Salute 29 Luglio 2022 11:40

Aumentano diagnosi Covid tramite sintomi, quali sono i principali?

Mentre gli ultimi dati del monitoraggio settimanale diffusi dall’ISS segnalano che sono aumentate le diagnosi di Covid attraverso la comparsa dei sintomi, uno studio britannico rivela quali siano i segnali più comuni. Il mal di gola è in testa

Aumentano diagnosi Covid tramite sintomi, quali sono i principali?

In questa ondata Covid è aumentata la percentuale dei casi diagnosticati attraverso la comparsa dei sintomi (43% vs 4,5%). Questo è quanto emerge dai dati del monitoraggio settimanale della cabina di regia, diffusi stamattina dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Nella maggior parte dei casi i sintomi riferiti sono piuttosto lievi, simili a un semplice raffreddore o all’influenza.

Il mal di gola è il sintomo principale riportato dalle persone positive

L’ultimo rapporto dell’app di analisi Covid ZOE mostra che il mal di gola è ora diventato il sintomo più segnalato. Lo studio ZOE consente alle persone positive al Covid-19 di segnalare i propri sintomi. I dati forniti vengono quindi analizzati dai ricercatori del King’s College London. Questo permette agli studiosi di tenere traccia delle infezioni in tutto il Regno Unito, oltre a identificare chi è più a rischio e dove si trovano le aree ad alto rischio.

Mal di testa, naso chiuso e tosse sono gli altri sintomi più comuni

Quasi il 58% di tutti i pazienti Covid che hanno utilizzato l’app ha riferito di aver sofferto di mal di gola prima di risultare positivi al Covid. Gli altri sintomi più comuni segnalati sono stati mal di testa, naso chiuso e tosse. «Se al momento si hanno sintomi simili al raffreddore c’è quasi il doppio delle probabilità che si tratti di Covid rispetto a un raffreddore», dice Tim Spector, che guida il progetto ZOE. «Anche se le persone hanno avuto un’infezione pregressa e sono completamente vaccinate, continuano ad ammalarsi. Sebbene tutti noi vogliamo sfruttare al meglio il bel tempo, le persone – continua – dovranno decidere da sole se vale la pena rischiare e andare a grandi eventi, lavorare in ufficio o utilizzare i trasporti pubblici molto trafficati».

La vaccinazione continua a proteggere dalla malattia grave

«La vaccinazione rimane la migliore difesa contro malattie gravi e ospedalizzazione», conferma Mary Ramsay, responsabile dell’immunizzazione dell’Uk Health Security Agency (UkHsa). Gli esperti sottolineano che l’infezione Covid-19 non è scomparsa e, anche se i sintomi sembrano più lievi rispetto al passato, dovremmo tutti ricordarci di mantenere una buona igiene delle mani e delle vie respiratorie. «È anche sensato indossare una mascherina negli spazi chiusi e affollati», suggerisce Ramsay.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale