Salute 13 dicembre 2016

Disabilità, abbattere barriere non solo architettoniche. Biondelli: «Informazione e formazione per potenziare fragilità»

La Sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali Franca Biondelli, in attesa di una possibile riconferma dell’incarico, interviene sul futuro della disabilità: «Dobbiamo lavorare tutti insieme per trasformare la diversità in normalità»

Difficoltà cognitive e di movimento, problemi di comunicazione e sintomi conseguenti alle malattie croniche: sono circa 3 milioni le persone in Italia con forme differenti di disabilità. Questa categoria svantaggiata purtroppo è spesso costretta non solo a fronteggiare le problematiche conseguenti alla malattia ma anche a combattere tutti i giorni contro le barriere architettoniche e burocratiche. Per favorire la consapevolezza relativa ai tanti ostacoli che ogni giorno i disabili si trovano a dover affrontare, il 3 dicembre scorso è stata promossa la Giornata Internazionale per la Disabilità, finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà dei disabili e promuovere la possibilità di accesso a tutti i servizi pubblici.

«Il Governo e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si sono sempre impegnati per favorire l’integrazione delle categorie disabili» interviene Franca Biondelli, sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali in attesa di una eventuale riconferma nel nuovo Esecutivo che probabilmente arriverà entro la fine di questa settimana.

«Su quelle che sono le fragilità della categoria – prosegue la Biondelli – lavoriamo tutti insieme per rendere la debolezza una forza. Quindi con l’Osservatorio della Disabilità, con il Piano di azione a livello nazionale, procediamo compatti per aiutare le categorie svantaggiate. Ritengo sia indispensabile soprattutto, aiutare la persona disabile a diventare autonoma, quindi garantirgli il diritto di potersi muovere senza ostacoli abbattendo le barriere architettoniche e non solo. Inoltre è necessario incentivare la sua integrazione nel mondo del lavoro».

«Noi dobbiamo lavorare in questo senso – conclude il Sottosegretario – fare rete con i nostri Comuni e con le Regioni. C’è molto ancora da fare e dobbiamo lavorare insieme».

Articoli correlati
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Conferenza Regioni, via libera al riparto di 110,1 miliardi del fondo sanitario. Borse MMG aumentano di 800 unità
Assegnati 75 milioni del Fondo disabili alle Regioni a statuto ordinario. Saitta (Coordinatore Commissione Salute): «Gli specializzandi dell’ultimo anno operino immediatamente nell’ambito del sistema sanitario. L'auspicio è che il Governo riallinei il Fondo sanitario a livelli pari a quelli di altri Paesi europei e che soprattutto termini la stagione dei tagli»
Disabilità, parla il Ministro Fontana: «Redigeremo Codice. Borse di studio e pensione anticipata per caregiver»
Tra gli obiettivi quello di potenziare e rendere più fruibile l’assistenza sanitaria domiciliare, favorire l’inclusione scolastica e universitaria. «Il governo deve avere al centro queste persone perché penso che essere loro vicini sia un segno di civiltà», afferma il titolare della Famiglia
Salute nelle città, Troncarelli (Welfare Lazio): «Occorre migliorare stili di vita: presto legge su invecchiamento attivo»
Nel 2050 sette persone su dieci vivranno in contesto urbano con aumento delle malattie non trasmissibili, a partire dal diabete. «Salute non è solo assenza di malattia. Bisogna lavorare per far sì che lo sport sia alla portata di tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...