Salute 7 Ottobre 2019

Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»

«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi

Eccesso di interventismo. Sono le parole che più volte utilizza il dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, riferendosi alle operazioni chirurgiche sulla tiroide.

40mila gli interventi l’anno, ma la maggior parte di questi potrebbe essere evitata: «Il trattamento chirurgico – spiega il dottor Guglielmi a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi Ame – dovrebbe essere riservato principalmente ai noduli maligni, che rappresentano solo il 5% dei casi. I noduli benigni vanno operati solo se sono di grandi dimensioni e causano una serie di effetti collaterali come difficoltà a deglutire, a respirare o a mantenere una certa posizione. Per i casi rimanenti – continua Guglielmi – esistono metodiche alternative alla chirurgia». Alcune collaudate da molti anni, altre più nuove e innovative, le alternative esistono e hanno effetti collaterali minimi. Sicuramente di gran lunga inferiori a quelli di un intervento chirurgico.

È soprattutto nelle periferie che si rischia un’operazione non necessaria: «Nei centri ad alto flusso – aggiunge Guglielmi – ci sono protocolli e percorsi che vengono seguiti dai medici e dai chirurghi, per cui la maggior parte degli interventi serve ad asportare patologie maligne. Nei centri non ad alto flusso, invece, si operano pochissime tiroidi e anche se non sono presenti i criteri di operabilità».

Questione di formazione e di aggiornamento? Preferisce la parola “condivisione”, il dottor Guglielmi: «È molto importante confrontare l’esperienza vissuta ogni giorno in laboratorio con quello che viene scritto nelle linee guida. Ed è proprio questo l’obiettivo di eventi come “Thyroid UpToDate” – conclude -, un convegno interattivo che consente la partecipazione di tutti i colleghi presenti in aula».

LEGGI ANCHE: NODULI DELLA TIROIDE, DONNE COLPITE 5 VOLTE PIU’ DEGLI UOMINI. MONITO DI AME: «BENIGNI NEL 95% DEI CASI, ECCESSO DI INTERVENTI»

 

Articoli correlati
Covid-19, da AME le indicazioni per i pazienti endocrinopatici
Tra i casi mortali di Wuhan in Cina le comorbilità più frequenti: ipertensione, diabete, cardiopatia e ictus pregressi
Abuso di oppioidi in Italia, gli endocrinologi AME: «Maggior rischio di sviluppare malattie endocrine»
Ipogonadismo in più della metà degli uomini che assumono oppioidi e iposurrenalismo nel 15-24% dei pazienti, in Italia ben 350 mila persone dipendenti da oppioidi, di cui circa 140 mila in trattamento. L’età media sui 25-26 anni
Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME
Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività lavorativa a vantaggio dei pazienti. Come il lavoro in equipe»
Endocrinologia: in aumento l’uso della telemedicina. Le parole più cercate sono “menopausa” e “tiroide”
Associazione Medici Endocrinologi (AME) rivela i dati delle piattaforme di telemedicina. L’identikit dell’utente: il 60% è donna e vive in città
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...