Salute 22 Agosto 2019 14:34

Tumori, malattie cardiovascolari, diabete: tutta colpa dello zucchero? Parola agli esperti

Secondo Paolo Toniolo, New York University, lo zucchero in eccesso fa male «perché ha effetti metabolici molto importanti, soprattutto per il fegato. In particolare, ad essere dannoso è il saccarosio, quello che si mette nel caffè, nei dolci». Per Franco Folli (San Carlo Milano) bisogna ridurre il consumo di zuccheri raffinati, ma anche i consumi di alimenti ultra-processati, provenienti dall’industria»

di Federica Bosco

Per combattere il caldo estivo una bibita ghiacciata o un gelato potrebbero sembrare il rimedio giusto. Invece no, infatti se da un lato bevande e prodotti zuccherati alleviano la sensazione di caldo, dall’altra il rischio di avere gravi problemi di salute è molto elevato.  Malattie cardiovascolari, diabete, tumori, problemi epatici potrebbero avere tutti un’origine comune: lo zucchero che, se ingerito in dosi superiori a 50 grammi giornalieri, pari a 10 cucchiaini, potrebbe essere causa di insorgenza di patologie anche gravi. Le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno trovato riscontro nelle parole di scienziati e medici.

Per il professor Paolo Toniolo, Medico nutrizionista, già docente di Epidemiologia della New York University, lo zucchero in eccesso fa male «perché ha effetti metabolici molto grossi, soprattutto per il fegato. In particolare, ad essere dannoso è il saccarosio, quello che si mette nel caffè, nei dolci: ha degli effetti devastanti se usato in eccesso e questo ha delle conseguenze importanti. A parte essere legato all’insorgenza del diabete mellito».

LEGGI ANCHE: LO ZUCCHERO FA MALE AL CUORE? CALABRESE: «CI DA’ GIOIA NEL PALATO ED ENERGIA NEI MUSCOLI. L’IMPORTANTE E’ NON ABUSARNE»

L’impiego di dolcificanti può essere la soluzione?

«Non direi proprio, l’industria ha provato ad usare sostanze chimicamente sintetizzate, ma è emerso che sono altrettanto dannose e nocive. In realtà la risposta al dolce può essere nociva. Siamo immersi in un mondo di dolci, anche quelli a contenuto calorico zero sono dolci e questo ha degli effetti sconvolgenti sul nostro equilibrio».

Cosa bisogna fare per riparare i danni dello zucchero? 

«Questo alimento non è mai esistito fino a 200 anni fa, quando ha iniziato a diffondersi in Inghilterra e poi nel resto dell’Europa. Il grande consumo di zucchero è avvenuto nel secondo dopoguerra, è un prodotto nuovo, in realtà, è difficile sostituirlo. La colpa per decenni è andata al grasso, mentre invece il problema era lo zucchero. Oggi per eliminarlo occorre ridurre questa propaganda che è diretta soprattutto ai bambini, ai giovani, agli sportivi, alle donne. Io ritengo che dobbiamo solo eliminarlo o ridurne l’uso».

«Ciò che dobbiamo fare per migliorare la dieta è essenzialmente ridurre il consumo di zuccheri raffinati, ma anche i consumi di alimenti ultra-processati, provenienti dall’industria», rimarca il Professor Franco Folli, direttore del servizio di diabetologia e Malattie metaboliche dell’Ospedale San Carlo di Milano.

Le voci del coro sono molte, alcune anche dissonanti come quella di Massimo Zuin, Professore ordinario di Gastroenterologia dell’Università di Milano e direttore del dipartimento Epato-Gastro-Metabolico dell’ASST Santi Paolo e Carlo Milano secondo cui è da condannare lo zucchero libero, in particolare il fruttosio. «Per quanto riguarda il fegato – sottolinea – il fruttosio è un veleno perché favorisce l’accumulo dei grassi nel fegato, ovvero la steatosi che è un fattore di rischio di una serie di malattie cardiovascolari. Ma la presenza di steatosi nel fegato può portare allo sviluppo di una vera e propria malattia del fegato, che può arrivare fino alla cirrosi epatica o al tumore del fegato. In una percentuale limitata, ma sta diventando un problema sempre più grande».

Fino a che misura si può utilizzare lo zucchero? «Questa è una domanda difficilissima a cui rispondere. L’Organizzazione mondiale della Sanità prevede che non vengano usati più di 25 grammi di zucchero bianco, che corrispondono a 5 cucchiaini. Ma basta controllare il contenuto di zucchero delle bevande dolci, tipo coca-cola, o delle merendine, per capire come i famosi 25 grammi siano facilmente superati con l’assunzione di una sola bevanda».

 

Articoli correlati
Tumori, presto nuovo reparto di radioterapia all’Asl Roma 4
Fra 2-3 anni verrà aperto nell'Asl Roma 4 un nuovo servizio di radioterapia per i pazienti oncologici
di Redazione
Tumori “fuori misura”, è l’effetto della mancata prevenzione durante la pandemia
Al Cardarelli di Napoli due interventi record in pochi giorni per rimuovere enormi masse ovariche di 40 e 70 centimetri
CNAO: dopo i tumori inoperabili curerà anche le lesioni del cuore
Il centro di adroterapia oncologica di Pavia, unico in Italia per il trattamento di tumori radioresistenti, nei prossimi tre anni raddoppierà le macchine, mentre ha avviato nuove sperimentazioni su pancreas, esofago, melanomi e per utilizzare i protoni nel trattare le aritmie refrattarie ai farmaci
Il futuro della ricerca passa per le nanotecnologie. La storia di Angelo Accardo, cervello in fuga
Il professor Angelo Accardo, “nanotecnologo” della Delft University of Technology (TU Delft) in Olanda e cervello in fuga, lavora alla creazione di micro-ambienti cellulari ingegnerizzati che tentano di imitare il tessuto cerebrale umano. Tali microstrutture biomimetiche possono portare a importanti sviluppi nel campo delle malattie del neurosviluppo e dei tumori del cervello
di Francesco Torre
Con la radiologia interventistica i tumori si “curano” senza bisturi
Si è appena concluso al Policlinico Gemelli di Roma il settimo congresso internazionale MIO-Live dedicato alla radiologia interventistica, procedura mininvasiva che non prevede né anestesia generale, né esposizioni chirurgiche. Il professore Roberto Iezzi spiega tipologie di trattamenti, ambiti di applicazione, pazienti eleggibili e ultime innovazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali