Salute 20 Settembre 2019 12:13

Ospedali sicuri per sette italiani su dieci, da migliorare Pronto Soccorso e centri trasfusione

I dati emersi da un sondaggio Doxapharma su un campione di 750 persone. Preoccupano i tagli al fondo sanitario e la mancanza di personale

di Federica Bosco

Sette italiani su dieci si sentono sicuri quando vanno in ospedale. È questo quanto emerso da una recente ricerca condotta da Doxapharma con il contributo di Becton Dickinson su un campione di 750 persone. Da nord a sud il giudizio è complessivamente buono, anche se trasfusioni e Pronto soccorso continuano ad essere considerate le aree più a rischio. «Gli ambienti più sicuri nell’immaginario collettivo per gli italiani sono le sale di rianimazione, anche se questo può essere non sempre biologicamente vero, ma percettivamente è quello che pensano gli italiani – spiega Giuseppe Venturelli, Manager Director di Doxa Pharma –. Complessivamente il voto che danno è positivo e il 40% degli italiani ritiene che la sanità sia migliorata negli ultimi anni soprattutto in tema di professionalità del personale, di nuove strutture, di investimenti e di metodiche».

Se macchinari all’avanguardia e attenzione verso il paziente rappresentano elementi distintivi degli ospedali, a preoccupare quattro italiani su dieci sono però i continui tagli nel settore sanitario e la mancanza di personale.  «Ci sono aspetti che vanno migliorati – ribadisce Nicola Petrosillo, Direttore del Dipartimento Clinico e di Ricerca in Malattie infettive dell’Istituto Spallanzani di Roma – comunicazione, trasparenza e prevenzione di infezioni ed eventi avversi, sono soggetti a miglioramento. Occorre dare certezza che tutti gli ospedali seguano misure efficaci per ridurre i rischi dei pazienti che talvolta sono inevitabili, ma bisogna ridurli al minimo, fino allo zero dove è possibile».

«Siamo uno dei pochi Paesi ad avere una legge sulla sicurezza che tutela i cittadini – aggiunge Riccardo Tartaglia, Presidente INSH Italian Network for Safety in Healthcare – Sono stati introdotti dei cambiamenti importanti, come applicare le pratiche chimiche nella sicurezza, dall’igiene delle mani, alla prevenzione di alcune infezioni su alcuni tipi di cateteri, fino alla check list delle sale operatorie. Veramente si sta facendo tanto, i medici sono assolutamente coinvolti perché se la prima vittima è il paziente, la seconda è il medico quando si verificano episodi di malasanità». Dove si può ancora migliorare? «Certamente in ambito chirurgico, nella diagnostica e nelle terapie, ovvero nelle tre attività fondamentali della medicina. Quindi ci sono ampi margini di miglioramento pur partendo da una condizione soddisfacente».

Articoli correlati
Operatori sanitari no vax sospesi, la denuncia: «Chi è rimasto a lavoro spostato di reparto senza preparazione e competenze»
Su Sanità Informazione la storia di un gruppo di operatori sanitari che, per coprire i buchi lasciati da chi non ha voluto vaccinarsi, si è ritrovato a svolgere mansioni per cui non era preparato
Sei punti per ridisegnare la sanità. Il documento delle società scientifiche
Le proposte emerse dal Forum Permanente sul Sistema Sanitario Nazionale nel post-Covid: «Subito una campagna di informazione per il ritorno alle cure e un ‘Piano Marshall’ per recuperare i ritardi per visite, screening e interventi. Servono ospedali moderni e tecnologici»
Sanità e rischio informatico: 1 struttura su 4 ha ricevuto cyberattacchi
Infrastrutture e normativa sono all’altezza della sfida ma gli operatori non conoscono i rischi del digitale: la formazione del personale è il vulnus degli attacchi hacker
Il contraccolpo indiretto del Covid sul SSN e sulle altre patologie
La sanità oltre il Covid-19: ridotti del 50% gli interventi cardiologici, crollo negli screening, visite specialistiche con picchi del -70%, aumento della natimortalità
di Peter D'Angelo
Covid-19, è emergenza posti letto internistici. Lo studio di Anaao-Assomed
«Dal confronto, regione per regione, dei posti letto internistici nel 2018 e quelli attivati nel 2020 con l’attuale numero dei ricoveri Covid-19, emerge un quadro drammatico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?