Salute 22 Novembre 2023 14:13

Vivere con un cane o un gatto rallenta il declino cognitivo

Uno studio dell’Università del Maryland, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che la convivenza con un animale domestico può rallentare il tasso di declino cognitivo man mano che si invecchia, soprattutto se si porta a spasso il cane

Vivere con un cane o un gatto rallenta il declino cognitivo

Gatti e cani sono noti per portare gioia e fare compagnia. Ora uno studio dell’Università del Maryland, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che la convivenza con un animale domestico può rallentare il tasso di declino cognitivo man mano che si invecchia, soprattutto se si porta a spasso il cane. Secondo la ricerca, due terzi delle persone che convivono con un cane e che lo portano a spasso ottengono i maggiori benefici sulla propria salute.

Il declino cognitivo è più lento nelle persone che vivono con un animale domestico

Tutti, con l’avanzare dell’età, subiscono un declino delle capacità mentali come l’apprendimento, il pensiero, la risoluzione dei problemi, la memoria e il ragionamento, anche se non sono affetti da demenza. Ma, alcuni sono in grado di mantenere buone capacità cognitive anche in età avanzata e i ricercatori hanno deciso di indagare se le persone con l’avanzare dell’età potessero trarre beneficio dal vivere con un animale domestico. Il team di ricerca ha quindi esaminato i dati di 637 partecipanti di età compresa tra 51 e 101 anni. In totale, quasi un terzo aveva animali domestici, l’11% dei quali viveva con un gatto e il 13% con un cane. L’analisi ha rivelato che, nell’arco di un decennio, la funzione cognitiva è diminuita per tutti i partecipanti con l’avanzare dell’età. Tuttavia, il declino è stato più lento per coloro che vivevano con cani o gatti rispetto a chi non viveva con animali domestici.

Portare a spasso il cane può avere maggiori effetti benefici

Due terzi di coloro che vivono con un cane hanno dichiarato di portarlo a spasso e questo gruppo ha registrato un declino cognitivo ancora più lento. “Lo studio fornisce un’importante prova longitudinale del contributo dell’avere un animale domestico sul mantenimento delle funzioni cognitive negli anziani generalmente sani che risiedono nella comunità, durante la vecchiaia”, spiegano i ricercatori. I conviventi di animali domestici hanno registrato un minore declino delle funzioni cognitive con l’avanzare degli anni, considerando sia la salute preesistente sia l’età. La memoria, la funzione esecutiva, la funzione linguistica, la velocità psicomotoria e la velocità di elaborazione si sono deteriorate meno nell’arco di dieci anni tra i conviventi di animali domestici, specialmente tra chi ha un cane. Coloro che vivono con un gatto hanno registrato un minor deterioramento della memoria e della funzione linguistica.

Vivere con un cane e gatto ha anche un effetto anti-stress

Studi precedenti hanno dimostrato che gli animali domestici possono fornire supporto sociale e che interagire con loro può abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Secondo i ricercatori, altre spiegazioni alla base degli effetti benefici dovuti agli animali da compagnia andrebbero ricercate tra il minor stress tra i conviventi di animali domestici. “Avere un cane può anche portare a un aumento dell’attività fisica grazie alla necessità di portarlo fuori quotidianamente”, sottolineano i ricercatori. “Gli esponenti politici possono utilizzare questi dati a sostegno dell’inclusione degli animali domestici nei piani di assistenza, la progettazione di alloggi e quartieri per anziani che siano favorevoli alle passeggiate con i cani e lo sviluppo di programmi che supportino la convivenza con animali domestici”, concludono.

 

Articoli correlati
Anziani più a rischio cadute per la maggior lentezza di movimento delle braccia
Gli anziani hanno un rischio maggiore di cadere e farsi male perché le loro braccia sono più lente a rispondere quando scivolano. I movimenti delle braccia infatti sono fondamentali per ritrovare l'equilibrio ed evitare le cadute. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori dell'Università dell'Arizona in uno studio pubblicato sul server di pre-stampa bioRxiv
Infarto: per gli anziani è efficace lo stesso trattamento dei giovani
In caso di attacco cardiaco gli anziani dovrebbero ricevere lo stesso trattamento dei giovani. Lo dimostra uno studio coordinato da scienziati italiani e pubblicato sul The New England Journal of Medicine
La temperatura è fondamentale per il sonno degli anziani, l’ideale è tra i 20 e 25 °C
La temperatura notturna in camera da letto gioca un ruolo cruciale nella qualità del sonno degli anziani. Uno studio dell'Istituto di Ricerca sull'Invecchiamento dell'Harvard Medical School ha dimostrato che il sonno può essere più efficiente e riposante quando la colonnina di mercurio non scende sotto i 20 °C e non supera i 25 °C
INTERVISTA | L’allarme di Monsignor Paglia: «Nostri anziani non muoiono di caldo, ma di solitudine e abbandono»
A Sanità Informazione Monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita, lancia un monito a prendersi cura degli anziani specialmente ora che siano nel pieno di un'ondata di calore estremo: «Molte famiglie sono eroiche e non lasciano soli genitori e nonni. Basta RSA come quella del dramma di Milano. DDL 33/2023 sia riforma profonda, non ennesima "leggina"...»
Italia sempre più vulnerabile, 11 milioni di over 50 con fragilità
In Italia, ai primi posti al mondo per longevità, la fragilità cresce più velocemente dell’aspettativa di vita: tra il 2011 e il 2021, gli italiani sopra i cinquant’anni con fragilità lieve, moderata o severa sono passati dal 26% al 40% (oltre 11 milioni di persone), con un trend di crescita costante. È quanto emerge dall’Indagine di Italia Longeva «Trend di fragilità e Long-term care in Italia», presentata oggi al ministero della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.