Salute 20 Settembre 2019 12:13

Ospedali sicuri per sette italiani su dieci, da migliorare Pronto Soccorso e centri trasfusione

I dati emersi da un sondaggio Doxapharma su un campione di 750 persone. Preoccupano i tagli al fondo sanitario e la mancanza di personale

di Federica Bosco

Sette italiani su dieci si sentono sicuri quando vanno in ospedale. È questo quanto emerso da una recente ricerca condotta da Doxapharma con il contributo di Becton Dickinson su un campione di 750 persone. Da nord a sud il giudizio è complessivamente buono, anche se trasfusioni e Pronto soccorso continuano ad essere considerate le aree più a rischio. «Gli ambienti più sicuri nell’immaginario collettivo per gli italiani sono le sale di rianimazione, anche se questo può essere non sempre biologicamente vero, ma percettivamente è quello che pensano gli italiani – spiega Giuseppe Venturelli, Manager Director di Doxa Pharma –. Complessivamente il voto che danno è positivo e il 40% degli italiani ritiene che la sanità sia migliorata negli ultimi anni soprattutto in tema di professionalità del personale, di nuove strutture, di investimenti e di metodiche».

Se macchinari all’avanguardia e attenzione verso il paziente rappresentano elementi distintivi degli ospedali, a preoccupare quattro italiani su dieci sono però i continui tagli nel settore sanitario e la mancanza di personale.  «Ci sono aspetti che vanno migliorati – ribadisce Nicola Petrosillo, Direttore del Dipartimento Clinico e di Ricerca in Malattie infettive dell’Istituto Spallanzani di Roma – comunicazione, trasparenza e prevenzione di infezioni ed eventi avversi, sono soggetti a miglioramento. Occorre dare certezza che tutti gli ospedali seguano misure efficaci per ridurre i rischi dei pazienti che talvolta sono inevitabili, ma bisogna ridurli al minimo, fino allo zero dove è possibile».

«Siamo uno dei pochi Paesi ad avere una legge sulla sicurezza che tutela i cittadini – aggiunge Riccardo Tartaglia, Presidente INSH Italian Network for Safety in Healthcare – Sono stati introdotti dei cambiamenti importanti, come applicare le pratiche chimiche nella sicurezza, dall’igiene delle mani, alla prevenzione di alcune infezioni su alcuni tipi di cateteri, fino alla check list delle sale operatorie. Veramente si sta facendo tanto, i medici sono assolutamente coinvolti perché se la prima vittima è il paziente, la seconda è il medico quando si verificano episodi di malasanità». Dove si può ancora migliorare? «Certamente in ambito chirurgico, nella diagnostica e nelle terapie, ovvero nelle tre attività fondamentali della medicina. Quindi ci sono ampi margini di miglioramento pur partendo da una condizione soddisfacente».

Articoli correlati
Il contraccolpo indiretto del Covid sul SSN e sulle altre patologie
La sanità oltre il Covid-19: ridotti del 50% gli interventi cardiologici, crollo negli screening, visite specialistiche con picchi del -70%, aumento della natimortalità
di Peter D'Angelo
Covid-19, è emergenza posti letto internistici. Lo studio di Anaao-Assomed
«Dal confronto, regione per regione, dei posti letto internistici nel 2018 e quelli attivati nel 2020 con l’attuale numero dei ricoveri Covid-19, emerge un quadro drammatico»
Mi hanno chiesto di coprire turni in un reparto dell’ospedale completamente estraneo alle mie competenze, è legittimo?
Mi hanno chiesto di coprire turni in un reparto dell’ospedale completamente estraneo alle mie competenze, è legittimo?  In questo particolare momento, le Regioni e le Province autonome possono rimodulare o sospendere le attività di ricovero e ambulatoriali differibili e non urgenti, ivi incluse quelle erogate in regime di libera professione intramuraria, per far fronte alla […]
Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi
La situazione negli ospedali romani raccontata dal segretario di CGIL Sanità Lazio e Michela Flores di Usb Sanità: «Le ambulanze sono utilizzate come camere di isolamento, in attesa di trovare un posto letto ai pazienti»
di Peter D'Angelo
Francia, medico italiano racconta: «Crescono i contagi ma gli ospedali reggono»
«Contagi a macchia di leopardo con zone più e meno colpite. Gli ospedali sono preparati, hanno più esperienza e la sanità del territorio sta contenendo la seconda ondata. Terapie intensive al 20% in alcune grandi città»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...