Voci della Sanità 20 Settembre 2019

Endocrinologia, il 3 ottobre a Perugia Simedet e Usl Umbria 1 chiamano medici e infermieri a parlare di come affrontare l’urgenza

Il Congresso “Le Urgenze Endocrinologiche” si svolge al Centro di Formazione dell’Usl Umbria 1.  Responsabili scientifici Manuel Monti e Giuseppe Murdolo

Torna a Perugia il congresso “Le Urgenze Endocrinologiche”, giunto alla sua 4а edizione ed organizzato dal Centro di Formazione dell’Usl Umbria 1 e dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica (SIMEDET).

Il congresso si terrà il 3 Ottobre alle ore 9 presso il Centro di Formazione dell’Usl Umbria 1 (Parco Santa Margherita – Perugia).

Il Congresso nasce dalla necessità di mettere a confronto l’esperienza e la professionalità di diversi clinici esperti in vari settori specialistici che parleranno dell’attuale stato dell’arte relativamente ad alcune diffuse patologie di interesse endocrinologico. Obiettivo del corso è saper riconoscere ed affrontare situazioni di urgenza ed emergenza in ambito endocrinologico e metabolico e gestire l’approccio terapeutico urgente nel paziente con gravi squilibri idroelettrolitici ed acido-base. «La tipologia dei pazienti ricoverati in Medicina Interna e d’urgenza rende fondamentale per noi medici d’urgenza conoscere anche le patologie di pertinenza endocrinologica più frequenti affinchè sia possibile identificare e iniziare il trattamento terapeutico il più precocemente possibile», spiega il dott. Manuel Monti, responsabile del reparto di Medicina a ciclo Breve e della Medicina dell’Ospedale di Assisi. «Per tale motivo – continua Monti – attualmente ad Assisi si sta assistendo ad un progetto che vede coinvolti nella gestioni dei pazienti ricoverati un team multidisciplinare composto da vari specialisti provenienti da diversi ambiti specialistici (Pronto Soccorso, Medicina Interna, Cardiologia, Endocrinologia) che si prendono carico del paziente dall’arrivo in PS fino alla dimissione».

«Il compito della SIMEDET è quello di promuovere svolgere attività finalizzate ad adeguare le conoscenze professionali ed imparare ad effettuare un lavoro multidisciplinare, coinvolgendo i vari specialisti ma anche attraverso il confronto e lo scambio tra le varie figure professionali che lavorano nell’urgenze. Sin dalla prima edizione infatti il corso sulle urgenze endocrinologiche ha basato il proprio programma su interventi sia dei medici sia degli infermieri che ogni giorno svolgono un ruolo fondamentale nella corretta gestione del paziente», prosegue il dott. Giuseppe Murdolo dell’Azienda Ospedaliera di Perugia e membro del Comitato Scientifico della SIMEDET.

Questo evento rappresenta un momento di condivisione fra numerosi esperti come il dott. Alberto Falorni (Azienda Ospedaliera di Perugia) il dott. Davide Rossi (Servizio di Nefrologia Usl Umbria 1) e il   dott. Francesco Sgarbato uno dei massimi esperti di squilibri acido – basi in Italia.

Inoltre interverranno nella stessa giornata la dott.ssa Stefania Marzotti che discuterà della gestione delle ipocalcemie assieme agli infermieri Saverio Rampacci e Sara Ciuffone dell’UO di Medicina a Ciclo Breve di Assisi.

In conclusione questo evento ha come scopo quello di permettere un momento di riflessione fra provenienti da diverse realtà affinchè ci possa essere un confronto fra realtà talvolta diverse fra loro.

Articoli correlati
Covid19, il primo maggio ad Assisi commemorazione per onorare i sanitari caduti
Lo comunica una nota della Simedet. Il momento di raccoglimento avverrà nelle vicinanze dell’Ospedale di Assisi alle ore 12. I caduti saranno ricordati attraverso l’accensione delle luci lampeggianti dei mezzi di soccorso. Diretta sulla pagina Facebook della Società presieduta da Fernando Capuano
Covid19, online rivista della Simedet dedicata al coronavirus. Capuano: «A fine emergenza la sanità non sarà più come prima»
Nel numero anche un articolo di Antonio Panti (FNOMCeO) e del sociologo Paolo Trenta. Nell’editoriale il presidente della Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica: «Non siamo riusciti a proteggere e tutelare i nostri operatori sanitari in prima linea e nella rete territoriale con un elevato numero di vittime appartenenti a tutte le Professioni Sanitarie e con il pericolo concreto di compromettere la capacità di risposta del nostro Sistema Sanitario»
COVID19, Monti (Simedet): «Origine sicuramente animale. Ai medici dico: tuteliamo anche il piano emotivo dei pazienti»
In una lettera indirizzata agli iscritti della Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, Monti sottolinea: «È importante che i colleghi si informino esclusivamente attraverso i canali istituzionali»
Coronavirus, vademecum UNID-SIMEDET con le raccomandazioni per gli igienisti dentali: «Attenzione alle mascherine, non tutte sono efficaci»
Tra le raccomandazioni, redatte con il supporto degli igienisti della Simedet, l’utilizzo regolare degli usuali dispositivi di protezione (occhiali, guanti, divisa) e la disposizione di evitare affollamento negli studi. Importante scegliere la mascherina FFP3 che protegge efficacemente da aerosol di goccioline, molecole proteiche, virus, batteri, funghi e spore
Simedet mobilitata per il COVID-19: il 4 marzo a Perugia incontro all’Ordine dei Medici
Per la Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica saranno presenti Igino Fusco Moffa e Manuel Monti. Tra gli obiettivi quello di descrivere agli operatori la natura dell’emergenza sanitaria internazionale e individuare strategie di prevenzione e controllo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco