Salute 16 Giugno 2021 11:57

Congresso CNOP, Lazzari: «Nel SSN solo 5 mila psicologi». Ecco quanti ne servirebbero

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ha presentato un documento che raccoglie le proposte della categoria per l’attuazione della legge 176, evidenziando il numero minino di psicologi necessari in quattro principali ambiti: le cure primarie, i servizi specialistici, gli ospedali e l’organizzazione aziendale

di Isabella Faggiano
Congresso CNOP, Lazzari: «Nel SSN solo 5 mila psicologi». Ecco quanti ne servirebbero

“Se vuoi lo psicologo o lo psicoterapeuta te lo devi pagare”: con soli 5 mila psicologi assunti nel Servizio Sanitario Nazionale, le attività psicologiche e psicoterapiche sono state trattate, fino ad oggi, come un bene di lusso e non essenziale.

Ora, la pandemia ha mostrato chiaramente che ogni situazione in cui è implicata la salute ha un importante risvolto psicologico. «L’86,6% dei ricoverati nelle terapie intensive per Covid ha problemi o sequele psicologiche significative (anche di tipo cognitivo che richiedono riabilitazione neuropsicologica), così come il 56% dei ricoverati per Covid, il 34% dei positivi in quarantena e il 25,5% della popolazione in generale», spiega David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, CNOP.

Il Congresso Nazionale degli Psicologi

Dati allarmanti che hanno spinto la categoria professionale ad elaborare un Documento che evidenziasse, anche  numericamente, i contesti di cura in cui è necessario inserire o incrementare la figura dello psicologo. Il lavoro è stato presentato oggi in occasione del Congresso Nazionale del CNOP “Per una Sanità delle persone: proposte per l’attuazione delle aree funzionali di psicologia di cui all’art.20-bis legge 176/2020 per l’implementazione dei Lea nel PNRR”.

«Questo evento, organizzato al ministero della Salute alla presenza di diversi rappresentanti istituzionali – dice Lazzari a Sanità Informazione -, nasce con l’obiettivo di esporre le proposte della comunità degli psicologi per l’attuazione della legge 176, frutto anche di un’evidenza emersa clamorosamente durante la pandemia, non solo di un’insufficienza numerica degli psicologi, ma anche di una cattiva organizzazione. La componente psicologica è presente nella prevenzione, nella promozione della salute, nella cura, nella riabilitazione, nell’assistenza alla cronicità, nelle attività di supporto al personale e all’organizzazione, compresi i problemi legati allo stress ed al burnout degli altri operatori sanitari».

Il Documento in sintesi

Le aree del SSN in cui è necessario prevedere o aumentare la presenza degli psicologi sono essenzialmente 4: le cure primarie, i servizi specialistici, gli ospedali e l’ambito dell’organizzazione. «Come evidenziato nel nostro Documento, affinché possano essere erogate le attività ambulatoriali e domiciliari previste dai LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e dal PNC (Piano Nazionale Cronicità) – sottolinea il presidente del CNOP – è necessario prevedere la presenza degli psicologi nelle Case della Comunità e nell’assistenza domiciliare».

«Sulla base della rilevazione effettuata sui carichi di lavoro sulla media dei servizi e sugli standard internazionali, per questo ambito si prevede un minimo di uno psicologo ogni 9 mila abitanti. Per quanto riguarda, invece, i servizi specialistici lo standard minimo sale ad un professionista ogni 11 mila abitanti. Negli ospedali, considerando le attività previste dai LEA, la necessità è di almeno 4 dirigenti psicologi. Infine, nell’ambito organizzativo, che comprende attività rivolte al personale (per il miglioramento della comunicazione, delle relazioni, gestione del rischio, dei conflitti, dello stress e burnout) e all’organizzazione (dalla collaborazione alla rilevazione e miglioramento dei climi organizzativi, delle attività per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, della qualità, progettazione degli ambienti, implementazione del lavoro di gruppo, risk management) si prevede uno standard minimo di uno psicologo ogni 70 mila abitanti».

I benefici

Tutti questi interventi non solo migliorerebbero la salute dei cittadini, ma costituirebbero un evidente risparmio per le casse dello stato. «Il Washington State Institute for Public Policy ha dimostrato che per ogni euro speso per interventi psicologici per depressione ed ansia si genera una riduzione dei costi tra 15 e 50 euro – aggiunge il presidente CNOP -. Prevenendo comportamenti a rischio, disturbi e malattie, effettuando abilitazione e riabilitazione in età evolutiva e adulta, rendendo più efficaci le cure e la gestione delle situazioni croniche si aiuta la psiche. E aiutare la psiche – conclude Lazzari – vuol dire aiutare la vita».

Speranza: «Necessario rafforzare ruolo e funzione dell’area psicologica all’interno del nuovo Ssn»

«Abbiamo vissuto mesi drammatici» ma «ci troviamo ancora in una pandemia», anche se riusciamo a guardare con «maggiore fiducia al futuro». In mesi «così complicati abbiamo però potuto contare sulla vostra professione e sulle vostre competenze. Nei momenti più delicati abbiamo attivato un numero verde per rispondere alle paure e alle ansie di tantissime persone e tanti psicologi si sono messi a disposizione dell’interesse comune». Così il Ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo al Convegno nazionale del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi. Speranza ha poi aggiunto che in questa fase dobbiamo «necessariamente tenere insieme due indirizzi fondamentali». Il primo è «quello che è stato prevalente negli ultimi mesi, ovvero la sfida della pandemia. Il quadro è di certo migliorato – ha spiegato – e grazie ai vaccini siamo in condizione di pianificare una fase di gestione diversa della circolazione del virus». Una fase che prevede anche «un percorso di riapertura» e che, con ogni probabilità, poterà «il 99% del Paese ad entrare in zona bianca». L’altro indirizzo a cui fa riferimento Speranza è quello «di lungo periodo: il Covid verrà sconfitto», in quanto «ci sono le condizioni per vincere questa sfida. Ma dobbiamo imparare da questa lezione», e dunque è necessario «programmare e progettare una nuova stagione del nostro Ssn». Trasformare «la crisi in un’opportunità di rilancio», dunque, è la vera sfida che abbiamo davanti: «Costruire la sanità del futuro, dentro cui ci sono un ruolo e una funzione dell’area psicologica che vanno assolutamente rafforzati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Psicologi nelle carceri, nuovi stanziamenti per quasi quattro milioni di euro
Incontro al Ministero della Giustizia tra la Sottosegretaria di Stato Anna Macina e il Presidente del CNOP David Lazzari.
David Lazzari (CNOP) scrive al Dap: «Troppi suicidi, psicologi siano inseriti in modo stabile nelle carceri»
«Per provare a incidere sulle molteplici cause di fatti così gravi è necessario a nostro avviso saper leggere il contesto per agire anche con e sull'organizzazione» spiega il presidente dell'Ordine degli Psicologi David Lazzari
Psicologia, Lazzari (CNOP): «Bonus psicologo apprezzato perchè ha intercettato bisogni reali»
Il presidente del Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi spiega: «Il problema è che in Italia manca una rete pubblica per il disagio psicologico, il bonus è una prima risposta». Poi rilancia il tema dello psicologo scolastico: «C’è grande incertezza ma ho lavorato affinchè il protocollo con il MUR proseguisse. La misura andrebbe stabilizzata, politica deve assumersi responsabilità»
Bonus psicologo, il ministero della Salute esclude gli psicoterapeuti
Il ministero della Salute esclude i medici psicoterapeuti tra i professionisti a cui i cittadini possono rivolgersi, ottenendo il bonus psicologico previsto dal provvedimento Milleproroghe
di Redazione
Nel Ssn mancano gli psicologi, ma i vincitori di concorso pubblico restano senza un lavoro. Il paradosso italiano
Il caso della regione Lazio, l’avvocato Zimbardi: «Nelle aziende sanitarie regionali mancano psicologi e psicoterapeuti. C’è urgenza di coprire interamente i fabbisogni attingendo alla graduatoria del concorso che, dopo essere stato atteso per oltre 15 anni, è stato indetto nel 2019»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi