Salute 7 Ottobre 2019 14:23

Paziente anziano, Di Minno (Federico II): «Fondamentali farmaci moderni e terapie personalizzate»

«Un paziente anziano, nella migliore delle ipotesi, consuma cinque-sei farmaci al giorno e le possibilità di interazioni aumentano drammaticamente. Avere farmaci con poche interazioni rende tutto molto più semplice», sottolinea Giovanni Di Minno, Direttore del Dipartimento Medicina clinica e chirurgia della Federico II di Napoli

di Giovanni Cedrone e Viviana Franzellitti

La gestione del paziente anziano è complessa perché presenta, spesso, pluripatologie croniche, necessita di terapie concomitanti e assume molti farmaci. All’aumento dei medicinali, corrisponde anche il rischio di interazione fra farmaci e reazioni avverse.

Di tutte le criticità e della presa in carico assistenziale corretta di un paziento anziano, abbiamo parlato con Giovanni di Minno, a margine del convegno promosso di recente a Roma da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere e Daiichi Sankyo Italia.

«Nell’approccio al paziente anziano è fondamentale poter contare su un team multidisciplinare con conoscenze e competenze specifiche per gestire il malato da vari punti di vista: ambientale, familiare e culturale e medico» ha spiegato il Direttore del Dipartimento Medicina clinica e chirurgia dell’Università degli studi di Napoli Federico II e Direttore del Centro per l’emofilia e la trombosi della Regione Campania.

«È necessario avere un team di persone con molte competenze che abbiano punti di vista comuni sulla gestione del paziente. Il secondo punto, altrettanto importante, è avere a disposizione farmaci sempre più moderni che abbiano meno interazioni possibili tra loro. Attualmente, infatti, un paziente anziano, nella migliore delle ipotesi, consuma cinque-sei farmaci al giorno e le possibilità di interazioni aumentano drammaticamente – ha puntualizzato il professore -. Avere farmaci con poche interazioni rende tutto molto più semplice, soprattutto se il farmaco ha anche la caratteristica di essere facilmente acquisibile dal paziente, e facilmente ingeribile, evitando la via endovenosa».

In aggiunta, il professor Di Minno richiede uno sforzo culturale per la ricerca di una terapia personalizzata a misura di paziente: «In medicina, fino ad oggi, ci siamo serviti con grande vantaggio delle linee guida ma comincia a essere chiaro a tutti che le linee guida vanno adattate ai singoli malati perché i pazienti non sono tutti uguali. E nel dire che non sono tutti uguali – ha specificato – bisogna tener contro dell’ambiente dal quale provengono, del tipo di alimentazione che hanno, della religione che professano – esiste uno stretto rapporto tra religione e alimenti assunti. Bisogna – ha concluso Di Minno – conoscere il genoma, ciò il tipo di caratteristiche proprie di ogni paziente. Questo può servire, ad esempio, nella prescrizione di un farmaco come l’aspirina: il singolo paziente può avere un metabolismo più lento o più rapido del farmaco, così che 100 mg possono diventare insufficienti o particolarmente elevati».

Articoli correlati
Ipercolesterolemia, l’esperto: «Pazienti poco consapevoli dei rischi. Seguire dieta e terapia farmacologica»
«In Italia c’è scarsa consapevolezza del rischio cardiovascolare associato al colesterolo alto e non si adottano le corrette misure concrete per abbassarlo» così il cardiologo a Sanità informazione
Esistono farmaci efficaci contro il Covid-19?
Qual è lo stato dell’arte relativo alle cure contro il SARS-CoV-2, sia in ambito domestico che ospedaliero? Risponde l’AIFA
Giornata Internazionale Epilessia: la Sin fa il punto alla luce dell’emergenza pandemica
L'epilessia è una malattia che interessa circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e non meno di 500.000 in Italia. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la inserisce tra le malattie sociali
Diabete e cancro, Grimaldi (Ame): «I diabetici si ammalano di più e la malattia spesso ha evoluzione sfavorevole»
La gestione del diabete in ambito oncologico è complessa. È necessaria un’educazione del paziente e dei caregiver e una presa in carico multidisciplinare. L’intervista al Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi
Deficit di attenzione, in America sbarca la videogioco-terapia
L’hi-tech in Italia, Civitillo (psicoterapeuta): «C’è un trend di grande apertura verso l’utilizzo di dispositivi multimediali pensati per lavorare con persone con deficit di attenzione e iperattività. Circolano software utilizzati per trattare i problemi legati all’apprendimento, altri che hanno lo scopo di favorire forme di socializzazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 marzo, sono 114.461.199 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.539.235 i decessi. Ad oggi, oltre 244,27 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...