Salute 8 Ottobre 2021 18:29

Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla

Degani (Uneba Lombardia) «L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia»

di Federica Bosco
Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla

Scatta domenica 10 ottobre l’obbligo vaccinale nelle RSA per i dipendenti, i collaboratori e i volontari. La normativa sarà operativa fino alla cessazione dello stato di emergenza, attualmente fissato al 31 dicembre. Ad essere interessati dal provvedimento saranno dunque tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa nelle strutture residenziali, socioassistenziali, sociosanitarie e hospice. Una misura che, se da un lato mette in sicurezza anziani e soggetti fragili, dall’altra pone il dilemma, per i gestori e i manager di RSA e RSD, di garantire la continuità assistenziale, dovendo fare i conti con la riduzione in alcuni casi massiccia di operatori disponibili per la sospensione dei non vaccinati. Ma non è tutto, se le indicazioni sono chiare, non altrettanto è chi dovrà verificare la validità dei green pass.

A chi spetta il controllo?

Per essere attuato il controllo, infatti, deve essere emanato un decreto, previsto per legge, che riporti le modalità attraverso cui i responsabili delle RSA e degli altri servizi residenziali sociosanitari e socioassistenziali per persone fragili effettuino la verifica. Un decreto che ancora manca e che sta mettendo in forte difficoltà i manager delle RSA e RSD su cui grava la responsabilità della gestione. Per Luca Degani presidente di UNEBA Lombardia, associazione che conta più di 400 strutture, il vuoto legislativo rischia di generare confusione proprio nel momento in cui per gli over 80 e gli operatori sanitari si profila la terza dose di vaccino contro il Covid-19. «Il decreto-legge 44/2021 convertito in legge lo scorso 28 maggio aveva imposto l’obbligo vaccinale a tutti gli operatori sanitari delle strutture pubbliche e private, ovvero medici, infermieri, fisioterapisti, psicologi e Oss delle RSA e RSD. In seguito, il decreto-legge del 10 settembre 2021 ha esteso l’obbligatorietà anche a tutte quelle figure non a carattere sanitario, compresi i collaboratori e gli autonomi, che entrano nelle RSA, nei centri diurni e nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socioassistenziali. L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia».

Dal 15 ottobre obbligo di Green pass per tutti i lavoratori pubblici e privati

Un nodo che potrebbe sciogliersi nel momento in cui, il prossimo 15 ottobre, tutti i lavoratori del settore pubblico e privato dovranno obbligatoriamente esibire un green pass al datore di lavoro. «Non è la stessa cosa – puntualizza Degani – in quanto il Green pass si ottiene anche con un tampone antigenico rapido, mentre per le RSA e nei luoghi di lavoro in cui il Covid rappresenta un alto rischio è previsto l’obbligo vaccinale. Quindi alle condizioni odierne tra il 10 e il 15 ottobre non è possibile chiedere alcun documento mentre dal 16 ottobre l’operatore non vaccinato potrà entrare nella RSA con un Green pass ottenuto con un tampone antigenico. Il paradosso, quindi, è che mentre lo Stato invita over 80 e operatori sanitari a fare la terza dose di vaccino, sta autorizzando la presenza di non vaccinati nelle RSA. Al di là di questa inadempienza, come Uneba Lombardia controlleremo la certificazione vaccinale sulla base di un obiettivo primario di tutela della salute degli ospiti e degli operatori. Dobbiamo garantire gli ospiti e dobbiamo inibire l’ingresso a quel 5% di operatori che hanno scelto di non vaccinarsi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Green pass e badanti, le FAQ del Governo. Cosa c’è da sapere
Come comportarsi con badanti conviventi senza Green pass o positive al Covid-19? Le risposte di Palazzo Chigi
Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»
L'ex ministra della Salute ha partecipato all'ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»
Green Pass sul lavoro, CIDEC: «Laboratori di analisi risorsa irrinunciabile per far fronte all’aumento della domanda di tamponi»
«La diagnostica di laboratorio è al fianco di lavoratori e imprese per gestire al meglio l’afflusso di richieste per l’effettuazione di tamponi rapidi ed evitare ripercussioni sul regolare svolgimento delle attività di aziende private e pubbliche amministrazioni». Lo dichiara Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità, sigla sindacale che riunisce strutture di laboratorio accreditate in tutta Italia, a seguito dell’entrata […]
Green pass, operatori sanitari si preparano per 1 milione di tamponi al giorno con corso FAD e podcast di Consulcesi
Tortorella (Consulcesi): «Nell'ultima settimana abbiamo registrato un vero e proprio boom di iscrizioni al corso ECM "Un test per tutti. Test di screening diagnostici e il loro funzionamento”: influisce l’attualità ma anche la voglia di non farsi trovare impreparati alla scadenza della proroga»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?