Salute 10 Luglio 2019

Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura

«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum

di Lucia Oggianu

Definito dall’Oms ‘epidemia globale’, il diabete, in particolare quello di tipo 2, colpisce 425 milioni di persone nel mondo, circa 1 abitante su 10, con una previsione di crescita del +45% entro il 2045.

Sono necessari adeguati approcci terapeutici e giusta gestione della patologia, che includa l’adozione di un corretto stile di vita. Ma come è cambiato nel tempo l’approccio alla cura diabetica? Risponde ai nostri microfoni Simona Frontoni, diabetologa e presidente IBDO Foundation, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum.

«L’approccio al diabete non può più essere solo appannaggio del diabetologo ma deve essere invece un approccio globale, che tenga conto di diverse cose, prima di tutto delle caratteristiche di fondo del paziente, del suo stile di vita, facendo però attenzione a una serie di attività che sono importanti: alimentazione corretta, attività fisica e un’adeguata gestione della terapia, che oggi può avvalersi anche della tecnologia a suo supporto».

Fondamentale il rapporto con il medico curante, che deve saper informare e seguire il paziente nel tempo. “Occorrono conoscenza e condivisione della terapia e degli obiettivi con il medico curante – ha specificato Frontoni – e poi è importante il coinvolgimento di tanti altri attori come, ad esempio, le associazioni di pazienti. Anche le autorità e le istituzioni possono fare molto per il sostegno al paziente”.

Un ostacolo all’adozione di stili di vita corretti è però rappresentato dalle città, e in particolare alcune, che non offrono le condizioni ideali per far sì che tutte le importanti raccomandazioni e indicazioni possano essere seguite al meglio. Ma come potrebbero migliorare le città?  “Il problema – ha commentato Frontoni – è che nelle città molto spesso è indispensabile muoversi in auto, i mezzi di trasporto sono scarsi e non c’è abbastanza cura del verde. Io credo che si dovrebbe prima di tutto valorizzare l’esistente, ci sono ad esempio una serie di percorsi raccolti da Health City dove si può praticare attività fisica, poi si dovrebbe lavorare per altri obiettivi, come avere piste ciclabili che consentano l’uso della bicicletta per gli spostamenti ma anche avere posti sicuri per camminare a piedi senza essere investiti. Sono obiettivi difficili, in particolare per alcune città, ma che si può certamente migliorare”.

Articoli correlati
Smart working, Sima: «Come lavorare “da casa” in sicurezza»
I consigli della Società Italiana di Medicina Ambientale per ridurre i potenziali rischi del “lavoro agile”
Radiologia, nuovo mammografo digitale allo IOV
«Immagini ad alta risoluzione in 3D che permettono una ricostruzione stratificata della mammella, ma con meno radiazioni per garantire più sicurezza per le pazienti. È arrivato all’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS di Padova il nuovo mammografo digitale dotato di tomosintesi e modulo per la mammografia con mezzo di contrasto, acquistato tramite gara regionale gestita da […]
Covid-19: farmaco antiepatite C potrebbe bloccare il virus. L’intuizione e gli studi iniziali a Napoli e Caserta
In base ad osservazioni cliniche preliminari l’assunzione di una compressa che contiene l’associazione precostituita di due principi attivi sofosbuvir/velpatasvir bloccherebbe la replicazione del Sars-CV-2. Vediamo come con Antonio Izzi, infettivologo del Cotugno di Napoli, e Vincenzo Messina, infettivologo del S. Anna e San Sebastiano di Caserta
SIMG: «Occorre sostituire i Piani Terapeutici con note di raccomandazione»
«Abbiamo inviato ad AIFA la richiesta di convocazione urgente per concordare le modalità atte all’abolizione in tempi strettissimi dei Piani Terapeutici per i farmaci per il diabete (DPP4i, SGLT2 e GLP1»). Così il Presidente SIMG Claudio Cricelli. «Pronta una nostra proposta di Nota alternativa agli stessi»
Covid-19, con albumina bassa maggior rischio di trombosi. Violi (Umberto I): «Controllare spesso i valori, soprattutto negli anziani»
Lo studio Sapienza-Policlinico Umberto I fornisce un’interpretazione del rischio trombotico nei pazienti Covid-19 e apre la strada «all’individuazione precoce delle persone ad alto rischio con screening mirati e a nuove prospettive terapeutiche per ridurre gli eventi vascolari» spiega il coordinatore Francesco Violi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli