Salute 9 Giugno 2022 12:41

Lovegiver: ecco chi è e cosa fa

Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva

«Sophie è la parte perfetta di me. Vederla correre, giocare, ridere è la gioia più grande della mia vita». A parlare è Maximiliano Ulivieri, un uomo di 52 anni  affetto dalla C.M.T. – 1A (Charcot-Marie-Tooth) che colpisce i muscoli e i nervi periferici.

Il Comitato Lovegiver

Sophie è venuta al mondo poco più di due anni fa ed è solo il traguardo più grande di una vita costellata di tante vittorie, tutte sudate e meritate. Maximiliano ha cominciato fin da giovanissimo a battersi affinché a tutti i disabili, affetti da disabilità fisico-motoria e/o psichico-cognitiva, venisse riconosciuto il diritto all’affettività ed alla sessualità. «Per questo – racconta Maximiliano – nel 2013 ho fondato il Comitato Lovegiver, sulla scia di iniziative simili già consolidate in altri Paesi, come ad esempio in Germania o Danimarca. Ho scelto il termine Lovegiver per suscitare interesse e curiosità, ma in realtà è più corretto parlare di assistenza all’emotività, all’affettività e alla sessualità, assistenza fornita da professionisti formati ad hoc e definiti attraverso l’acronico O.E.A.S. (dove “o” sta per operatore)».

Chi è l’O.E.A.S.

«L’O.E.A.S. è un operatore professionale, uomo o donna con orientamento bisessuale, eterosessuale o omosessuale con delle caratteristiche psicofisiche e sessuali “sane” – sottolinea Ulivieri – tanto che gli aspiranti O.E.A.S. devono superare una selezione accurata prima di poter accedere al percorso formativo. Tra i principali obiettivi vi è quello di abbattere lo stereotipo secondo cui le persone con difficoltà e disabilità siano soggetti “asessuali” o, comunque, non idonee a vivere e sperimentare la sessualità».

La proposta di legge

L’O.E.A.S. non è una figura professionale riconosciuta a livello nazionale. O almeno, non ancora. Maximiliano, infatti, da oltre un decennio porta avanti anche un’altra battaglia, quella per l’approvazione di una legge che riconosca questa professione in ambito socio-sanitario e, di conseguenza, affermi il diritto alla sessualità di tutte le persone disabili. «Mi riferisco a disabilità di ogni tipo, da quelle fisiche a quelle cognitive, e di gravità differenti. I livelli di autonomia di una persona disabile sono estremamente variabili, tanto che nei casi più estremi, quelli in cui non è possibile muovere nessuna parte del corpo, anche l’autoerotismo è totalmente impossibile da praticare. Ed è proprio in queste situazioni più estreme – racconta il presidente di Lovegiver – che il contributo del Comitato è ancor più prezioso».

«Ecco come sono arrivato fin qui»

Nel caso di Maximiliano la strada è stata sì in salita, ma ha potuto percorrerla in autonomia: «Ho cominciato ad approcciarmi all’altro sesso chattando in rete – racconta -. Ho sempre pensato che se avessi conquistato la testa di una donna, poi il resto sarebbe stato in discesa. E così è stato. Ovviamente, non sempre la sintonia instauratasi a livello mentale è riuscita a rimanere inalterata pure durante gli incontri vis à vis. Ci sono state donne che non sono riuscite ad “accettare” il mio aspetto. Ma sono convinto che questo sarebbe potuto succedere anche se non fossi stato disabile: molte storie cominciano, poche continuano e, nel migliore dei casi, una sola dura per un’intera esistenza. Così accade a tutti e così è accaduto anche a me: ho avuto le mie esperienze, le mie storie più o meno importanti, fino all’incontro con la donna della mia vita, colei che due anni fa ha messo al mondo la mia piccola e meravigliosa Sophie. E così, come mia figlia ha illuminato la mia vita, continuerò con il mio Comitato a sostenere le persone più fragili e le loro famiglie, affinché anche loro – conclude Maximiliano – possano essere pervasi dalla stessa intensa luce».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il sesso (e i relativi problemi) nell’epoca del metaverso
Intervista alla dottoressa Annalisa Baldi, psicoterapeuta breve strategica: «A volte la realizzazione del piacere diventa una vera e propria dipendenza»
Università: migliora l’accesso agli studenti con disabilità
Diffuso il nuovo report dell'Anvur su accesso alle università da parte degli studenti disabili. Registrati importanti miglioramenti
di Redazione
«C’è molta strada da fare sulla percezione della disabilità», Comellini (Anvur)
Anvur invita a migliorare la percezione della disabilità nelle università e nella società in generale
di Redazione
Abetone Cutigliano 2022: il “Pinocchio sugli sci” apre alla disabilità ed allo sport accessibile
All’interno delle iniziative di Abetone Cutigliano città Toscana dello Sport 2022, l’amministrazione comunale, insieme alla Regione Toscana e all’Osservatorio Malattie Rare, ha organizzato una intera giornata dedicata alla disabilità con la promozione del convegno “Abetonabile: città dello sport, città per tutti”. Durante il convegno, moderato da Francesco Macchia, Vicepresidente di OMaR, molti gli interventi di […]
La pandemia ha modificato la sessualità dei giovani. Meno rapporti reali e più porno online
Un'indagine della Fiss mostra che la pandemia ha cambiato la sessualità dei giovani, riducendo i rapporti reali e aumentando il consumo di porno online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...