Voci della Sanità 23 Aprile 2021 10:56

Burnout tra il personale sanitario, Marchetti (Simedet): «Attivare strumenti per rispondere a richieste di aiuto»

«Le tecniche di psicologia dell’emergenza di defusing e debriefing, sono applicabili a distanza e permettono di supportare gli operatori sanitari idealmente in qualsiasi momento» sottolinea Roberto Marchetti, psicologo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio

È «boom» di pensionati tra i «camici bianchi», nella stagione (fragilissima) della pandemia, in cui la loro carenza assume contorni preoccupanti: dal 2014 al 2020 la percentuale dei medici di famiglia andati in quiescenza segna +290%, in incessante ascesa (da 898 a 3.500, nel periodo esaminato). Più bassa, ma non meno sostanziosa, la quota di specialisti ambulatoriali nella schiera dei percettori di trattamenti previdenziali, giacché, sempre dal 2014, sono incrementati del 182% (da 411 a 1.160) con un aumento ancora più marcato  per il 2021 (dati ENPAM). 

«Una delle principali cause della richiesta di pensionamento è l’attuale situazione psicologica di molti professionisti sanitari che sono stati sottoposti ad un stress psicologico maggiore, che si può paragonare ad una sindrome da stress post – traumatico di cui sono affetti spesso i militari dal ritorno da missioni militari particolarmente cruenti», sottolinea Roberto Marchetti,  psicologo dell’Ordine degli Psicologi del Lazio e membro della Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica. 

«Nelle prime fasi dell’epidemia la categoria più coinvolta in ambito psicologico  risultavano essere  i giovani universitari ed i teenager alle prese con le restrizioni dettate dal Covid, che nella fase iniziale più degli altri si sono trovati a chiedere aiuto e supporto psicologico. Ciò che più mancava, a tutti coloro costretti alla didattica a distanza, era ed è la socialità con i propri compagni e coetanei, la possibilità di uscire, frequentare gli amici a scuola in palestra e nei luoghi d’incontro. Una situazione di malessere, incertezza e inquietudine con conseguenze sugli equilibri familiari. I genitori infatti sono diventati la seconda categoria che più si è rivolta agli psicologi per un consiglio su quali comportamenti adottare e come risolvere situazioni più o meno drammatiche sia con i figli che nella coppia. I principali sintomi riscontrati sono la paura generalizzata nei confronti del virus, il timore ad uscire, l’ansia nel gestire la solitudine piuttosto che la costrizione tra le mura domestiche. Stati d’animo che si riscontrano nelle persone anziane come nei giovani»

«Andando avanti con la pandemia il range demografico si è ampliato a macchia d’ olio coinvolgendo ragazzi sempre più giovani ed adulti sempre più anziani. Mentre questi ultimi si sono rivolti agli psicologi nella maniera tradizionale quindi presso lo studio del professionista o per telefono, le generazioni più giovani, i nativi digitali, hanno sperimentato le piattaforme che forniscono “abbonamenti” di sedute in base alle proprie esigenze. Questo è sicuramente positivo perché si ha un facile accesso al sistema, si paga con carta di credito e si prende un appuntamento che può essere sia immediato che programmato nel tempo senza uscire di casa in accordo con lo psicologo. La situazione è diversa per i disturbi più gravi o per applicare determinate tecniche che , dal vivo, hanno maggiore successo». 

«Sicuramente coloro che potrebbero beneficiare di questo “nuovo” sistema sono gli operatori sanitari. È accessibile, fruibile in qualsiasi momento, economico e comodo in quanto il professionista ed il paziente possono mettersi d’accordo sui tempi in autonomia. Gli operatori sanitari sono esposti da inizio della pandemia ad un ulteriore stress aggiuntivo e continuo che è già proprio delle professioni di aiuto e che, mentre si mantiene constante, logora l’operatore fino ad arrivare ad una vera e propria sindrome da stress post traumatico. Le tecniche di psicologia dell’emergenza di defusing e debriefing, sono applicabili a distanza e permettono di supportare gli operatori sanitari idealmente in qualsiasi momento nel rispetto delle norme anti Covid e della reciproca disponibilità. Il defusing è un intervento breve condotto da uno psicologo con colloqui singoli o di gruppo, che si tiene su soggetti reduci di un evento fortemente drammatico o traumatico. L’obiettivo di questo intervento è cercare di iniziare a rielaborare brevemente e/o collettivamente il significato dell’evento, ed a ridurne l’impatto emotivo. Durante il colloquio si ha l’opportunità di parlare dei fatti inerenti all’accaduto, dei propri pensieri e del proprio vissuto emotivo in relazione a quanto occorso. Il defusing è per certi aspetti una versione ridotta e modificata del debriefing, che permette di valutare se sia necessario un intervento più strutturato». 

«Il lavoro on line svolto correttamente, può aiutare a diminuire o permettere di rimodulare l’intensità delle reazioni emotive inevitabilmente generate da un’esperienza difficile, la prevenzione e la tempestività della richiesta di aiuto possono essere determinanti per una prognosi positiva ed una duratura qualità della vita». 

Articoli correlati
Congresso Simedet, ad Assisi il 18 e 19 giugno per parlare di “spirito critico” e terapie innovative
Il II Congresso Nazionale della Simedet avrà il Patrocinio Istituzionale della Conferenza permanente Stato Regioni e delle province autonome, della Regione Umbria, della Città di Assisi e degli Ordini delle Professioni Sanitarie
La sanità del futuro sarà basata su “Multidisciplinarietà e Buone pratiche”. L’iniziativa di Simedet e Careggi
Videoconferenza Nazionale FAD ECM promossa dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi in collaborazione con la Simedet il 19 maggio
Covid-19, l’importanza delle buone pratiche in Sanità nella partnership tra Simedet e Forum Risk Management
Il webinar si terrà il prossimo 27 maggio dalle ore 14.30 alle 18.30. Il Presidente della Simedet Capuano: «L'obiettivo del corso è quello di fornire un valido contributo esperienziale di tutte le Professioni Sanitarie e del loro capitale umano della nostra Sanità Pubblica e privata accreditata che da mesi fronteggia una vera e propria emergenza sanitaria»
Simedet lancia i “Quaderni Covid-19 ad uso delle professioni sanitarie”. Il messaggio del Ministro Speranza
IL Presidente Nazionale Simedet Fernando Capuano ha ringraziato il titolare della Salute per il suo sostegno e tutti gli autori della pubblicazione. Dal sistema immunitario alla gestione psicologica del paziente, i principali temi
Dall’attività divulgativa al Forum Risk, la Simedet traccia il bilancio 2020: «Col Covid ci siamo reinventati per far dialogare i soci»
«Abbiamo scelto di non farci trascinare nello “scontro mediatico" tra le diverse e a volte contrapposte posizioni sulle strategie sanitarie d’intervento per contrastare la pandemia» sottolinea in una lettera agli iscritti la Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco