Salute 12 Ottobre 2018

Cefalee croniche, all’esame Ddl per riconoscerle come malattia sociale. Lazzarini (Lega): «È tra prime cause di disabilità, pazienti aspettano risposte»

La deputata è la prima firmataria del provvedimento giunto in Commissione Affari Sociali: «Questa malattia – spiega – compromette gravemente anche qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi sociali ed economici ingenti»

Immagine articolo

Le cefalee, secondo l’OMS, colpiscono 26 milioni di italiani di cui ben sei milioni sono affetti dalle forme più invalidanti. Ora però inizia a farsi concreta la possibilità per queste persone di veder riconosciuta in Italia la cefalea primaria cronica come malattia sociale. La proposta di legge è della deputata Arianna Lazzarini, esponente della Lega in Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati e prevede l’inserimento della patologia nei Livelli Essenziali di Assistenza per chi ne soffre da almeno dodici mesi in maniera invalidante. Una malattia per essere definita ‘sociale’ deve avere determinate caratteristiche: larga diffusione nella popolazione rilevante dal punto di vista statistico in termini di morbilità su vasta scala; inoltre deve presentare un carattere di stabilità nel tempo, vale a dire una continuità nell’alta frequenza, al punto che, a causa della stessa, si registra un dispendio di risorse pubbliche per assistenza sanitaria, e pertanto un danno economico oltre che individuale (ad esempio per ridotta capacità lavorativa) anche a livello collettivo. Tra le cefalee aventi queste caratteristiche ci sono quella a grappolo, la cefalea nevralgiforme, emicrania cronica ad alta frequenza. «Questa malattia – spiega a Sanità Informazione Lazzarini – compromette gravemente qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi anche sociali ed economici ingenti. Vogliamo dare una risposta ai pazienti e ai tanti malati che attendono un riconoscimento per dar loro una tutela lavorativa e una nuova dignità di vita».

Onorevole Lazzarini, parliamo di una proposta di legge di cui lei è prima firmataria oltre che relatrice ed è quella sull’introduzione della cefalea cronica come disturbo sociale e di tutto ciò che questo comporta. Cosa prevede questo disegno di legge?

«Innanzitutto per me è un coronamento dopo sette anni di lavoro perché è un progetto di legge che porto avanti da quando ero in Commissione Sociale in Consiglio regionale del Veneto e siamo arrivati ormai alla terza seduta. Ci sarà anche una commissione ristretta perché questo progetto di legge ha trovato unanimità, innanzitutto, dai diversi componenti della Commissione perché quando si tratta di malattie ovviamente non c’è colore politico. Noi con questo Ddl composto da un unico articolo chiediamo semplicemente il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale e quindi un adeguamento al decreto del Ministero della Salute del 1961 sulle malattie sociali».

LEGGI ANCHE: GIORNATA NAZIONALE MAL DI TESTA. OMS: «TRA LE DIECI CAUSE AL MONDO DI DISABILITA’»

Non basta soffrire di mal di testa per rientrare in questa categoria. Quali sono le cefalee più invalidanti?

«Ci sono vari tipi di cefalea. Quelle caratterizzate ovviamente da continuità nel tempo. Per comprovare la malattia invalidante, visto che ci sono diversi centri anche di riferimento regionale in tutta Italia proprio per l’enorme quantità di pazienti che ne soffre, bisogna almeno comprovare un anno di invalidità di questa malattia e da lì poi partire con tutto un percorso medico e specialistico. Quindi la malattia viene riconosciuta nel momento in cui si riscontra un anno di continuità della malattia e un effetto invalidante: questo è il punto nodale. Non stiamo parlando di un semplice mal di testa o di un mal di testa leggero, stiamo parlando di una vera e proprio malattia invalidante molto più diffusa di quanto si possa pensare. Infatti questa malattia compromette gravemente anche qualsiasi attività lavorativa o familiare con dei costi anche sociali ed economici ingenti. Tra l’altro secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità è al terzo posto tra le malattie invalidanti ed è tra le prime dieci cause al mondo di disabilità, quindi credo sia veramente arrivato il momento, partendo da questo inserimento tra le malattie sociali, di dare una risposta ai pazienti e ai tanti malati che attendono un riconoscimento di questo tipo e anche per dar loro una tutela lavorativa e una nuova dignità di vita».

Il provvedimento è in sede referente in Commissione Affari Sociali. Che tempistica prevede per l’approvazione? E come è stato accolto dalle altre forze politiche?

«Dalle altre forze politiche è stato accolto bene perché comunque era stato presentato un altro disegno di legge simile al mio e infatti faremo l’associamento perché trattandosi di malattia noi dobbiamo dare una risposta indistintamente a tutti i cittadini che soffrono. E ho chiesto questo comitato ristretto per discuterne tutti insieme. Mi auguro ci siano tempi rapidi visto che si tratta di un unico articolo. Poi ci sarà un percorso molto più profondo da fare con le varie associazioni, con i medici e anche con la Commissione nazionale dei LEA».

Articoli correlati
La sanità nelle Europee 2019. Dalla Lega al Pd: ecco camici bianchi, operatori sanitari e tutti i temi legati alla salute che puntano a Bruxelles
Tra i candidati c’è il medico di Lampedusa Pietro Bartolo (Pd), la fondatrice di “Medicina Legale Contemporanea” Luisa Regimenti e il primario del CTO di Torino Giuliano Faccani. Il Presidente del Parlamento UE Antonio Tajani lancia 10 punti per la sanità in Europa
L’11 maggio è la Giornata Nazionale del Mal di Testa: ne soffre il 50% degli adulti
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ben il 50% degli adulti soffra di cefalea, comunemente detto mal di testa, con un episodio verificatosi almeno una volta nell’ultimo anno; tra i 18 e i 65 anni di età la percentuale cresce fino al 75% e, tra questi, più del 30% ha sofferto di emicrania, una delle […]
Rivoluzione emicrania, l’annuncio: «Con gli anticorpi monoclonali nuova cura per il mal di testa»
Le società scientifiche riunite a Milano (Anircef, Sin, Sisc) hanno reso pubblica un’importante novità: scoperto il meccanismo che genera il dolore emicranico e messi a punto nuovi farmaci. «Questi medicinali hanno dimostrato in tutti gli studi clinici, ad un anno, una grande efficacia con remissione completa della crisi e in oltre il 50 per cento dei casi riduzione sensibile degli episodi»
di Federica Bosco
Alice nel Paese delle Meraviglie soffriva di emicrania, o di epilessia
La “Sindrome di Alice” è un disturbo neurologico che colpisce la percezione visiva: il proprio corpo si ingrandisce o si rimpicciolisce, le distanze vengono percepite in modo errato, il senso del tempo o della velocità può essere distorto. Sintomi che sono stati rintracciati in pazienti che soffrono di cefalee o di epilessia. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Raffaella Morreale Bubella, consigliere del Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal)
Cefalea cronica malattia sociale, Camera approva Ddl. Lazzarini (Lega): «Ai primi posti come malattia invalidante, in Ue costa 111 miliardi»
La patologia, accertata da almeno un anno nel paziente mediante diagnosi che ne attesti l'effetto invalidante, sarà riconosciuta come malattia sociale. La deputata della Lega da anni si batte per questo: «Quando si viene in contatto con la vita reale di queste persone si capisce cosa hanno passato, c’è anche chi ha sfiorato il suicidio». Ora il testo passa al Senato, iter dovrebbe essere veloce
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...