Salute 20 Settembre 2019

Ospedali sicuri per sette italiani su dieci, da migliorare Pronto Soccorso e centri trasfusione

I dati emersi da un sondaggio Doxapharma su un campione di 750 persone. Preoccupano i tagli al fondo sanitario e la mancanza di personale

di Federica Bosco

Sette italiani su dieci si sentono sicuri quando vanno in ospedale. È questo quanto emerso da una recente ricerca condotta da Doxapharma con il contributo di Becton Dickinson su un campione di 750 persone. Da nord a sud il giudizio è complessivamente buono, anche se trasfusioni e Pronto soccorso continuano ad essere considerate le aree più a rischio. «Gli ambienti più sicuri nell’immaginario collettivo per gli italiani sono le sale di rianimazione, anche se questo può essere non sempre biologicamente vero, ma percettivamente è quello che pensano gli italiani – spiega Giuseppe Venturelli, Manager Director di Doxa Pharma –. Complessivamente il voto che danno è positivo e il 40% degli italiani ritiene che la sanità sia migliorata negli ultimi anni soprattutto in tema di professionalità del personale, di nuove strutture, di investimenti e di metodiche».

Se macchinari all’avanguardia e attenzione verso il paziente rappresentano elementi distintivi degli ospedali, a preoccupare quattro italiani su dieci sono però i continui tagli nel settore sanitario e la mancanza di personale.  «Ci sono aspetti che vanno migliorati – ribadisce Nicola Petrosillo, Direttore del Dipartimento Clinico e di Ricerca in Malattie infettive dell’Istituto Spallanzani di Roma – comunicazione, trasparenza e prevenzione di infezioni ed eventi avversi, sono soggetti a miglioramento. Occorre dare certezza che tutti gli ospedali seguano misure efficaci per ridurre i rischi dei pazienti che talvolta sono inevitabili, ma bisogna ridurli al minimo, fino allo zero dove è possibile».

«Siamo uno dei pochi Paesi ad avere una legge sulla sicurezza che tutela i cittadini – aggiunge Riccardo Tartaglia, Presidente INSH Italian Network for Safety in Healthcare – Sono stati introdotti dei cambiamenti importanti, come applicare le pratiche chimiche nella sicurezza, dall’igiene delle mani, alla prevenzione di alcune infezioni su alcuni tipi di cateteri, fino alla check list delle sale operatorie. Veramente si sta facendo tanto, i medici sono assolutamente coinvolti perché se la prima vittima è il paziente, la seconda è il medico quando si verificano episodi di malasanità». Dove si può ancora migliorare? «Certamente in ambito chirurgico, nella diagnostica e nelle terapie, ovvero nelle tre attività fondamentali della medicina. Quindi ci sono ampi margini di miglioramento pur partendo da una condizione soddisfacente».

Articoli correlati
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Iniquità delle cure e ospedali tech: le due facce del SSN italiano ai tempi del Coronavirus. L’analisi di Starting Finance
La start up romana, composta da giovanissimi esperti, ha misurato l'efficienza dei presidi sanitari italiani: «Due ospedali sono vere eccellenze nella battaglia contro il Covid-19: l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e il Cotugno di Napoli»
di Isabella Faggiano
SIMEU, effetto coronavirus: «Calano fino al 30% gli accessi in pronto soccorso»
«Il calo certamente è frutto del timore del contagio diffuso fra la popolazione e dell'osservanza delle restrizioni sulla frequentazione di luoghi affollati imposte a livello istituzionale» così Salvatore Manca, presidente nazionale della Società italiana di medicina di emergenza-urgenza
Lotta alle infezioni in ospedale, Andreoni (TorVergata): «Servono interventi mirati sull’uso degli antibiotici»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre a promuovere la corretta aderenza alle norme igieniche preventive stabilite, ha enfatizzato qualche giorno fa la necessità di sviluppare nuovi antibiotici
Il coronavirus arriva in Europa. Riunione operativa allo Spallanzani, Petrosillo: «Ancora nessun caso in Italia»
Quattro casi sospetti in Scozia e uno in Francia. Andreoni (Tor Vergata): «Stiamo mettendo in atto misure efficaci per contrastare la situazione, ma speriamo che il virus non si trasformi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»