Salute 19 Aprile 2019

Cefalea cronica malattia sociale, Camera approva Ddl. Lazzarini (Lega): «Ai primi posti come malattia invalidante, in Ue costa 111 miliardi»

La patologia, accertata da almeno un anno nel paziente mediante diagnosi che ne attesti l’effetto invalidante, sarà riconosciuta come malattia sociale. La deputata della Lega da anni si batte per questo: «Quando si viene in contatto con la vita reale di queste persone si capisce cosa hanno passato, c’è anche chi ha sfiorato il suicidio». Ora il testo passa al Senato, iter dovrebbe essere veloce

Immagine articolo

È raggiante Arianna Lazzarini, deputato della Lega e sindaco di Pozzonovo, dopo il voto di Montecitorio che ha approvato con 451 voti favorevoli il Disegno di legge che la vede come prima proponente e relatrice sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale.

Il suo impegno in materia viene da lontano, da quando nel lontano 2011 cercava di far approvare un provvedimento simile al Consiglio regionale del Veneto. Dopo il via libera della Camera, manca solo l’ok del Senato e «i tempi potrebbero essere brevi», spiega Lazzarini a Sanità Informazione. Il testo prevede che la cefalea primaria cronica, accertata da almeno un anno nel paziente mediante diagnosi che ne attesti l’effetto invalidante, venga riconosciuta come malattia sociale nelle seguenti forme: emicrania cronica e ad alta frequenza; cefalea cronica quotidiana con o senza uso eccessivo di farmaci analgesici; cefalea a grappolo cronica; emicrania parossistica cronica; cefalea nevralgiforme unilaterale di breve durata con arrossamento oculare e lacrimazione; emicrania continua. La proposta prevede infine che con decreto del ministro della Salute, da adottare entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge sono individuati, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, progetti finalizzati a sperimentare metodi innovativi di presa in carico delle persone affette da cefalea, nonché i criteri e le modalità con cui le regioni attuano i medesimi progetti.

Si tratta di una patologia molto invalidante che colpisce circa sette milioni di italiani e che ha un costo sociale importante: «Qualora diventasse legge saremmo il primo paese in Europa a riconoscerla come malattia sociale – spiega la deputata del Carroccio -. L’impatto economico di questa patologia è stimato in 111 miliardi di euro nei 27 paesi dell’Unione europea e Italia, Francia, Germania e Spagna sostengono i costi maggiori».

Onorevole, è soddisfatta dell’approvazione della legge alla Camera?

«È stata una giornata molto importante per circa sette milioni di italiani, il 12% della popolazione, perché dopo tanti anni di attesa da parte dei malati che soffrono di questa patologia abbiamo dato la possibilità di dare un riconoscimento normativo alla cefalea primaria cronica come malattia sociale. Un percorso che ho iniziato nel Consiglio regionale del Veneto nel 2011, ovviamente proponendo un testo di uguale tenore rispetto a quello approvato dalla Camera. Un testo che era partito grazie a testimonianze e segnalazioni di cittadini che soffrono di questa patologia. Tanta soddisfazione perché siamo arrivati alla conclusione grazie ad un grande lavoro fatto dalla Commissione Affari sociali della Camera coinvolgendo tutte le forze politiche, segno evidente che quando si tratta di salute dei cittadini non ci sono differenziazioni, quindi ringrazio tutti».

LEGGI ANCHE: CEFALEE CRONICHE, ALL’ESAME DDL PER RICONOSCERLE COME MALATTIA SOCIALE. LAZZARINI (LEGA): «E’ TRA LE PRIME CAUSE DI DISABILITA’, PAZIENTI ASPETTANO RISPOSTE»

La cefalea primaria cronica è una malattia molto invalidante…

«Sì, più di quanto si possa immaginare. Spesso è definita come semplice mal di testa passeggero, in realtà non è così. Risulta ai primi posti come malattia invalidante secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ed è passata dal terzo al secondo posto come disabilità al mondo. È caduto anche il classico luogo comune secondo cui si pensa che riguardi una certa categoria d’età, principalmente la terza età: in realtà questa malattia interessa principalmente la fascia tra i 20 e i 50 anni di età, ossia il periodo caratterizzato dalla maggiore produttività lavorativa sociale, ed è molto superiore nelle donne in cui c’è una incidenza tre volte maggiore».

Qual è l’impatto anche a livello economico di questa patologia?

«Secondo i dati raccolti anche grazie al Ministero della salute saremmo il primo paese in Europa a riconoscerla come malattia sociale. Considerando che i costi associati alle malattie si tramutano in costi diretti, come visite mediche, esami diagnostici, acquisto di farmaci, ma anche in costi indiretti come la perdita delle giornate lavorative e la ridotta efficienza produttiva. Studi approfonditi hanno rilevato che complessivamente l’impatto economico di questa patologia è stimato in 111 miliardi di euro nei 27 paesi dell’Unione europea e Italia, Francia, Germania e Spagna sostengono i costi maggiori con rimborsi pari a 5,20 miliardi all’anno. Numeri non da poco. Questo provvedimento è nato grazie al lavoro fatto anche con il direttore del Centro cefalee della regione Veneto Giorgio Zanchin, neurologo. Quando si viene in contatto con la vita reale di queste persone si capisce cosa hanno passato, c’è anche chi ha sfiorato il suicidio».

Seguirà l’iter anche in Senato?

«Io mi auguro che l’iter sia veloce, il lavoro più grosso è stato fatto alla Camera, per cui si potrebbe pensare di chiedere la Commissione deliberante in Senato, per cui un passaggio veloce in Commissione e poi Aula. Il Senato dovrebbe recepire quanto già approvato dalla Camera e quindi i tempi direbbero essere brevi».

 

Articoli correlati
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
La sanità nelle Europee 2019. Dalla Lega al Pd: ecco camici bianchi, operatori sanitari e tutti i temi legati alla salute che puntano a Bruxelles
Tra i candidati c’è il medico di Lampedusa Pietro Bartolo (Pd), la fondatrice di “Medicina Legale Contemporanea” Luisa Regimenti e il primario del CTO di Torino Giuliano Faccani. Il Presidente del Parlamento UE Antonio Tajani lancia 10 punti per la sanità in Europa
L’11 maggio è la Giornata Nazionale del Mal di Testa: ne soffre il 50% degli adulti
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ben il 50% degli adulti soffra di cefalea, comunemente detto mal di testa, con un episodio verificatosi almeno una volta nell’ultimo anno; tra i 18 e i 65 anni di età la percentuale cresce fino al 75% e, tra questi, più del 30% ha sofferto di emicrania, una delle […]
Alice nel Paese delle Meraviglie soffriva di emicrania, o di epilessia
La “Sindrome di Alice” è un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva: il proprio corpo si ingrandisce o si rimpicciolisce, le distanze vengono percepite in modo errato, il senso del tempo o della velocità può essere distorto. Sintomi che sono stati rintracciati in pazienti che soffrono di cefalee o di epilessia. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Raffaella Morreale Bubella, consigliere del Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...