Salute 9 Ottobre 2018

Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»

«La malattia più grave di questo secolo è l’isolamento. Questo è determinato dall’abuso di internet che incentiva un rapporto sociale-virtuale depressivo e svilente. Ecco, il professionista pediatrico può essere la soluzione», così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale

Immagine articolo

«Il pediatra deve monitorare il paziente da 0 a 18 anni, una delle sue responsabilità è fare da ‘antenna sociale’». Così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale di Pediatria, descrive in poche ma significative parole il cambiamento che sta subendo il profilo professionale del pediatra che, al passo con i tempi sociali e scientifici, sta cambiando pelle. Un focus, a cui è stato dedicato ampio spazio durante i lavori congressuali, è la nuova malattia che affligge i bambini e gli adolescenti: si chiama ‘isolamento’ ed è frutto dell’uso smodato del web. In questo contesto qual è il ruolo del pediatra? Come sta cambiando la professione? Il Presidente SIMPE racconta a Sanità Informazione l’evoluzione del ruolo del medico che più di ogni altro, ha in mano il ‘futuro’ del Paese.

Quali sono le prospettive future della professione del pediatra?

«Sempre di più il pediatra dovrà essere al centro, insieme al bambino e alla famiglia, di processi nuovi, eterogenei. Progressivamente stanno diminuendo le malattie infettive, non è come un tempo. Le vaccinazioni stanno determinando – se correttamente eseguite ed applicate – una diminuzione delle malattie infettive. Tuttavia al contempo stanno aumentando le malattie croniche. Purtroppo stiamo attraversando un processo per cui, per la prima volta, i bambini che nascono in questo momento hanno un’aspettativa di vita inferiore ai loro padri e genitori. Questo perché malattie metaboliche come diabete, ipertensione, ipercolesterolemia o depressione, stanno aumentando in funzione di stili di vita e abitudini alimentari che sono scorrette».

LEGGI ANCHE: BIMBI E ALIMENTAZIONE. VALENTINI (PEDIATRA): «LA PRIMA COLAZIONE È D’OBBLIGO. SÌ ALLE PROTEINE VEGETALI, NO A TROPPI EXTRA-PASTO»

 Il pediatra è una figura fondamentale non solo per l’infanzia ma anche per l’adolescenza, tuttavia è spesso ignorato in questa fascia di età. Per quali motivi e perché è importante che i ragazzi più grandi si rivolgano al pediatra?

«Noi abbiamo lanciato uno slogan ‘0-18’ perché fino ad adesso la fascia di età affidata al pediatra è 0-16 anni. Noi pensiamo che per cultura, per tradizione, per formazione, il pediatra possa necessariamente affrontare anche la parabola di vita del soggetto fino ai 18 anni. Credo che sia fondamentale estendere la funzione del professionista pediatrico perché intercettare i nuovi bisogni dell’adolescente è di vitale importanza. Oggi i problemi più diffusi tra gli adolescenti non sono più, come un tempo, esclusivamente alcol e consumo di droghe, ma anche depressione e soprattutto ‘isolamento’. I social network e internet stanno sempre di più determinando un rapporto sociale ridotto a pura virtualità. Si tratta di rapporti che non sono reali e tutto questo può portare a nuove patologie che necessariamente devono essere intercettate. Identificarle deve essere compito del pediatra che deve rappresentare ‘un’antenna sociale’ che anche ‘sporcandosi le mani’ deve tentare di dare soluzioni efficaci».

Articoli correlati
Bambini post lockdown, lo studio promosso da SIMPE invita all’ottimismo
La survey ha raccolto le risposte di 271 famiglie italiane con figli dai 3 ai 16 anni. E i risultati sono stati sorprendenti
BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori
Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»
Vaccini influenza, la circolare del Ministero per affrontare l’autunno (e la possibile convivenza col Covid) convince pediatri e MMG
Mele (SIMPE): «Auspicabile estendere la raccomandazione anche a bambini più grandi, ma la direzione è corretta». Scotti (FIMMG): «Fondamentale inizio precoce e chiusura tardiva della campagna». Ma non tutte le mamme sono d'accordo
La nuova sanità pediatrica tra telemedicina e implementazione reti ospedaliere hub e spoke. Le possibilità per il post Covid-19
D'Avino (FIMP): «Pediatri devono poter prescrivere tamponi rapidi. Impensabile riammettere un bambino a scuola senza certezza della diagnosi»
I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»
Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri
di Giuseppe Mele, Presidente Simpe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...