Formazione 12 novembre 2018

AME, nominati nuovi vertici. Guastamacchia (neopresidente): «Continuare ottimo lavoro con attenzione a giovani e pazienti»

La carenza dei medici tocca da vicino anche l’endocrinologia. Il presidente uscente AME (Associazione medici endocrinologi) Vincenzo Toscano mette in guardia: «Il numero degli endocrinologi è basso: è necessario potenziarne la figura nei diversi setting assistenziali»

Immagine articolo

Si è appena concluso il 17° congresso nazionale AME, la più grande società scientifica che riunisce i medici endocrinologici italiani. Si tratta, ormai, di un indispensabile appuntamento per l’aggiornamento del medico endocrinologo che ha visto, quest’anno, il passaggio di consegne tra Vincenzo Toscano (Past President) ed il nuovo presidente Edoardo Guastamacchia.

A conclusione del suo mandato, Vincenzo Toscano fa un bilancio assolutamente positivo sotto ogni punto di vista: «Le condizioni dell’AME sono ottimali sia da un punto di vista economico che associativo: duemila soci, molti giovani, tutti in regola con le quote. È partito questo nuovo gruppo che sta crescendo enormemente e che rappresenta il futuro dell’endocrinologia». Il Past President si dimostra soddisfatto ma avvisa: «Il futuro dell’endocrinologia ha delle ombre: gli endocrinologi che attualmente si trovano sul territorio sono i più anziani e prossimi alla pensione. Si tratta di coloro che si sono specializzati in scuole di specializzazione che erano libere di reclutare un numero ad libitum – intorno ai 10-20 per scuola di specializzazione – perché gli specializzandi a quel tempo non erano pagati».

LEGGI ANCHE: EX-SPECIALIZZANDI, GIOVANNI LEONI (FNOMCeO):«LA NOSTRA È LA GENERAZIONE DEI DIRITTI NEGATI»

«Negli ultimi dieci anni – prosegue Toscano – ne sono entrati tra i 70 e gli 80: questo significa che gli endocrinologi saranno pochi, soprattutto nell’ottica di una disciplina che includerà, secondo il dettame europeo, a 360° tutte le attività dell’endocrinologia, della diabetologia, dell’andrologia e della nutrizione» spiega.

LEGGI ANCHE: DIABETE E SESSO? «BINOMIO INCONSUETO MA LEGITTIMO, VI SPIEGO IL PERCHÉ…». L’INTERVISTA A VINCENZO TOSCANO, ENDOCRINOLOGO E PRESIDENTE AME

La carenza dei medici endocrinologi è un problema serio e da affrontare prontamente: «Un censimento – continua il professore – rivela che il numero degli endocrinologi che lavorano in unità operative di endocrinologia è veramente basso. La maggior parte di loro sono consultant nell’ambito della medicina interna. Noi vogliamo che si ricreino dei nuclei di endocrinologi nel contesto delle grandi strutture assistenziali ospedaliere. È per questo che abbiamo fatto partire un progetto con la Bocconi – prosegue Toscano – nell’ottica di potenziare la figura dell’endocrinologo nei diversi setting assistenziali. Vogliamo far arrivare questo messaggio a tutti gli assessorati e a tutte le direzioni generali degli ospedali italiani per far capire che la presenza dell’endocrinologo fa la differenza».

A Vincenzo Toscano subentrerà Edoardo Guastamacchia, che dirigerà la società scientifica per i prossimi due anni nel segno della continuità. Il nuovo presidente, infatti, riconosce l’ottimo lavoro svolto dai suoi precedessori e assicura che, sotto la sua direzione, verrà ulteriormente valorizzata la figura dell’endocrinologo e soprattutto l’assistenza endocrinologica. Il futuro è rivolto ai giovani – attraverso le opportunità formative –  e ai pazienti, per rispondere a esigenze sempre più specifiche.

«Il congresso nazionale AME è un momento fondamentale della nostra società scientifica e riscuote sempre un enorme successo. La partecipazione è al massimo livello – sostiene il presidente Guastamacchia –  da un punto di vista numerico ma soprattutto dal punto di vista dei contributi scientifici e culturali. C’è da dire, tra l’altro, che noi dedichiamo una parte del congresso ai colleghi stranieri dell’AACE con i quali abbiamo una collaborazione da un punto di vista scientifico che è sempre più proficua e ricca di soddisfazioni».

Per quanto riguarda i propositi futuri, l’obiettivo è proseguire sulla scia che ha fatto crescere la società in questi anni e sulle attività ormai consolidate: «Un’attenzione particolare sarà dedicata ai giovani ameisti che rappresentano il futuro dell’AME e crescerà ancora di più la considerazione che abbiamo sempre avuto nei confronti dei pazienti».

Articoli correlati
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica...
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Neoplasie ematologiche, 33mila italiani colpiti ogni anno da tumore del sangue, ma mortalità ridotta grazie a nuove terapie
I maggiori esperti di fama internazionale nel campo dell’ematologia oncologica e non riuniti a Bologna dal 14 al 16 febbraio per presentare tutte le novità e i progressi livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mieloma multiplo
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...