Salute 12 ottobre 2018

Cefalee croniche, all’esame Ddl per riconoscerle come malattia sociale. Lazzarini (Lega): «È tra prime cause di disabilità, pazienti aspettano risposte»

La deputata è la prima firmataria del provvedimento giunto in Commissione Affari Sociali: «Questa malattia – spiega – compromette gravemente anche qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi sociali ed economici ingenti»

Immagine articolo

Le cefalee, secondo l’OMS, colpiscono 26 milioni di italiani di cui ben sei milioni sono affetti dalle forme più invalidanti. Ora però inizia a farsi concreta la possibilità per queste persone di veder riconosciuta in Italia la cefalea primaria cronica come malattia sociale. La proposta di legge è della deputata Arianna Lazzarini, esponente della Lega in Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati e prevede l’inserimento della patologia nei Livelli Essenziali di Assistenza per chi ne soffre da almeno dodici mesi in maniera invalidante. Una malattia per essere definita ‘sociale’ deve avere determinate caratteristiche: larga diffusione nella popolazione rilevante dal punto di vista statistico in termini di morbilità su vasta scala; inoltre deve presentare un carattere di stabilità nel tempo, vale a dire una continuità nell’alta frequenza, al punto che, a causa della stessa, si registra un dispendio di risorse pubbliche per assistenza sanitaria, e pertanto un danno economico oltre che individuale (ad esempio per ridotta capacità lavorativa) anche a livello collettivo. Tra le cefalee aventi queste caratteristiche ci sono quella a grappolo, la cefalea nevralgiforme, emicrania cronica ad alta frequenza. «Questa malattia – spiega a Sanità Informazione Lazzarini – compromette gravemente qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi anche sociali ed economici ingenti. Vogliamo dare una risposta ai pazienti e ai tanti malati che attendono un riconoscimento per dar loro una tutela lavorativa e una nuova dignità di vita».

Onorevole Lazzarini, parliamo di una proposta di legge di cui lei è prima firmataria oltre che relatrice ed è quella sull’introduzione della cefalea cronica come disturbo sociale e di tutto ciò che questo comporta. Cosa prevede questo disegno di legge?

«Innanzitutto per me è un coronamento dopo sette anni di lavoro perché è un progetto di legge che porto avanti da quando ero in Commissione Sociale in Consiglio regionale del Veneto e siamo arrivati ormai alla terza seduta. Ci sarà anche una commissione ristretta perché questo progetto di legge ha trovato unanimità, innanzitutto, dai diversi componenti della Commissione perché quando si tratta di malattie ovviamente non c’è colore politico. Noi con questo Ddl composto da un unico articolo chiediamo semplicemente il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale e quindi un adeguamento al decreto del Ministero della Salute del 1961 sulle malattie sociali».

LEGGI ANCHE: GIORNATA NAZIONALE MAL DI TESTA. OMS: «TRA LE DIECI CAUSE AL MONDO DI DISABILITA’»

Non basta soffrire di mal di testa per rientrare in questa categoria. Quali sono le cefalee più invalidanti?

«Ci sono vari tipi di cefalea. Quelle caratterizzate ovviamente da continuità nel tempo. Per comprovare la malattia invalidante, visto che ci sono diversi centri anche di riferimento regionale in tutta Italia proprio per l’enorme quantità di pazienti che ne soffre, bisogna almeno comprovare un anno di invalidità di questa malattia e da lì poi partire con tutto un percorso medico e specialistico. Quindi la malattia viene riconosciuta nel momento in cui si riscontra un anno di continuità della malattia e un effetto invalidante: questo è il punto nodale. Non stiamo parlando di un semplice mal di testa o di un mal di testa leggero, stiamo parlando di una vera e proprio malattia invalidante molto più diffusa di quanto si possa pensare. Infatti questa malattia compromette gravemente anche qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi anche sociali ed economici ingenti. Tra l’altro secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità è al terzo posto tra le malattie invalidanti ed è tra le prime dieci cause al mondo di disabilità, quindi credo sia veramente arrivato il momento, partendo da questo inserimento tra le malattie sociali, di dare una risposta ai pazienti e ai tanti malati che attendono un riconoscimento di questo tipo e anche per dar loro una tutela lavorativa e una nuova dignità di vita».

Il provvedimento è in sede referente in Commissione Affari Sociali. Che tempistica prevede per l’approvazione? E come è stato accolto dalle altre forze politiche?

«Dalle altre forze politiche è stato accolto bene perché comunque era stato presentato un altro disegno di legge simile al mio e infatti faremo l’associamento perché trattandosi di malattia noi dobbiamo dare una risposta indistintamente a tutti i cittadini che soffrono. E ho chiesto questo comitato ristretto per discuterne tutti insieme. Mi auguro ci siano tempi rapidi visto che si tratta di un unico articolo. Poi ci sarà un percorso molto più profondo da fare con le varie associazioni, con i medici e anche con la Commissione nazionale dei LEA».

Articoli correlati
Ministero della Salute, al posto di Fugatti favorita per il ruolo di Sottosegretario la leghista Maria Cristina Cantù
La senatrice è attualmente vicepresidente della Commissione Sanità. È stata assessore alla Famiglia della Regione Lombardia e dirigente di diverse ASL e Ospedali
Abolizione numero chiuso: è la volta buona. Tiramani (Lega): «C’è convergenza Lega-M5S. Avanti solo meritevoli»
Parla il Deputato che ha presentato la proposta di legge per cancellare i test di ingresso. Anche Grillo e Salvini per il superamento: «Il fatto che anche autorevoli esponenti di altri partiti come il PD la pensino in questo modo vuol dire che abbiamo colto nel segno»
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
LEA, lotta agli sprechi, diseguaglianze, parla la Presidente della Commissione Affari Sociali Lorefice (M5S): «Ridare centralità a SSN»
«Basta tagli lineari alla sanità», sottolinea l’esponente Cinque Stelle che annuncia impegno sulle aggressioni ai medici: «Solidarietà a operatori aggrediti, tema sarà priorità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...