere serenamente i suoi giorni»
di Isabella Faggiano
Al via il congresso italiano di pediatria con il monito del presidente SIP: «Investire nel bambino per rendere sostenibile il Ssn di domani»
Alberto Villani ha aperto la quattro giorni puntando sul ruolo dell’epigenetica: «Investire nei primi mille giorni di vita di un bambino per evitare gran parte delle malattie non trasmissibili dell’età adulta avanzata e salvaguardare le generazioni future»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 luglio, sono 195.332.691 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.177.436 i decessi. Ad oggi, oltre 3,92 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea