Salute 29 Luglio 2022 11:40

Aumentano diagnosi Covid tramite sintomi, quali sono i principali?

Mentre gli ultimi dati del monitoraggio settimanale diffusi dall’ISS segnalano che sono aumentate le diagnosi di Covid attraverso la comparsa dei sintomi, uno studio britannico rivela quali siano i segnali più comuni. Il mal di gola è in testa

Aumentano diagnosi Covid tramite sintomi, quali sono i principali?

In questa ondata Covid è aumentata la percentuale dei casi diagnosticati attraverso la comparsa dei sintomi (43% vs 4,5%). Questo è quanto emerge dai dati del monitoraggio settimanale della cabina di regia, diffusi stamattina dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Nella maggior parte dei casi i sintomi riferiti sono piuttosto lievi, simili a un semplice raffreddore o all’influenza.

Il mal di gola è il sintomo principale riportato dalle persone positive

L’ultimo rapporto dell’app di analisi Covid ZOE mostra che il mal di gola è ora diventato il sintomo più segnalato. Lo studio ZOE consente alle persone positive al Covid-19 di segnalare i propri sintomi. I dati forniti vengono quindi analizzati dai ricercatori del King’s College London. Questo permette agli studiosi di tenere traccia delle infezioni in tutto il Regno Unito, oltre a identificare chi è più a rischio e dove si trovano le aree ad alto rischio.

Mal di testa, naso chiuso e tosse sono gli altri sintomi più comuni

Quasi il 58% di tutti i pazienti Covid che hanno utilizzato l’app ha riferito di aver sofferto di mal di gola prima di risultare positivi al Covid. Gli altri sintomi più comuni segnalati sono stati mal di testa, naso chiuso e tosse. «Se al momento si hanno sintomi simili al raffreddore c’è quasi il doppio delle probabilità che si tratti di Covid rispetto a un raffreddore», dice Tim Spector, che guida il progetto ZOE. «Anche se le persone hanno avuto un’infezione pregressa e sono completamente vaccinate, continuano ad ammalarsi. Sebbene tutti noi vogliamo sfruttare al meglio il bel tempo, le persone – continua – dovranno decidere da sole se vale la pena rischiare e andare a grandi eventi, lavorare in ufficio o utilizzare i trasporti pubblici molto trafficati».

La vaccinazione continua a proteggere dalla malattia grave

«La vaccinazione rimane la migliore difesa contro malattie gravi e ospedalizzazione», conferma Mary Ramsay, responsabile dell’immunizzazione dell’Uk Health Security Agency (UkHsa). Gli esperti sottolineano che l’infezione Covid-19 non è scomparsa e, anche se i sintomi sembrano più lievi rispetto al passato, dovremmo tutti ricordarci di mantenere una buona igiene delle mani e delle vie respiratorie. «È anche sensato indossare una mascherina negli spazi chiusi e affollati», suggerisce Ramsay.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Emicrania: trattamento con monoclonali anti-CGRP riduce gli attacchi in oltre il 90% dei pazienti
Un anno di trattamento con anticorpi monoclonali anti-CGRP fa crollare la frequenza degli attacchi di emicrania nella quasi totalità dei soggetti (91,3%). È il dato emerso da uno studio multicentrico cui hanno partecipato ben 16 centri coordinati dall’IRCCS San Raffaele di Roma e appena pubblicato sulla rivista Journal of Neurology
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...