Salute 22 Agosto 2019

Tumori, malattie cardiovascolari, diabete: tutta colpa dello zucchero? Parola agli esperti

Secondo Paolo Toniolo, New York University, lo zucchero in eccesso fa male «perché ha effetti metabolici molto importanti, soprattutto per il fegato. In particolare, ad essere dannoso è il saccarosio, quello che si mette nel caffè, nei dolci». Per Franco Folli (San Carlo Milano) bisogna ridurre il consumo di zuccheri raffinati, ma anche i consumi di alimenti ultra-processati, provenienti dall’industria»

di Federica Bosco

Per combattere il caldo estivo una bibita ghiacciata o un gelato potrebbero sembrare il rimedio giusto. Invece no, infatti se da un lato bevande e prodotti zuccherati alleviano la sensazione di caldo, dall’altra il rischio di avere gravi problemi di salute è molto elevato.  Malattie cardiovascolari, diabete, tumori, problemi epatici potrebbero avere tutti un’origine comune: lo zucchero che, se ingerito in dosi superiori a 50 grammi giornalieri, pari a 10 cucchiaini, potrebbe essere causa di insorgenza di patologie anche gravi. Le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno trovato riscontro nelle parole di scienziati e medici.

Per il professor Paolo Toniolo, Medico nutrizionista, già docente di Epidemiologia della New York University, lo zucchero in eccesso fa male «perché ha effetti metabolici molto grossi, soprattutto per il fegato. In particolare, ad essere dannoso è il saccarosio, quello che si mette nel caffè, nei dolci: ha degli effetti devastanti se usato in eccesso e questo ha delle conseguenze importanti. A parte essere legato all’insorgenza del diabete mellito».

LEGGI ANCHE: LO ZUCCHERO FA MALE AL CUORE? CALABRESE: «CI DA’ GIOIA NEL PALATO ED ENERGIA NEI MUSCOLI. L’IMPORTANTE E’ NON ABUSARNE»

L’impiego di dolcificanti può essere la soluzione?

«Non direi proprio, l’industria ha provato ad usare sostanze chimicamente sintetizzate, ma è emerso che sono altrettanto dannose e nocive. In realtà la risposta al dolce può essere nociva. Siamo immersi in un mondo di dolci, anche quelli a contenuto calorico zero sono dolci e questo ha degli effetti sconvolgenti sul nostro equilibrio».

Cosa bisogna fare per riparare i danni dello zucchero? 

«Questo alimento non è mai esistito fino a 200 anni fa, quando ha iniziato a diffondersi in Inghilterra e poi nel resto dell’Europa. Il grande consumo di zucchero è avvenuto nel secondo dopoguerra, è un prodotto nuovo, in realtà, è difficile sostituirlo. La colpa per decenni è andata al grasso, mentre invece il problema era lo zucchero. Oggi per eliminarlo occorre ridurre questa propaganda che è diretta soprattutto ai bambini, ai giovani, agli sportivi, alle donne. Io ritengo che dobbiamo solo eliminarlo o ridurne l’uso».

«Ciò che dobbiamo fare per migliorare la dieta è essenzialmente ridurre il consumo di zuccheri raffinati, ma anche i consumi di alimenti ultra-processati, provenienti dall’industria», rimarca il Professor Franco Folli, direttore del servizio di diabetologia e Malattie metaboliche dell’Ospedale San Carlo di Milano.

Le voci del coro sono molte, alcune anche dissonanti come quella di Massimo Zuin, Professore ordinario di Gastroenterologia dell’Università di Milano e direttore del dipartimento Epato-Gastro-Metabolico dell’ASST Santi Paolo e Carlo Milano secondo cui è da condannare lo zucchero libero, in particolare il fruttosio. «Per quanto riguarda il fegato – sottolinea – il fruttosio è un veleno perché favorisce l’accumulo dei grassi nel fegato, ovvero la steatosi che è un fattore di rischio di una serie di malattie cardiovascolari. Ma la presenza di steatosi nel fegato può portare allo sviluppo di una vera e propria malattia del fegato, che può arrivare fino alla cirrosi epatica o al tumore del fegato. In una percentuale limitata, ma sta diventando un problema sempre più grande».

Fino a che misura si può utilizzare lo zucchero? «Questa è una domanda difficilissima a cui rispondere. L’Organizzazione mondiale della Sanità prevede che non vengano usati più di 25 grammi di zucchero bianco, che corrispondono a 5 cucchiaini. Ma basta controllare il contenuto di zucchero delle bevande dolci, tipo coca-cola, o delle merendine, per capire come i famosi 25 grammi siano facilmente superati con l’assunzione di una sola bevanda».

 

Articoli correlati
Emergenza Covid, 8mila casi di carcinoma mammario non diagnosticato a causa dello stop agli screening
Il 30% delle donne che solitamente si sottopone programmi di prevenzione non l’ha fatto e probabilmente non lo farà fino al prossimo anno
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Lotta ai tumori: scoperto meccanismo molecolare con cui ingannano le cellule “natural killer”
I ricercatori del Bambino Gesù, insieme all’Università di Genova e con il sostegno di AIRC, hanno svelato come si attiva il check-point inibitore PD-1 sulle cellule NK. Lo studio pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology
Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»
«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...