Salute 14 Novembre 2017 11:37

Diabete e sesso? «Binomio inconsueto ma legittimo, vi spiego il perché…» l’intervista a Vincenzo Toscano, Endocrinologo e Presidente AME

«Le disfunzioni sessuali sono veri e propri campanelli d’allarme per il diabete, non bisogna sottovalutare il problema» così il Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi nella Giornata Mondiale del diabete giunta al suo 26° anno

«La disfunzione erettile può essere un campanello d’allarme delle presenza di diabete» lo spiega Vincenzo Toscano, Presidente AME Professore Ordinario di Endocrinologia all’Università Sapienza di Roma a margine del Convegno dell’Associazione Medici Endocrinologi che si è tenuto dal 9 al 12 novembre a Roma.

LEGGI ANCHE: MENOPAUSA, TIROIDE, OSTEOPOROSI E DIABETE: DA AME FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SULLA SALUTE DELLA DONNA

«Nell’uomo la manifestazione è più eclatante e vistosa – prosegue il Professore – perché il microcircolo che porta ad una normale erezione del pene viene danneggiato nel danno vascolare generalizzato. Dunque il problema può essere una spia che segnala la presenza di diabete o anche di una patologia cardiaca. Si tratta di disturbi che non vanno sottovalutati e quindi riferiti debitamente al medico che può procedere con analisi tra cui anche un controllo della pervietà coronarica (nda analisi del funzionamento dell’attività coronarica)».

La disfunzione erettile sarà uno dei temi affrontati da specialisti di tutto il mondo in occasione della Giornata Mondiale dei Diabete arrivata al 26° anno di celebrazione e finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica su questa malattia cronica degenerativa che colpisce oltre tre milioni di italiani e 415 milioni in tutto il mondo (dati Ansa). Altro argomento centrale l’obesità, una delle maggiori conseguenze che porta il diabete «soprattutto un’obesità centrale quindi concentrata sull’addome – spiega Toscano -. Il soggetto con grasso viscerale, oltre ad avere un maggior rischio metabolico, ha sicuramente una difficoltà di respirazione e questa difficoltà si traduce per esempio nelle apnee notturne del sonno e in tutta una serie di problematiche respiratorie. Sappiamo benissimo che i disturbi del sonno, comportano una modifica della pressione arteriosa che va a complicare e a peggiorare il danno d’organo indotto dal diabete».

Il diabete è anche legato alla fertilità femminile: i problemi endocrinologi, le patologie autoimmuni in generale sono strettamente connessi alla capacità riproduttiva. «La patologia tiroidea – specifica il Professore – comincia ad acquisire sempre più peso nel momento in cui la donna ha gravidanze tarde: è chiaro che una fertilità tra venti e trent’anni, che è assolutamente al massimo delle possibilità, spostata più avanti negli anni risente in maniera più significativa dell’alterazione delle altre ghiandole endocrine in particolar della problematica tiroidea. Dunque è consigliabile – conclude – prima di una gravidanza, soprattutto se in tarda età, effettuare dei controlli preventivi, per esempio è utile fare l’analisi del TSH che controlla i valori della tiroide».

LEGGI ANCHE: DIABETE, PER L’ISTAT UNO TSUNAMI CHE AVANZA NELLE CITTÀ

Articoli correlati
Diabete, 100 anni dalla scoperta dell’insulina. La conferenza dell’Intergruppo obesità in collaborazione con Simt
L’Intergruppo parlamentare obesità e diabete, in collaborazione con la SIMT, celebra i 100 anni della scoperta che ha modificato il corso del diabete tipo 1, malattia dalla prognosi infausta sino al 1921, oggi condizione con la quale convivere e condurre una vita con prospettive di piena normalità
Tiroide, esami e terapie inappropriate. Dall’AME cinque raccomandazioni per fare meglio
In vista della Settimana mondiale della Tiroide, l'Ame ha diffuso cinque raccomandazioni utili sia per i medici che per i pazienti
Parodontite e diabete, position paper di AMD, SidP e SID lancia il “doppio screening” per diagnosi precoce
Screening per il diabete alla poltrona dell’odontoiatra e screening per l’infiammazione gengivale nello studio del diabetologo: in un documento congiunto gli specialisti stabiliscono il percorso per la diagnosi precoce di due malattie legate a doppio filo, che riguardano complessivamente oltre 12 milioni di italiani
Covid-19, AME: «Mal di collo? Possibile legame con tiroidite subacuta»
Associazione Medici Endocrinologi: «Recenti pubblicazioni scientifiche hanno mostrato una correlazione tra Covid-19 e malattie della tiroide. Nessun allarme, ma è bene rivolgersi al proprio medico in caso di sintomi 'sospetti'».
«Vaccini buoni e vaccini non buoni, “il dilemma dei diabetici” e non solo»
di Eugenio Maria De Feo, diabetologo ed ex direttore del centro diabetologico dell'ospedale Cardarelli di Napoli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...