Salute 31 agosto 2018

 “Fare un film è come fare le ostetriche”, plauso della FNOPO al discorso di Guillermo Del Toro al Festival di Venezia: «Paragone che ci emoziona»

«Citazione che ci rende orgogliose di quello che facciamo per la salute delle donne». Così la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica commenta il paragone del regista nella cerimonia inaugurale della kermesse

Due mondi apparentemente lontani ma accomunati da qualcosa di profondo: aiutare a dare alla luce un bambino è come creare il film. Il paragone tra ostetriche e registi usato dal presidente di giuria del Festival di Venezia Guillermo Del Toro nella cerimonia inaugurale non è passato inosservato. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica, FNOPO, ha commentato con entusiasmo le parole del regista: «L’apertura della 75esima edizione del Festival del Cinema di Venezia ci ha regalato una grande sorpresa e una altrettanto grande emozione: essere nominate, come categoria professionale, nel discorso del regista Guillermo Del Toro, già Leone d’oro lo scorso anno con la pellicola The shape of water (La forma dell’acqua) e attuale presidente di giuria, che ha paragonato il mestiere di fare un film a quello delle ostetriche». La FNOPO rivolge al regista «i nostri personali e più sentiti ringraziamenti per una citazione che ci rende orgogliose di quello che facciamo per la salute delle donne».

«Pensiamo che pochi altri paragoni possano essere più calzanti per descrivere quanto svolto quotidianamente dalle 22mila ostetriche che ci onoriamo di rappresentare – continuano le componenti del Comitato centrale FNOPO, che il 6 e 7 ottobre svolgerà a Modena il suo Congresso nazionale -. Così come una pellicola nasce da sforzo, fatica, impegno, dedizione, coraggio e tanto lavoro, assieme a una irriducibile passione, allo stesso modo accade nel quotidiano della nostra amata professione».

LEGGI ANCHE: OSTETRICIA, VICARIO (FNOPO): «REVISIONARE PERCORSO FORMATIVO. VOGLIAMO UN CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE»

«Questo è ancor più vero – continua la nota – quando si parla di ciò che avviene nelle sale parto. Proprio in quei luoghi, infatti siamo assieme alle donne che mettono al mondo una nuova vita. Donne che aiutiamo e sosteniamo in un periodo così delicato della loro vita, ma anche così carico di emozioni forti, aspettative e sogni che condividono con i loro compagni e le famiglie. Due mondi, quello del cinema e della realizzazione del film con quello dell’Ostetricia, solo apparentemente lontani, nei quali invece i sogni spesso si basano sulla realtà e lo diventano. Anche quando manca purtroppo il cosiddetto “lieto fine”. Per noi, è proprio in quei casi che la nostra professione diventa importante e più ricca umanamente, poiché abbiamo il compito di stare accanto e assistere donne che vivono, ciascuna per vari motivi, esperienze difficili e dolorose. Le ostetriche sono e saranno sempre al loro fianco, accanto alle donne con professionalità e impegno, perché l’evento nascita è un “film” che, sebbene preveda sempre la stessa trama, nella realtà ha uno svolgimento unico».

 

Articoli correlati
Congresso FNOPO, Vicario: «Formazione pilastro per il futuro. Ampliare percorso di laurea in Ostetricia a 5 anni»
Si è conclusa la 35esima assise a Modena. Anelli e Scotti: «Bene lavoro comune su aggressione e sinergia con MMG»
Al via il Congresso Fnopo, la presidente Vicario: «Le ostetriche devono poter gestire la gravidanza a basso rischio in autonomia»
Il 5 e il 6 ottobre Modena ospiterà l’incontro della Federazione, che porrà sotto la lente d’ingrandimento il ruolo dell’ostetrica nel percorso a Basso Rischio Ostetrico. «Far partorire le donne in ospedale non deve portare all’abbandono del territorio. A Roma l’esperimento dell’ostetrica di comunità che affianca il medico di famiglia sta avendo riscontri positivi»
FNOPO: «Sempre con le donne per garantire sicurezza anche in caso di scelte dolorose»
«Promuovere e tutelare la salute delle donne è la mission della professione ostetrica rimanendole accanto anche in un momento difficile come la scelta dell’interruzione volontaria della gravidanza (IVG), da realizzare in sicurezza secondo specifico percorso diagnostico terapeutico assistenziale». Commentano così la Giornata internazionale per l’aborto sicuro i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO). «Pensare […]
Ddl antiviolenza, FNOPO: «Indispensabile essere riconosciute pubblico ufficiale per contrastare aggressioni»
«Come rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane torniamo a chiedere con determinazione il riconoscimento di pubblico ufficiale per le professioni sanitarie, compresa la nostra Categoria». Queste le richieste delle componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica in merito al “no” della ministra della Salute, Giulia Grillo, al riconoscimento dello status […]
Carenza infermieri, la proposta FNOPO: «Restituiamo a sole ostetriche la cura delle donne nelle aree materno-infantili»
La strategia della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica punta alla razionalizzazione delle risorse umane in sanità e all'utilizzo “appropriato” dei professionisti sanitari. «L'ostetrica può offrire da sola l’80% delle cure ostetriche, come certificato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila