Lavoro 10 Giugno 2019

Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»

«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l’evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”

Immagine articolo

Una diagnosi nefasta, una comunicazione inesatta o delle naturali complicanze, un qualsiasi errore, anche apparente, rischia di portare medici e pazienti nell’aula di un tribunale, aprendo un contenzioso. Finire davanti ad un giudice è diventando un vero e proprio incubo per la categoria, con risvolti negativi anche per i cittadini, come ad esempio la cosiddetta medicina difensiva che porta il medico ad essere più timoroso nello svolgere la sua professione e a prescrivere spesso esami non necessari. Se ne è parlato a Milano durante l’evento “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”, dove il gruppo Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario ha lanciato la soluzione conciliativa anche denominata “Arbitrato della Salute”. A partecipare anche il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi.

A Milano si registra una causa al giorno per i camici bianchi, quanto influisce questo sul lavoro dei medici?
«Il contenzioso medico-legale in Lombardia non è in aumento, ma va detto che moltissime di queste cause vengono abbandonate o finiscono proprio in nulla, nel penale siamo al 99% di chiusure. Però pesano come una spada di Damocle sulla testa dei colleghi. La legge Gelli è stato un primo passo che ha lasciato però dei problemi aperti. Qualsiasi iniziativa che tenda in qualche modo a risolvere queste problema è assolutamente bene accetta».

LEGGI: 300MILA CAUSE CONTRO I MEDICI, A MILANO UNA DENUNCIA AL GIORNO. ARBITRATO DELLA SALUTE E INNOVAZIONE COME SOLUZIONI

«Il lavoro del medico anche se è attentissimo e bravissimo, – continua il presidente Omceo Milano – è gravato da una certa percentuale di insuccessi, questo è inevitabile. Innanzitutto, bisogna far capire quando c’è l’errore e quanto invece si tratta di complicanze che inevitabilmente arrivano. Poi comunque per quella percentuale di errore, che pur essendo piccola esiste, bisogna trovare delle strade che risolvano i contenziosi in maniera soddisfacente per tutti. Pensare di far gravare questo sui medici è una follia, si traduce inevitabilmente in una mancanza di cure, la cosiddetta medicina difensiva negativa o di astensione. Una pratica estremamente pericolosa, il medico può pensare: “siccome è una cosa molto complessa, molto complicata io non ti tocco neanche, perché ho paura”».

«L’istituto della mediazione è ancora troppo poco percorso. Ci sono le ATP, la 696 bis che è istituita obbligatoriamente dalla Legge Gelli e sono tutte parti del contenzioso che è evitano di andare poi in causa. Quindi un’altra forma che in qualche modo sposta il contenzioso extra-giudiziale secondo me è sempre ben accetta, per entrambe le parti».

Registrare la soddisfazione dei pazienti è uno strumento utile?
«Se è fatto bene sì. Per fatto bene intendo due cose. In primis ci deve essere una volontarietà da tutte le parti, sia del paziente sia del medico di mettersi in gioco. Poi deve esserci la certezza e la certificazione di quello che viene fatto. Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati. Certo che se il paziente si dichiara soddisfatto della prestazione che ha avuto, a quel punto poi è difficile pensare che possa instaurare un contenzioso. Dunque, nel momento in cui tutti sono responsabili di quello che fanno e si mettono in gioco, questo diventerebbe un altro modo per raffreddare i contenziosi».

Articoli correlati
Specializzandi in corsia, Rossi (OMCeO Milano): «Bene i 2mila della Lombardia, ma si punti alla formazione non a usarli come tappabuchi…»
In Lombardia ben 2mila specializzandi in corsia per arginare la carenza di camici bianchi a partire dal prossimo mese di ottobre. Quella che, da un lato, potrebbe sembrare una buona notizia, dall’altra sembra aver generato qualche preoccupazione nella categoria già scossa dal “caso Veneto”
di Federica Bosco
Milano, arriva il nuovo Pronto soccorso al San Paolo: tecnologia e riservatezza per migliorare la gestione del paziente
«Le aree nuove ci aiuteranno a garantire una migliore sistemazione per i pazienti che, una volta destinati ad un’area, saranno assistiti senza essere spostati da un luogo ad un altro», spiega il direttore Marco Gardinali. Nel 2018 oltre 78mila accessi alla struttura
di Federica Bosco
Si avvicina il test di Medicina 2019: «Per i ricorsi la soluzione è numerochiuso.info»
Con l’avvicinarsi del quiz tornano anche alla ribalta le irregolarità che spesso hanno dato seguito a numerosi ricorsi al TAR. In soccorso degli studenti arriva lo sportello gratuito di Consulcesi
Numero chiuso, il Consiglio di Stato riammette cento studenti esclusi per mancanza di posti
La sentenza mette in discussione la capacità ricettiva degli Atenei. Il Presidente Consulcesi, Massimo Tortorella: «A questo punto non si può credere neanche dell’esattezza del numero dei posti stabiliti per l’anno accademico 2019/2020. Di fronte a queste continue irregolarità Consulcesi è pronta a scendere in campo per tutelare il diritto allo studio dei futuri camici bianchi»
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone