Salute 7 Ottobre 2019 14:23

Paziente anziano, Di Minno (Federico II): «Fondamentali farmaci moderni e terapie personalizzate»

«Un paziente anziano, nella migliore delle ipotesi, consuma cinque-sei farmaci al giorno e le possibilità di interazioni aumentano drammaticamente. Avere farmaci con poche interazioni rende tutto molto più semplice», sottolinea Giovanni Di Minno, Direttore del Dipartimento Medicina clinica e chirurgia della Federico II di Napoli

di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti

La gestione del paziente anziano è complessa perché presenta, spesso, pluripatologie croniche, necessita di terapie concomitanti e assume molti farmaci. All’aumento dei medicinali, corrisponde anche il rischio di interazione fra farmaci e reazioni avverse.

Di tutte le criticità e della presa in carico assistenziale corretta di un paziento anziano, abbiamo parlato con Giovanni di Minno, a margine del convegno promosso di recente a Roma da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere e Daiichi Sankyo Italia.

«Nell’approccio al paziente anziano è fondamentale poter contare su un team multidisciplinare con conoscenze e competenze specifiche per gestire il malato da vari punti di vista: ambientale, familiare e culturale e medico» ha spiegato il Direttore del Dipartimento Medicina clinica e chirurgia dell’Università degli studi di Napoli Federico II e Direttore del Centro per l’emofilia e la trombosi della Regione Campania.

«È necessario avere un team di persone con molte competenze che abbiano punti di vista comuni sulla gestione del paziente. Il secondo punto, altrettanto importante, è avere a disposizione farmaci sempre più moderni che abbiano meno interazioni possibili tra loro. Attualmente, infatti, un paziente anziano, nella migliore delle ipotesi, consuma cinque-sei farmaci al giorno e le possibilità di interazioni aumentano drammaticamente – ha puntualizzato il professore -. Avere farmaci con poche interazioni rende tutto molto più semplice, soprattutto se il farmaco ha anche la caratteristica di essere facilmente acquisibile dal paziente, e facilmente ingeribile, evitando la via endovenosa».

In aggiunta, il professor Di Minno richiede uno sforzo culturale per la ricerca di una terapia personalizzata a misura di paziente: «In medicina, fino ad oggi, ci siamo serviti con grande vantaggio delle linee guida ma comincia a essere chiaro a tutti che le linee guida vanno adattate ai singoli malati perché i pazienti non sono tutti uguali. E nel dire che non sono tutti uguali – ha specificato – bisogna tener contro dell’ambiente dal quale provengono, del tipo di alimentazione che hanno, della religione che professano – esiste uno stretto rapporto tra religione e alimenti assunti. Bisogna – ha concluso Di Minno – conoscere il genoma, ciò il tipo di caratteristiche proprie di ogni paziente. Questo può servire, ad esempio, nella prescrizione di un farmaco come l’aspirina: il singolo paziente può avere un metabolismo più lento o più rapido del farmaco, così che 100 mg possono diventare insufficienti o particolarmente elevati».

Articoli correlati
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?
È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane
Il virus del vaiolo può essere trasmesso fino a 4 settimane dalla comparsa dei sintomi. Nel frattempo in Italia si registra il quarto caso e negli Usa viene approvato un nuovo farmaco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi