Professioni Sanitarie 4 Luglio 2022 18:02

Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600

Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»

La paura di poter essere contagiati ha spinto molte persone a rinviare esami e visite specialistiche durante i periodi più critici della pandemia. Tuttavia, ci sono degli “appuntamenti” che non possono essere rinviati, nemmeno in piena emergenza sanitaria. È il caso del parto e di tutti i controlli che lo precedono. «Durante questi due anni di pandemia, e soprattutto nel pieno delle numerose ondate che si sono susseguite, molte donne hanno scelto di partorire a casa propria – racconta l’ostetrica Irene Marzetti -. Non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto. Nell’ultimo periodo, infatti, a seguito del via libera all’accesso in molti ospedali e cliniche, il numero di parti in casa è leggermente calato, ritornando ad avvicinarsi alle percentuali pre-pandemia», aggiunge la professionista.

L’esercito della libera professione

Irene Marzetti è una libera professionista, una delle 621 operative in Italia (almeno stando al numero di partite iva dichiarate). L’ostetrica libero professionista, operando al di fuori del Sistema Sanitario Nazionale, sopperisce molto spesso alle carenze del servizio pubblico che, in Italia, è ormai da molti anni caratterizzato da gravi carenze di personale. «Chi lavora in regime libero professionale – racconta Marzetti – si occupa della donna a 360 gradi. Non solo al momento del parto, ed in particolar modo se questo avviene a domicilio, ma della salute in giovane età, così come in post menopausa».
Ogni professionista ha la sua specializzazione. «È frequente che nel corso della propria carriera professionale ogni ostetrica si specializzi in un preciso ambito, prediligendo l’assistenza alla gravidanza, al parto e all’allattamento oppure il periodo della menopausa, in cui è frequente un supporto riabilitativo, come ad esempio quello previsto per il pavimento pelvico», spiega Marzetti.

I teleconsulti

La pandemia da Covid-19 oltre ad aver incrementato alcune delle attività che le ostetriche libero professioniste già svolgevano di consueto, ha anche avviato nuove modalità operative. «In questi due anni l’utilizzo dei teleconsulti si è decisamente incrementato – racconta l’ostetrica -. Abbiamo messo a punto delle modalità di comunicazione ad hoc che ci permettessero di non abbandonare mai le nostre pazienti. La donna che sceglie di essere seguita da un’ostetrica libero professionista spesso la fa anche perché desidera poter instaurare un rapporto continuativo con la medesima professionista», racconta Marzetti. Possibilità molto più remota nel SSN dove lo specialista di turno può cambiare anche ad ogni visita. «Grazie ai consulti online – conclude l’ostetrica – non solo siamo riuscite a mantenere un rapporto constante con tutte le nostre donne, anche quotidiano nei casi di maggiore necessità, ma abbiamo dato vita pure a dei momenti di aggregazione e condivisione attraverso dei corsi in modalità virtuale dedicati alle varie fasi della vita della donna, dai consigli per preservare la fertilità, a quelli per il periodo di gestazione, fino alla pre e post menopausa. Iniziative che, considerando il successo riscosso, continueremo senz’altro a promuovere anche quando la pandemia da Covid-19 sarà solo un lontano ricordo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata malattie rare, l’approccio multiprofessionale della FNO TSRM PSTRP a sostegno dei pazienti
Tra le varie iniziative in cantiere sul tema delle malattie rare la FNO TSRM PSTRP ha in programma per il prossimo 29 giugno un evento formativo in occasione della Giornata mondiale della Sclerodermia
Professioni Sanitarie, Ordine TSRM PSTRP di Milano lancia corso per costruire la dirigenza del futuro
L'Ordine di Milano ha inaugurato un corso sul management delle professioni sanitarie. «Capacità di osservazione, curiosità e spirito di iniziativa sono le fondamenta su cui costruire la Dirigenza del futuro» ha spiegato il presidente Diego Catania
Ordine TSRM PSTRP Roma, gli obiettivi della Lista “Sinergia”
Al centro del progetto «una rappresentanza politica delle professioni sul territorio, tale da costituire una presenza attiva e costante in tutti i contesti comunali». Le elezioni si svolgeranno il 16, 17, 18 e 19 dicembre
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...