Salute 27 Gennaio 2022 11:58

Covid, Report Gimbe: «Ok stop colori e tracing ma inaccettabili altre proposte delle Regioni»

Aumentano i decessi e crollano nuove vaccinazioni. Cartabellotta: «Iniziale discesa della curva condizionata anche da calo tamponi, per molecolari tasso positività in lieve risalita»

Covid, Report Gimbe: «Ok stop colori e tracing ma inaccettabili altre proposte delle Regioni»

«Bene il superamento del sistema dei colori e la sospensione del contact tracing». Sarebbero però «inaccettabili la revisione delle misure inerenti la sorveglianza sanitaria e nelle scuole, l’isolamento dei lavoratori dei servizi essenziali e la classificazione dei ricoveri Covid», ovvero alcune delle proposte di semplificazione rivolte dalle Regioni al Governo. Proposte avanzate «nonostante ci troviamo ancora in uno scenario caratterizzato da un’elevata circolazione del virus e da una forte pressione sugli ospedali, con pesanti ricadute sull’assistenza ai pazienti non Covid». È quanto dichiarato dal presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta, nell’ultimo monitoraggio indipendente della Fondazione.

Lieve diminuzione nuovi casi. Aumentano positivi e persone in isolamento

Lieve diminuzione, nella settimana dal 19 al 25 gennaio (rispetto alla precedente), dei nuovi casi di Covid-19 (1.197.970 vs 1.243.789, -3,7%) e dei pazienti in terapia intensiva (1.691 vs 1.715, -1,4%), a fronte però di un aumento dei decessi (2.519, di cui 141 riferiti a periodi precedenti, vs 2.266, +11,2%) e dei ricoverati in area medica con sintomi (20.037 vs 19.448, +3%). Crescono anche gli attualmente positivi (2.689.262 vs 2.562.156, +5%) e le persone in isolamento domiciliare (2.667.534 vs 2.540.993, +5%).

«Dopo 13 settimane consecutive di aumento – dichiara il presidente di Gimbe – sul fronte dei nuovi casi si registra una lieve flessione». Stiamo dunque assistendo ad «un’iniziale discesa della curva nazionale», condizionata però da «situazioni regionali molto eterogenee, da trend differenti per le varie fasce di età oltre che da una riduzione del numero di tamponi, sia antigenici che molecolari: in particolare, per questi ultimi, il tasso di positività è in lieve risalita».

Cala il numero di tamponi effettuati

La Fondazione evidenzia inoltre il calo del numero dei tamponi totali (-4,5%), passati dai 7.672.378 della settimana 12-18 gennaio ai 7.327.579 della settimana 19-25 gennaio, con una diminuzione sia dei tamponi rapidi (-67.898; -1,2%) sia di quelli molecolari (-276.901; -13,9%). La media mobile a 7 giorni del tasso di positività dei tamponi molecolari torna a salire (dal 21,3% al 22,9%), mentre rimane stabile (dal 14,4% al 14,3%) quella degli antigenici rapidi. «Questi numeri – commenta ancora Cartabellotta – confermano che la circolazione del virus rimane elevata e che, considerata la risalita del tasso di positività dei tamponi molecolari, il calo della curva dei contagi deve essere interpretato con cautela».

Aumentano i decessi e resta alta la pressione sugli ospedali

Sempre tanti e in aumento i decessi, con una media di 360 al giorno rispetto ai 324 della settimana precedente, e «resta alta la pressione sugli ospedali – rimarca Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi sanitari della Fondazione Gimbe – dove i posti letto occupati da pazienti Covid in area medica aumentano, seppure più lentamente, mentre si registra una lieve flessione in terapia intensiva».

Al 25 gennaio, il tasso di occupazione nazionale da parte di pazienti Covid è del 30,6% in area medica e del 17,6% in area critica. Tutte le regioni superano la soglia del 15% in area medica, con la Valle d’Aosta che raggiunge il 53,1%. E ad eccezione di Basilicata, Molise e Umbria, tutte superano la soglia del 10% in area critica. «Prosegue la flessione degli ingressi giornalieri in terapia intensiva – osserva Marco Mosti, direttore operativo Gimbe – la cui media mobile a 7 giorni scende a 132 ingressi/die, rispetto ai 141 della settimana precedente».

Crollano i nuovi vaccinati

Crolla il numero di nuovi vaccinati contro Covid-19 negli ultimi 7 giorni. Nella settimana dal 19 al 25 gennaio sono stati 355.309, quasi il 31% in meno rispetto ai 514.324 della settimana precedente. Dei nuovi vaccinati, il 43,9% è rappresentato da bambini nella fascia 5-11 anni, in netta flessione rispetto alla settimana precedente (155.997, -35,6%). E nonostante la recente introduzione dell’obbligo vaccinale, i nuovi vaccinati over 50 scendono a 96.957 (-25,6%). In particolare, per questa fascia anagrafica la media mobile a 7 giorni dei nuovi vaccinati, dopo aver raggiunto il picco di 19.879 del 15 gennaio, è scesa a quota 13.851 il 25 gennaio. Nella fascia 5-11 anni, dopo il picco di 38.624 registrato il 9 gennaio, la quota di nuovi vaccinati si è stabilizzata per poi iniziare una discesa fino a 22.285 il 25 gennaio, «inevitabilmente legata anche al rinvio delle prenotazioni vaccinali degli studenti in isolamento», analizza il report. In lieve, ma progressivo calo, sia la fascia 12-19 anni sia quella 20-49.

Gimbe evidenzia inoltre che, al 18 gennaio, sono ancora 7,8 milioni le persone senza nemmeno una dose di vaccino: 2,58 milioni nella fascia 5-11 anni e 724mila della fascia 12-19, che influenzano la sicurezza delle scuole, oltre a 2 milioni di over 50 ad alto rischio di malattia grave («il vero tallone d’Achille – avverte la Fondazione – che alimenta i ricoveri in area medica e in terapia intensiva»).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...