Salute 13 Dicembre 2016

Disabilità, abbattere barriere non solo architettoniche. Biondelli: «Informazione e formazione per potenziare fragilità»

La Sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali Franca Biondelli, in attesa di una possibile riconferma dell’incarico, interviene sul futuro della disabilità: «Dobbiamo lavorare tutti insieme per trasformare la diversità in normalità»

Difficoltà cognitive e di movimento, problemi di comunicazione e sintomi conseguenti alle malattie croniche: sono circa 3 milioni le persone in Italia con forme differenti di disabilità. Questa categoria svantaggiata purtroppo è spesso costretta non solo a fronteggiare le problematiche conseguenti alla malattia ma anche a combattere tutti i giorni contro le barriere architettoniche e burocratiche. Per favorire la consapevolezza relativa ai tanti ostacoli che ogni giorno i disabili si trovano a dover affrontare, il 3 dicembre scorso è stata promossa la Giornata Internazionale per la Disabilità, finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà dei disabili e promuovere la possibilità di accesso a tutti i servizi pubblici.

«Il Governo e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si sono sempre impegnati per favorire l’integrazione delle categorie disabili» interviene Franca Biondelli, sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali in attesa di una eventuale riconferma nel nuovo Esecutivo che probabilmente arriverà entro la fine di questa settimana.

«Su quelle che sono le fragilità della categoria – prosegue la Biondelli – lavoriamo tutti insieme per rendere la debolezza una forza. Quindi con l’Osservatorio della Disabilità, con il Piano di azione a livello nazionale, procediamo compatti per aiutare le categorie svantaggiate. Ritengo sia indispensabile soprattutto, aiutare la persona disabile a diventare autonoma, quindi garantirgli il diritto di potersi muovere senza ostacoli abbattendo le barriere architettoniche e non solo. Inoltre è necessario incentivare la sua integrazione nel mondo del lavoro».

«Noi dobbiamo lavorare in questo senso – conclude il Sottosegretario – fare rete con i nostri Comuni e con le Regioni. C’è molto ancora da fare e dobbiamo lavorare insieme».

Articoli correlati
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Fondazione TIM: con “TIMPEOPLE for Good” dona 200 mila euro a sostegno dei migliori progetti per il sociale
È BOT-TOM il vincitore dell’edizione 2019 di TIMPEOPLE for Good, l’iniziativa di Fondazione TIM finalizzata a dare spazio all’impegno delle persone del Gruppo TIM nel campo del sociale e alle loro esperienze di solidarietà. Il premio del valore di 100 mila euro, è stato consegnato a Roma dal Presidente TIM Fulvio Conti. Il progetto, nato […]
Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»
Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti