Formazione 16 Marzo 2017 13:15

Menopausa, tiroide, osteoporosi e diabete: da AME formazione e aggiornamento sulla salute della donna

Menopausa, ipotiroidismo, ipertiroidismo, osteoporosi: malattie di grande impatto che prediligono il genere femminile; il diabete, che in realtà si distribuisce equamente tra i generi, aumenta nella donna il rischio di coronaropatie del 40% rispetto alla controparte maschile. Malattie per cui l’endocrinologo è il punto di riferimento perché nonostante siano diverse per sintomatologia sono tutte legate […]

Menopausa, tiroide, osteoporosi e diabete: da AME formazione e aggiornamento sulla salute della donna

Menopausa, ipotiroidismo, ipertiroidismo, osteoporosi: malattie di grande impatto che prediligono il genere femminile; il diabete, che in realtà si distribuisce equamente tra i generi, aumenta nella donna il rischio di coronaropatie del 40% rispetto alla controparte maschile. Malattie per cui l’endocrinologo è il punto di riferimento perché nonostante siano diverse per sintomatologia sono tutte legate al buon funzionamento del sistema endocrino. Per questo motivo AME, Associazione Medici Endocrinologi, organizza una serie di incontri, dedicati ai propri soci, per l’aggiornamento su alcuni dei problemi più impattanti sulla salute della donna, primo fra tutti l’osteoporosi.

«L’osteoporosi post menopausale, ovvero quella forma di osteoporosi che insorge tipicamente dopo la scomparsa del ciclo mestruale – spiega Vincenzo Toscano, presidente AME –, è un problema che investe quasi tutte le donne in post menopausa in tutto il mondo e una donna su cinque è a rischio di frattura vertebrale, un problema che ha gravi conseguenze sulla qualità della vita della persona e dei suoi famigliari»,.

«Recentemente – continua Toscano – il Ministero della Salute ha stilato un aggiornamento sulla prevenzione dell’osteoporosi e delle fratture ossee ad essa associate divise per fasce d’età. La prevenzione di questa malattia infatti, contrariamente a quanto si possa pensare, inizia sin da adolescenti e solo una conoscenza adeguata del problema potrà assicurare una altrettanto adeguata risposta di prevenzione, continua Toscano. L’osteoporosi post menopausale è infatti una malattia cronica di grande interesse sanitario e sociale. Un’adeguata prevenzione si traduce in un impatto significativo sia sulla paziente sia sul servizio nazionale che supporta le spese di gestione delle fratture e quelle relative alla riabilitazione che ne consegue».

Particolare attenzione deve essere prestata ad una dieta bilanciata ricca di calcio e vitamina D2, praticare esercizio fisico in relazione al peso corporeo, seguire stili di vita sani (evitare alcool, fumo e droghe) e, quando appropriato, eseguire esami per definire la densità minerale ossea ed eventualmente sottoporsi alle terapie del caso.

«La formazione degli endocrinologi è un nostro obiettivo, conclude Toscano, e per assicurare un’offerta assistenziale che sia adeguata a questa esigenza di salute e benessere AME sta offrendo ai suoi soci l’opportunità di aggiornarsi su patologie di grande impattox».

Il 17 e 18 marzo appuntamento a Gorizia per il Corso Nazionale Teorico-Pratico sull’Osteoporosi. Per chi non potesse partecipare o necessitasse di ulteriori approfondimenti AME insieme a Consulcesi/Sanità in-formazione propone aggiornamenti on-line sul sito www.corsi-ecm-fad.it

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Diabete: influenza triplica il rischio di ricoveri. L’appello degli esperti AME: «Il vaccino salva la vita»
In occasione della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra lunedì 14 novembre 2022 gli specialisti dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS) invitano le persone con diabete a sottoporsi tempestivamente alla vaccinazione antinfluenzale
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni