Salute 3 Ottobre 2019 16:37

Anziani, i consigli del geriatra Ungar: «Favorire la salute complessiva del paziente. Sì alla prevenzione per combattere ageismo»

«L’approccio geriatrico è un modo diverso di curare il paziente anziano» ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione, Andrea Ungar professore associato di Medicina Interna e Geriatria all’Università di Firenze, intervenuto al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi

Prendersi cura del paziente anziano tenendo conto della sua salute complessiva, senza fare a meno di una corretta prevenzione. Sono i consigli di Andrea Ungar, geriatra all’Ospedale Careggi e professore associato di Medicina Interna e Geriatria all’Università di Firenze. Lo abbiamo incontrato al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, e Daiichi Sankyo.

Parliamo della presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano, un tema di grande attualità. La prevenzione che ruolo può giocare?
«Per quanto riguarda la prevenzione sappiamo molto bene che non finisce con i giovani. La prevenzione ha una grande efficacia anche nell’anziano, anche se magari va motivata in maniera leggermente diversa. Facciamo un piccolo esempio: camminare a passo veloce fa benissimo anche sopra i 65 e i 75 anni. La prevenzione generale, la prevenzione cardiovascolare sono assolutamente efficaci anche nel paziente anziano, anzi dobbiamo assolutamente combattere quello che è il concetto di ageismo, cioè il concetto di dire: vabbè hai 70 anni, hai 80 anni, allora finisce qui. Assolutamente no, si può migliorare, si può prevenire anche in età avanzata».

LEGGI ANCHE: TERAPIE PIU’ SICURE, NUOVE TECNOLOGIE E SUPPORTO AI CAREGIVER PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DI VITA DEGLI ANZIANI

Spesso i pazienti anziani presentano un quadro clinico complesso, che consiglio darebbe ai geriatri che si trovano ad affrontare un insieme di patologie compresenti?
«Per quanto riguarda la gestione del paziente, il paziente con tante malattie, ci sono vari aspetti importanti, ma ne sottolineerei due. Il primo è che un buon geriatra deve essere un buon medico e quindi deve vedere il paziente a tutto tondo, non può guardare solo quella patologia per la quale il paziente arriva, deve sapere quantomeno inquadrare bene le altre malattie, anche da un punto di vista medico. Il geriatra deve dire “questo paziente lo curo io”. Deve sentirsi la responsabilità di curare quel paziente in toto e non a pezzetti, altrimenti non va da nessuna parte. Il pezzetto lo curano gli specialisti, noi dobbiamo prendere in mano il malato».

LEGGI: PAZIENTE ANZIANO, ORTHMAN (ONDA): «URGENTE APPROVARE LEGGE SUL CAREGIVER, INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE È REALTÀ»

«In secondo luogo, il geriatra non deve guardare solo alla malattia. Deve gestire il paziente, curare le malattie per dare funzione al proprio paziente, cioè mantenerlo autonomo. Se io curo bene una malattia, ma gli riduco la capacità di camminare, gli riduco la capacità di uscire, perché magari il farmaco gli dà problemi in qualche modo, io non faccio del bene al paziente anziano. La prognosi del paziente anziano la fa la funzione. Quindi, la cura nostra, anche in ospedale, deve essere tutta mirata al recupero e al mantenimento della funzione. Sembrano chiacchiere, ma in realtà cambiano l’ottica della gestione. Voglio che il malato sia autonomo nella sua vita, vada fuori, che sia lucido, che non cada.  Questo è importante, non tanto che la glicemia a 91 anni sia esattamente sotto i 110, perché se per portarla sotto i 110 il paziente ha effetti collaterali, non gli ho fatto bene. L’approccio geriatrico è un modo diverso di curare il paziente anziano rispetto ai normali canoni e questo purtroppo lo sappiamo da tanti anni, ma non riusciamo a metterlo in pratica. Ma quelli che lo capiscono più di tutti sono i pazienti. Quando ti arriva un paziente e lo gestisci così, quel paziente ti rimane legato, perché capisce che stai facendo un lavoro diverso rispetto a quello che hanno fatto gli altri fino a quel momento».

Articoli correlati
Anziani più a rischio cadute per la maggior lentezza di movimento delle braccia
Gli anziani hanno un rischio maggiore di cadere e farsi male perché le loro braccia sono più lente a rispondere quando scivolano. I movimenti delle braccia infatti sono fondamentali per ritrovare l'equilibrio ed evitare le cadute. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori dell'Università dell'Arizona in uno studio pubblicato sul server di pre-stampa bioRxiv
Vivere con un cane o un gatto rallenta il declino cognitivo
Uno studio dell’Università del Maryland, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che la convivenza con un animale domestico può rallentare il tasso di declino cognitivo man mano che si invecchia, soprattutto se si porta a spasso il cane
Infarto: per gli anziani è efficace lo stesso trattamento dei giovani
In caso di attacco cardiaco gli anziani dovrebbero ricevere lo stesso trattamento dei giovani. Lo dimostra uno studio coordinato da scienziati italiani e pubblicato sul The New England Journal of Medicine
La temperatura è fondamentale per il sonno degli anziani, l’ideale è tra i 20 e 25 °C
La temperatura notturna in camera da letto gioca un ruolo cruciale nella qualità del sonno degli anziani. Uno studio dell'Istituto di Ricerca sull'Invecchiamento dell'Harvard Medical School ha dimostrato che il sonno può essere più efficiente e riposante quando la colonnina di mercurio non scende sotto i 20 °C e non supera i 25 °C
INTERVISTA | L’allarme di Monsignor Paglia: «Nostri anziani non muoiono di caldo, ma di solitudine e abbandono»
A Sanità Informazione Monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la vita, lancia un monito a prendersi cura degli anziani specialmente ora che siano nel pieno di un'ondata di calore estremo: «Molte famiglie sono eroiche e non lasciano soli genitori e nonni. Basta RSA come quella del dramma di Milano. DDL 33/2023 sia riforma profonda, non ennesima "leggina"...»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...