Salute 2 Aprile 2020

La richiesta delle forze dell’Ordine al Governo: «Fateci i tamponi». Risposta positiva solo da Veneto e Lombardia

Stefano Paoloni (Segretario Nazionale Sap): «Agenti dichiarati sospetti Covid-19 senza aver fatto loro il tampone, mentre nelle pattuglie solo un agente può indossare la mascherina. Non si può andare in guerra a mani nude»

di Federica Bosco

Poche mascherine da usare solo in caso di effettiva necessità – come richiesto in una circolare del capo della polizia – e niente tamponi se non in presenza di gravi crisi respiratorie. Le forze di polizia che hanno avuto oltre 1500 casi sospetti di coronavirus lamentano una carenza di protezione e soprattutto di tamponi, come ribadito da Stefano Paoloni, segretario nazionale del Sap, in collegamento via Skype.

«I tamponi non vengono fatti alle forze dell’ordine – lamenta il numero uno del sindacato autonomo di polizia –. Al riguardo abbiamo scritto al Presidente Conte, al ministero della Salute, della Difesa, dell’Interno, Grazia e Giustizia. Abbiamo scritto insieme ai sindacati dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, che avvertono il nostro stesso problema. A noi i tamponi vengono fatti nello stesso modo in cui vengono fatti alla popolazione, ovvero di fronte a sintomi particolarmente evidenti. È chiaro che non vogliamo avere un diritto alla salute superiore alla popolazione, ma il problema che ci siamo posti riguarda il funzionamento dell’apparato. Credo che il Paese non si possa permettere che intere articolazioni vengano poste in quarantena o non siano in grado di funzionare. Soprattutto articolazioni importanti come quella della sicurezza. Abbiamo scritto anche a parecchi Presidenti di Regione, essendo competenti sulla sanità. Abbiamo avuto risposta positiva dal Presidente del Veneto Zaia che ha detto che sottoporrà tutte le forze dell’ordine a tampone. Anche in Lombardia verranno sottoposti a tampone tutti coloro che presenteranno sintomi e comunque prima di rientrare da un giorno di malattia. Si tratta comunque di un passo avanti rispetto a tutto il resto del Paese, dove invece i tamponi non vengono fatti».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, SIMG: «ECCO IL VADEMECUM PER I MEDICI DI MEDICINA GENERALE»

Una richiesta rilanciata anche in Friuli-Venezia Giulia dal segretario provinciale del Sap di Trieste Lorenzo Tamaro sulle pagine de ‘il Piccolo’. Per tutti, prioritario è il tampone: «Abbiamo sollevato un caso perché i colleghi che erano stati in servizio nella zona di Codogno i primi tempi dell’epidemia, al termine del periodo di aggregazione sono stati sottoposti a visita. Alcuni di questi, presentando i sintomi, sono stati isolati; poi sono stati portati al pronto soccorso di Piacenza dove gli è stato diagnosticato sospetto Covid-19, ma non sono stati sottoposti a tampone».

«Una serie di accorgimenti sono stati utilizzati, ma per quanto riguarda le mascherine, gli occhiali e i tamponi c’è ancora molto da fare – conclude Paoloni -. Cito un esempio per far comprendere la situazione in cui sono costretti a lavorare gli agenti. Si pensi che nella città di Torino, per chi viaggia in pattuglie occupate da più di una persona è stata data una disposizione: la mascherina deve essere indossata da un solo agente; nel caso siano in tre, la devono indossare solo in due. Questo perché c’è scarsità di protezioni, ma credo non sia accettabile e logico per un Paese civile. Non si può andare in guerra a mani nude».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 del 25 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 25 maggio, il totale delle […]
Analisi mortalità Inps: in Italia i decessi sono aumentati del 48%, nelle province lombarde più colpite si supera il 200%
Il primato a Bergamo, con un aumento tra 400% e 500%. Più colpiti gli uomini delle donne, al Sud le variazioni meno significative. Dai dati del report: «Veneto ha gestito la crisi meglio della Lombardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...