Salute 9 Ottobre 2018 09:44

Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»

«La malattia più grave di questo secolo è l’isolamento. Questo è determinato dall’abuso di internet che incentiva un rapporto sociale-virtuale depressivo e svilente. Ecco, il professionista pediatrico può essere la soluzione», così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale

Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»

«Il pediatra deve monitorare il paziente da 0 a 18 anni, una delle sue responsabilità è fare da ‘antenna sociale’». Così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale di Pediatria, descrive in poche ma significative parole il cambiamento che sta subendo il profilo professionale del pediatra che, al passo con i tempi sociali e scientifici, sta cambiando pelle. Un focus, a cui è stato dedicato ampio spazio durante i lavori congressuali, è la nuova malattia che affligge i bambini e gli adolescenti: si chiama ‘isolamento’ ed è frutto dell’uso smodato del web. In questo contesto qual è il ruolo del pediatra? Come sta cambiando la professione? Il Presidente SIMPE racconta a Sanità Informazione l’evoluzione del ruolo del medico che più di ogni altro, ha in mano il ‘futuro’ del Paese.

Quali sono le prospettive future della professione del pediatra?

«Sempre di più il pediatra dovrà essere al centro, insieme al bambino e alla famiglia, di processi nuovi, eterogenei. Progressivamente stanno diminuendo le malattie infettive, non è come un tempo. Le vaccinazioni stanno determinando – se correttamente eseguite ed applicate – una diminuzione delle malattie infettive. Tuttavia al contempo stanno aumentando le malattie croniche. Purtroppo stiamo attraversando un processo per cui, per la prima volta, i bambini che nascono in questo momento hanno un’aspettativa di vita inferiore ai loro padri e genitori. Questo perché malattie metaboliche come diabete, ipertensione, ipercolesterolemia o depressione, stanno aumentando in funzione di stili di vita e abitudini alimentari che sono scorrette».

LEGGI ANCHE: BIMBI E ALIMENTAZIONE. VALENTINI (PEDIATRA): «LA PRIMA COLAZIONE È D’OBBLIGO. SÌ ALLE PROTEINE VEGETALI, NO A TROPPI EXTRA-PASTO»

 Il pediatra è una figura fondamentale non solo per l’infanzia ma anche per l’adolescenza, tuttavia è spesso ignorato in questa fascia di età. Per quali motivi e perché è importante che i ragazzi più grandi si rivolgano al pediatra?

«Noi abbiamo lanciato uno slogan ‘0-18’ perché fino ad adesso la fascia di età affidata al pediatra è 0-16 anni. Noi pensiamo che per cultura, per tradizione, per formazione, il pediatra possa necessariamente affrontare anche la parabola di vita del soggetto fino ai 18 anni. Credo che sia fondamentale estendere la funzione del professionista pediatrico perché intercettare i nuovi bisogni dell’adolescente è di vitale importanza. Oggi i problemi più diffusi tra gli adolescenti non sono più, come un tempo, esclusivamente alcol e consumo di droghe, ma anche depressione e soprattutto ‘isolamento’. I social network e internet stanno sempre di più determinando un rapporto sociale ridotto a pura virtualità. Si tratta di rapporti che non sono reali e tutto questo può portare a nuove patologie che necessariamente devono essere intercettate. Identificarle deve essere compito del pediatra che deve rappresentare ‘un’antenna sociale’ che anche ‘sporcandosi le mani’ deve tentare di dare soluzioni efficaci».

Articoli correlati
Long Covid pediatrico: 2 adolescenti su 10 soffrono di disturbi psico-somatici, ansia e depressione
Midulla (pneumologo): «Tra i piccoli pazienti, almeno finora, non sono stati rilevati effetti a lungo termine sulla salute polmonare, cardiaca e neurologica. Follow-up attivo in 30 centri italiani»
di Isabella Faggiano
Isolamento e solitudine: un rischio per la salute
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Nuove fragilità, Venturelli (SIPPS): «Serve un infermiere di comunità dedicato ai bambini»
La proposta della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale: «Sarebbe opportuno offrire un servizio universalistico con due infermieri di comunità ogni centomila abitanti che si prendano cura dei bambini e riescano ad intercettare i bisogni all’interno del nucleo famigliare, lavorando in stretta sinergia con il pediatra»
di Federica Bosco
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
Screening neonatale, non passa il rifinanziamento nella legge di Bilancio. Ciancaleoni Bartoli (OMaR): «Scippo ai danni dei malati rari, non ci arrendiamo»
Il Professor Scarpa, coordinatore della Rete Europea: «Italia leader in Europa con 40 esami. Per il futuro della ricerca sulle malattie rare metaboliche occorre formare una nuova classe di medici»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...