Salute 7 Novembre 2019

Congresso AME, il presidente Guastamacchia: «I giovani la nostra più grande risorsa. Puntare su innovazione digitale»

A Roma i lavori del 18° Congresso nazionale dell’Associazione medici endocrinologi: «Ampio spazio a diabete e tiroide e alle potenzialità della tecnologia per migliorare l’assistenza e il rapporto con il paziente»

Immagine articolo

All’Ergife Palace Hotel di Roma si è svolto il 18° Congresso nazionale dell’Associazione Medici Endocrinologi, uno dei principali appuntamenti italiani sull’endocrinologia. L’evento, con la partecipazione di relatori italiani e stranieri di grande spessore e consolidata esperienza clinica, è ormai un’occasione di aggiornamento e confronto sulle malattie endocrinologiche che colpiscono un’ampia fetta della popolazione italiana e mondiale.

Obesità, diabete, tiroide, fertilità, osteoporosi e malattie metaboliche sono solo alcuni dei temi al centro della quattro giorni congressuale. Quest’anno, infatti, è stato dato ampio spazio anche alla telemedicina al servizio dell’endocrinologia. Il presidente dell’AME, il professor Edoardo Guastamacchia – docente presso la Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università di Bari – ha illustrato temi e obiettivi della manifestazione ai microfoni di Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: NODULI TIROIDEI, INTERVENTO CHIRURGICO NECESSARIO SOLO NEL 5% DEI CASI. GUGLIELMI (AME): «EVITARE ECCESSO INTERVENTISMO»

Presidente, quali sono le novità, i punti di forza e le tematiche che saranno trattate nel corso del congresso?

«Come è noto, abbiamo un gemellaggio con l’AACE, l’associazione dei clinici endocrinologi americani (American Association of Clinical Endocrinologists) con cui apriamo il congresso. Ci saranno sessioni AACE-AME che tratteranno argomenti relativi a tiroide, ipofisi e diabete. Poi, inizieranno i simposi con gli esperti e tutti gli argomenti che riguardano l’endocrinologia saranno trattati in modo approfondito e con rigore scientifico. Le sessioni che ritengo debbano essere messe maggiormente in risalto sono quelle relative alla patologia tiroidea e alla malattia diabetica. Sono quelle seguite con maggiore attenzione ed entusiasmo dai nostri iscritti, perché dopo il diabete le patologie tiroidee sono quelle più diffuse. Per il futuro, ritengo che sia fondamentale migliorare il rapporto con la tecnologia, soprattutto per quanto riguarda il diabete. Basti pensare all’holter glicemico, ai microinfusori e alla telemedicina che in futuro saranno di estrema utilità nell’intento di favorire il rapporto medico-paziente e migliorare l’assistenza e la qualità della vita.

Qual è il suo primo bilancio come presidente AME?

«Avevo detto che avrei continuato l’iter e il cammino segnato dai miei precedessori e credo di aver mantenuto questa promessa. Abbiamo stimolato ulteriormente il gruppo dei giovani medici AME che è ormai consolidato con più di 400 iscritti e rappresenta la nostra principale risorsa e il nostro futuro. Abbiamo una nostra rivista scientifica dove tutti potranno pubblicare i contenuti e i lavori scientifici; questo è un grande obiettivo raggiunto. Penso che bisogna continuare su questo cammino per raggiungere l’eccellenza sulle patologie endocrine a livello omogeneo su tutto il territorio nazionale. Una cosa a cui tengo molto è migliorare il rapporto con il paziente; già in questo congresso è previsto uno spazio per denunciare problemi ed esigenze. Mi auguro che in futuro possa essere un rapporto sempre più solido».

LEGGI ANCHE: TELEMEDICINA, IN LOMBARDIA NASCE IL PRIMO AMBULATORIO VIRTUALE DI ENDOCRINOLOGIA TARGATO POLITECNICO E AME 

Articoli correlati
Covid-19, sensori ambientali sul posto di lavoro per prevenire il contagio
Tornare tutti in ufficio o in azienda ma in condizioni di sicurezza da Covid-19, per far ripartire l’economia colpita dalla pandemia virale, rappresenta oggi una priorità. Aziende e pubblica amministrazione devono mettere in funzione gli strumenti più idonei a permettere la convivenza in spazi chiusi come gli uffici nel periodo di riapertura, anche se graduale. […]
Covid-19, Guastamacchia (Ame): «Ecco le regole da seguire per i pazienti diabetici»
Il presidente dell’Associazione medici endocrinologi (Ame) fornisce specifiche raccomandazioni e indicazioni alle persone con diabete per prevenire e gestire al meglio questo momento di emergenza sanitaria
Covid-19, da AME le indicazioni per i pazienti endocrinopatici
Tra i casi mortali di Wuhan in Cina le comorbilità più frequenti: ipertensione, diabete, cardiopatia e ictus pregressi
Coronavirus, il vademecum di SIMG, ISS e OMS per trattare i pazienti positivi a domicilio
La Società Italiana di Medicina Generale pubblica un vademecum dettagliato condiviso con ISS e OMS su come debba essere seguita l’assistenza domiciliare per i pazienti infetti da SARS-CoV-2. «Con l’aumentare della diffusione di Covid-19 si assisterà ad una crescita dei pazienti con pochi sintomi che potranno essere curati a casa. Seguiremo a distanza tutti i pazienti» assicura il Presidente SIMG Claudio Cricelli
Risk management, Relyens sigla cinque partenariati tecnologici per rafforzare la sicurezza
Relyens, gruppo mutualistico europeo di riferimento nel settore assicurazione e gestione rischi per gli operatori sanitari e territoriali, rafforza il suo approccio globale ai rischi proponendo soluzioni di prevenzione basate sull’utilizzo dei dati e dell’intelligenza artificiale. Le nuove soluzioni sono offerte grazie a cinque partenariati esclusivi siglati con partner tecnologici di prim’ordine e focalizzati su […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 aprile, sono 1.348.628 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 74.834 i decessi e 285.064 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...