Formazione 12 Novembre 2018

AME, nominati nuovi vertici. Guastamacchia (neopresidente): «Continuare ottimo lavoro con attenzione a giovani e pazienti»

La carenza dei medici tocca da vicino anche l’endocrinologia. Il presidente uscente AME (Associazione medici endocrinologi) Vincenzo Toscano mette in guardia: «Il numero degli endocrinologi è basso: è necessario potenziarne la figura nei diversi setting assistenziali»

Immagine articolo

Si è appena concluso il 17° congresso nazionale AME, la più grande società scientifica che riunisce i medici endocrinologici italiani. Si tratta, ormai, di un indispensabile appuntamento per l’aggiornamento del medico endocrinologo che ha visto, quest’anno, il passaggio di consegne tra Vincenzo Toscano (Past President) ed il nuovo presidente Edoardo Guastamacchia.

A conclusione del suo mandato, Vincenzo Toscano fa un bilancio assolutamente positivo sotto ogni punto di vista: «Le condizioni dell’AME sono ottimali sia da un punto di vista economico che associativo: duemila soci, molti giovani, tutti in regola con le quote. È partito questo nuovo gruppo che sta crescendo enormemente e che rappresenta il futuro dell’endocrinologia». Il Past President si dimostra soddisfatto ma avvisa: «Il futuro dell’endocrinologia ha delle ombre: gli endocrinologi che attualmente si trovano sul territorio sono i più anziani e prossimi alla pensione. Si tratta di coloro che si sono specializzati in scuole di specializzazione che erano libere di reclutare un numero ad libitum – intorno ai 10-20 per scuola di specializzazione – perché gli specializzandi a quel tempo non erano pagati».

LEGGI ANCHE: EX-SPECIALIZZANDI, GIOVANNI LEONI (FNOMCeO):«LA NOSTRA È LA GENERAZIONE DEI DIRITTI NEGATI»

«Negli ultimi dieci anni – prosegue Toscano – ne sono entrati tra i 70 e gli 80: questo significa che gli endocrinologi saranno pochi, soprattutto nell’ottica di una disciplina che includerà, secondo il dettame europeo, a 360° tutte le attività dell’endocrinologia, della diabetologia, dell’andrologia e della nutrizione» spiega.

LEGGI ANCHE: DIABETE E SESSO? «BINOMIO INCONSUETO MA LEGITTIMO, VI SPIEGO IL PERCHÉ…». L’INTERVISTA A VINCENZO TOSCANO, ENDOCRINOLOGO E PRESIDENTE AME

La carenza dei medici endocrinologi è un problema serio e da affrontare prontamente: «Un censimento – continua il professore – rivela che il numero degli endocrinologi che lavorano in unità operative di endocrinologia è veramente basso. La maggior parte di loro sono consultant nell’ambito della medicina interna. Noi vogliamo che si ricreino dei nuclei di endocrinologi nel contesto delle grandi strutture assistenziali ospedaliere. È per questo che abbiamo fatto partire un progetto con la Bocconi – prosegue Toscano – nell’ottica di potenziare la figura dell’endocrinologo nei diversi setting assistenziali. Vogliamo far arrivare questo messaggio a tutti gli assessorati e a tutte le direzioni generali degli ospedali italiani per far capire che la presenza dell’endocrinologo fa la differenza».

A Vincenzo Toscano subentrerà Edoardo Guastamacchia, che dirigerà la società scientifica per i prossimi due anni nel segno della continuità. Il nuovo presidente, infatti, riconosce l’ottimo lavoro svolto dai suoi precedessori e assicura che, sotto la sua direzione, verrà ulteriormente valorizzata la figura dell’endocrinologo e soprattutto l’assistenza endocrinologica. Il futuro è rivolto ai giovani – attraverso le opportunità formative –  e ai pazienti, per rispondere a esigenze sempre più specifiche.

«Il congresso nazionale AME è un momento fondamentale della nostra società scientifica e riscuote sempre un enorme successo. La partecipazione è al massimo livello – sostiene il presidente Guastamacchia –  da un punto di vista numerico ma soprattutto dal punto di vista dei contributi scientifici e culturali. C’è da dire, tra l’altro, che noi dedichiamo una parte del congresso ai colleghi stranieri dell’AACE con i quali abbiamo una collaborazione da un punto di vista scientifico che è sempre più proficua e ricca di soddisfazioni».

Per quanto riguarda i propositi futuri, l’obiettivo è proseguire sulla scia che ha fatto crescere la società in questi anni e sulle attività ormai consolidate: «Un’attenzione particolare sarà dedicata ai giovani ameisti che rappresentano il futuro dell’AME e crescerà ancora di più la considerazione che abbiamo sempre avuto nei confronti dei pazienti».

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Ospedale dei Castelli, parte “4 Zampe con te” . Gli animali domestici “in visita” ai pazienti
Gli animali d’affezione rappresentano una parte integrante nella vita di chi li ama, ancor più quando ci si trova in situazioni di fragilità emotiva e fisica come durante un ricovero. Per questo è stata inaugurata all’interno dell’Ospedale dei Castelli l’area “4 Zampe con te”, che nasce dalla collaborazione fra la Asl Roma 6, la struttura […]
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
“Furbetti dell’ECM”, Cittadinanzattiva: «Paziente deve sapere se medico è in regola con aggiornamento o no»
Dopo l’inchiesta di Striscia la Notizia, le associazioni dei pazienti prendono posizione sull’obbligo dell’aggiornamento professionale per i medici. Mandorino (Cittadinanzattiva): “Noi tuteliamo i diritti dei malati, vogliamo verifiche sulla formazione corretta dei camici bianchi”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...