Salute 3 Ottobre 2019

Anziani, i consigli del geriatra Ungar: «Favorire la salute complessiva del paziente. Sì alla prevenzione per combattere ageismo»

«L’approccio geriatrico è un modo diverso di curare il paziente anziano» ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione, Andrea Ungar professore associato di Medicina Interna e Geriatria all’Università di Firenze, intervenuto al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano”

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi

Prendersi cura del paziente anziano tenendo conto della sua salute complessiva, senza fare a meno di una corretta prevenzione. Sono i consigli di Andrea Ungar, geriatra all’Ospedale Careggi e professore associato di Medicina Interna e Geriatria all’Università di Firenze. Lo abbiamo incontrato al convegno “Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, e Daiichi Sankyo.

Parliamo della presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano, un tema di grande attualità. La prevenzione che ruolo può giocare?
«Per quanto riguarda la prevenzione sappiamo molto bene che non finisce con i giovani. La prevenzione ha una grande efficacia anche nell’anziano, anche se magari va motivata in maniera leggermente diversa. Facciamo un piccolo esempio: camminare a passo veloce fa benissimo anche sopra i 65 e i 75 anni. La prevenzione generale, la prevenzione cardiovascolare sono assolutamente efficaci anche nel paziente anziano, anzi dobbiamo assolutamente combattere quello che è il concetto di ageismo, cioè il concetto di dire: vabbè hai 70 anni, hai 80 anni, allora finisce qui. Assolutamente no, si può migliorare, si può prevenire anche in età avanzata».

LEGGI ANCHE: TERAPIE PIU’ SICURE, NUOVE TECNOLOGIE E SUPPORTO AI CAREGIVER PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DI VITA DEGLI ANZIANI

Spesso i pazienti anziani presentano un quadro clinico complesso, che consiglio darebbe ai geriatri che si trovano ad affrontare un insieme di patologie compresenti?
«Per quanto riguarda la gestione del paziente, il paziente con tante malattie, ci sono vari aspetti importanti, ma ne sottolineerei due. Il primo è che un buon geriatra deve essere un buon medico e quindi deve vedere il paziente a tutto tondo, non può guardare solo quella patologia per la quale il paziente arriva, deve sapere quantomeno inquadrare bene le altre malattie, anche da un punto di vista medico. Il geriatra deve dire “questo paziente lo curo io”. Deve sentirsi la responsabilità di curare quel paziente in toto e non a pezzetti, altrimenti non va da nessuna parte. Il pezzetto lo curano gli specialisti, noi dobbiamo prendere in mano il malato».

LEGGI: PAZIENTE ANZIANO, ORTHMAN (ONDA): «URGENTE APPROVARE LEGGE SUL CAREGIVER, INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE È REALTÀ»

«In secondo luogo, il geriatra non deve guardare solo alla malattia. Deve gestire il paziente, curare le malattie per dare funzione al proprio paziente, cioè mantenerlo autonomo. Se io curo bene una malattia, ma gli riduco la capacità di camminare, gli riduco la capacità di uscire, perché magari il farmaco gli dà problemi in qualche modo, io non faccio del bene al paziente anziano. La prognosi del paziente anziano la fa la funzione. Quindi, la cura nostra, anche in ospedale, deve essere tutta mirata al recupero e al mantenimento della funzione. Sembrano chiacchiere, ma in realtà cambiano l’ottica della gestione. Voglio che il malato sia autonomo nella sua vita, vada fuori, che sia lucido, che non cada.  Questo è importante, non tanto che la glicemia a 91 anni sia esattamente sotto i 110, perché se per portarla sotto i 110 il paziente ha effetti collaterali, non gli ho fatto bene. L’approccio geriatrico è un modo diverso di curare il paziente anziano rispetto ai normali canoni e questo purtroppo lo sappiamo da tanti anni, ma non riusciamo a metterlo in pratica. Ma quelli che lo capiscono più di tutti sono i pazienti. Quando ti arriva un paziente e lo gestisci così, quel paziente ti rimane legato, perché capisce che stai facendo un lavoro diverso rispetto a quello che hanno fatto gli altri fino a quel momento».

Articoli correlati
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
I geriatri: «Puntare su ricerca, telemedicina e approccio multidimensionale»
L’emergenza Covid-19 ha evidenziato la carenza di posti letto di Geriatria per acuti ad alta intensità di cure. La stragrande maggioranza dei pazienti che giungono al Ponto Soccorso con problemi acuti sono anziani e i 3.560 posti letto di Geriatria negli Ospedali italiani non sono sufficienti a far fronte agli 1.3 milioni di ricoveri all’anno, […]
di SIGOT, Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Senior Italia FederAnziani: sempre attivo numero verde per supporto psicologico agli anziani soli
Ricerca di compagnia, solitudine, preoccupazione per la salute, disagio psicologico, situazioni famigliari complesse le principali ragioni delle chiamate. Sette su dieci non hanno nessuno con cui parlare ma la maggior parte dei chiamanti è riuscita ad adattarsi alla fase di lockdown
Coronavirus, Senior Italia FederAnziani: «Fase 2 per tutti ma non per gli ospiti delle RSA»
Ancora mancanza di tamponi e test sierologici per operatori e anziani nelle strutture. Il presidente Messina: «Urgenti provvedimenti per garantire ripresa del sistema di welfare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco