Lavoro 10 Giugno 2019

Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»

«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l’evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”

Immagine articolo

Una diagnosi nefasta, una comunicazione inesatta o delle naturali complicanze, un qualsiasi errore, anche apparente, rischia di portare medici e pazienti nell’aula di un tribunale, aprendo un contenzioso. Finire davanti ad un giudice è diventando un vero e proprio incubo per la categoria, con risvolti negativi anche per i cittadini, come ad esempio la cosiddetta medicina difensiva che porta il medico ad essere più timoroso nello svolgere la sua professione e a prescrivere spesso esami non necessari. Se ne è parlato a Milano durante l’evento “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”, dove il gruppo Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario ha lanciato la soluzione conciliativa anche denominata “Arbitrato della Salute”. A partecipare anche il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi.

A Milano si registra una causa al giorno per i camici bianchi, quanto influisce questo sul lavoro dei medici?
«Il contenzioso medico-legale in Lombardia non è in aumento, ma va detto che moltissime di queste cause vengono abbandonate o finiscono proprio in nulla, nel penale siamo al 99% di chiusure. Però pesano come una spada di Damocle sulla testa dei colleghi. La legge Gelli è stato un primo passo che ha lasciato però dei problemi aperti. Qualsiasi iniziativa che tenda in qualche modo a risolvere queste problema è assolutamente bene accetta».

LEGGI: 300MILA CAUSE CONTRO I MEDICI, A MILANO UNA DENUNCIA AL GIORNO. ARBITRATO DELLA SALUTE E INNOVAZIONE COME SOLUZIONI

«Il lavoro del medico anche se è attentissimo e bravissimo, – continua il presidente Omceo Milano – è gravato da una certa percentuale di insuccessi, questo è inevitabile. Innanzitutto, bisogna far capire quando c’è l’errore e quanto invece si tratta di complicanze che inevitabilmente arrivano. Poi comunque per quella percentuale di errore, che pur essendo piccola esiste, bisogna trovare delle strade che risolvano i contenziosi in maniera soddisfacente per tutti. Pensare di far gravare questo sui medici è una follia, si traduce inevitabilmente in una mancanza di cure, la cosiddetta medicina difensiva negativa o di astensione. Una pratica estremamente pericolosa, il medico può pensare: “siccome è una cosa molto complessa, molto complicata io non ti tocco neanche, perché ho paura”».

«L’istituto della mediazione è ancora troppo poco percorso. Ci sono le ATP, la 696 bis che è istituita obbligatoriamente dalla Legge Gelli e sono tutte parti del contenzioso che è evitano di andare poi in causa. Quindi un’altra forma che in qualche modo sposta il contenzioso extra-giudiziale secondo me è sempre ben accetta, per entrambe le parti».

Registrare la soddisfazione dei pazienti è uno strumento utile?
«Se è fatto bene sì. Per fatto bene intendo due cose. In primis ci deve essere una volontarietà da tutte le parti, sia del paziente sia del medico di mettersi in gioco. Poi deve esserci la certezza e la certificazione di quello che viene fatto. Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati. Certo che se il paziente si dichiara soddisfatto della prestazione che ha avuto, a quel punto poi è difficile pensare che possa instaurare un contenzioso. Dunque, nel momento in cui tutti sono responsabili di quello che fanno e si mettono in gioco, questo diventerebbe un altro modo per raffreddare i contenziosi».

Articoli correlati
Superamento test numero chiuso? Speranza: «Va affrontato, tra le questioni fondamentali»
Lo ha ribadito il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine del 76esimo Congresso della Fimmg che si sta svolgendo in Sardegna. Di ieri, la notizia della sentenza del Consiglio di Stato che ha riammesso circa 250 studenti esclusi per mancanza di posti
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Numero chiuso, ordinanza del Consiglio di Stato: riammessi centinaia di studenti a Medicina
Le motivazioni: posti indicati dagli Atenei inferiori a capacità ricettiva e fabbisogno Ssn. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «A questo punto giusto mettere in dubbio l’esattezza dei posti assegnati anche per l’anno accademico 2019/2020. Test inadeguato, non si possono scegliere i medici del futuro con “quiz cabala” commissionati a una società privata»
Test Medicina, graduatorie on line tra i veleni. Consulcesi: «Pronti a partire migliaia di ricorsi»
Su www.numerochiuso.info e sui social l’amarezza e la rabbia dei candidati esclusi. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Questo test inaffidabile per selezionare i futuri medici. Ora è importante non commettere passi falsi per tutelare il proprio diritto». Il vademecum: dalla conferma d’interesse al ricorso, tutto quello che c’è da sapere
Test Medicina, ecco la mappa delle irregolarità: il 79% dei ricorsi nel Centro Sud
Consulcesi continua a ricevere e raccogliere segnalazioni dai candidati su www.numerochiuso.info e sui canali social. Picchi di segnalazioni a Napoli, Roma e Milano. Il presidente Massimo Tortorella: «Abbiamo sottoposto il test a medici e professori universitari e non sono riusciti a superarlo. Siamo sicuri che per entrare in Medicina serva aver visto Pulp Fiction?»
Milano “capitale del cuore”, 1300 cardiologi per promuovere donazioni e prevenzione
A partecipare in collegamento dagli Stati Uniti anche Reginald Green, papà di Nicholas, il bambino ucciso 25 anni fa da una pallottola vagante sulla Salerno Reggio Calabria
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...