Politica 22 Settembre 2020

Regionali, è tre a tre tra centrodestra e centrosinistra. Marche svoltano a destra, plebiscito per Zaia e De Luca

Smentiti i sondaggi della vigilia, che davano un testa a testa in Puglia e Toscana: confermato Michele Emiliano, Eugenio Giani stacca Susanna Ceccardi. Gli italiani non hanno avuto paura del Covid: buono il dato dell’affluenza. Virologo Lopalco assessore alla Sanità

Immagine articolo

Pari e patta. Chiuse le urne il responso delle regionali ha visto un sostanziale pareggio tra centrodestra e centrosinistra che hanno conquistato tre regioni a testa. Tranne le Marche, nessuna regione ha cambiato colore politico e ovunque sono stati riconfermati i governatori uscenti. Sicuramente ha giocato un ruolo decisivo l’emergenza Covid, con i cittadini che hanno premiato quasi ovunque la gestione della pandemia da parte dei governatori uscenti. Gli italiani non hanno avuto paura del virus, come si paventava alla vigilia, e si sono recati alle urne rispettando le norme di distanziamento: al referendum costituzionale per il taglio dei parlamentari, che ha sancito la vittoria del sì con il 70% dei voti, l’affluenza è stata del 53,84%. Dati ancora più alti per le regionali e le comunali in diversi capoluoghi.

REGIONALI, IN CAMPANIA TRIONFO DI DE LUCA

Ampiamente rispettati i sondaggi della vigilia in Campania dove lo “sceriffo” Vincenzo De Luca (centrosinistra) trionfa con il 69,6%. Molto staccato il candidato del centrodestra Stefano Caldoro al 17,8% mentre Valeria Ciarambino per il M5S si ferma al 9,9%. Attesa per lo scrutinio delle preferenze: tra i tanti candidati in corsa per il Consiglio regionale anche il Presidente OPI Napoli Ciro Carbone, il pediatra Paolo Pignata, il medico dell’emergenza-urgenza Sergio Sorrentino.

IN PUGLIA EMILIANO RICONFERMATO

Il testa a testa dato dai sondaggi e anche dagli exit poll non è stato confermato dalle urne: il presidente uscente Michele Emiliano con il 46,9% dei consensi ha staccato nettamente il candidato del centrodestra ed ex governatore Raffaele Fitto fermo al 38,8%. La candidata del M5S Antonella Laricchia ha raccolto l’11,04%, mentre Ivan Scalfarotto di Italia Viva l’1,64%.

Il professore Pierluigi Lopalco sarà il nuovo assessore alla Sanità della Regione Puglia. «Ha avuto il coraggio di sottoporsi al vaglio popolare ed elettorale e ne è uscito da trionfatore», ha spiegato Emiliano. «La sua non era una sfida facile, non era facile trasformare un professore di università in una star di preferenze. La competenza e serietà di Pierluigi – ha concluso – hanno avuto un peso».

PLEBISCITO PER ZAIA IN VENETO

Plebiscito per il “doge” Luca Zaia forte anche dell’ottima gestione dell’emergenza Covid: il candidato della Lega ha ottenuto il 76,7% e 1.636.103 voti. La ‘civica’ ‘Zaia presidente’ (45,2%) supera di quasi trenta punti percentuali la Lega, che si attesta al 16,8%. Il dem Arturo Lorenzoni ottiene il 15,7% mentre Enrico Cappelletti (M5S) è fermo al 3,33%.

SVOLTA A DESTRA PER LE MARCHE

Dopo 25 anni di governi di centrosinistra le Marche cambiano e svoltano a destra: a governare la regione sarà Francesco Acquaroli (Fratelli d’Italia) che ha raccolto oltre il 49% mentre il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi si attesta al 37,28%. Sul gradino più basso del podio il pentastellato Gian Mario Mercorelli, con l’8,64%. «Da domani inizieremo insieme a lavorare per costruire una visione comune, un progetto che può dare spazio a tutti, e dare ai marchigiani, popolo operoso, le risposte che attendono» ha detto a caldo il neopresidente Acquaroli. Attesa per i tanti esponenti delle professioni sanitarie candidati al Consiglio regionale: tra loro oltre dieci infermieri.

REGIONALI, LA TOSCANA RESTA ROSSA

Anche in Toscana il testa a testa dei sondaggi non si è concretizzato: la storica roccaforte rossa resta nelle mani del centrosinistra che con Eugenio Giani ha raccolto il 48,65% (34,76% del Pd e 4,48% di Iv). La contendente Susanna Ceccardi (Lega) si ferma al 40,44% (nel dettaglio 21,8% della Lega, 13,49% di FdI, 4,28% di Forza Italia). Irene Galletti per il M5S si è fermata al 6,1%. Tanti i camici bianchi in corsa: da Gianna Gambaccini (Lega) neurologa e assessore alle Politiche Sociali del Comune di Pisa, ad Andrea Quartini (M5S), consigliere regionale uscente e medico presso la ASL di Firenze specializzato in tossicodipendenze.

LA LIGURIA NON CAMBIA

L’unica regione in cui si è manifestata anche a livello locale l’alleanza giallorossa tra M5S e PD resta nelle mani del centrodestra: il governatore uscente Giovanni Toti trionfa con 18 punti di distanza rispetto allo sfidante Ferruccio Sansa: 56,1% contro il 38,9%.

Ampio appoggio alla lista del presidente, ‘Cambiamo con Toti’, che ha ottenuto il 22,5% delle preferenze, sopra la Lega che 5 anni fa trainò la vittoria del governatore e oggi si ferma al 17,2%. Proprio il Carroccio nel 2015 si posizionava al 20,25%. Si è trattato di una prima volta per un presidente di centrodestra riconfermato al secondo mandato in Liguria.

SCRUTINIO IN CORSO IN VALLE D’AOSTA

Non ci sono ancora risultati definitivi in Valle D’Aosta dove lo spoglio si avvia alla conclusione. Superati i due terzi (56.566 su 72.704, per un totale di 77,8%) delle schede scrutinate. Resta prima la Lega con il 23,91%. Seguono Union Valdôtaine (15,60%) e Progetto Civico Progressista (15,31%). Ancora Vda Unie (8,37)% e Alliance Valdôtaine (8,39%). Slla soglia del quorum Pour l’Autonomie (6,37%), Centro Destra (5,82%) e Rinascimento Valle d’Aosta (5,16%). Il Movimento Cinque Stelle sembra per ora stanziato al 3,97%.

Articoli correlati
Elezioni regionali, le professioni sanitarie non sfondano nei Consigli: solo una ventina gli eletti
Nonostante i candidati alle ultime elezioni regionali provenienti dal mondo della sanità fossero oltre cento, solo una ventina hanno vinto la sfida delle preferenze
Regionali Puglia, De Vito (La Puglia domani): «Liste d’attesa e medicina territoriale le mie priorità. Servono più tamponi»
La virologa dell’Università di Bari è candidata con la lista civica a sostegno del candidato del centrodestra Raffaele Fitto. Ma non si sente in competizione con l’epidemiologo Lopalco (che sostiene Emiliano): «Entrambi dovremmo avere come obiettivo il miglioramento dello stato di salute della popolazione»
Elezioni Campania, Sorrentino (FdI): «Io a 56 anni tra i più giovani in servizio. Serve politica seria di assunzioni»
Il medico dell’emergenza-urgenza dell’Alta Irpinia Sergio Sorrentino corre in Campania per la lista di Fratelli d’Italia. Chiede più meritocrazia nella scelta dei dirigenti sanitari: «Abbiamo derubricato la questione per troppo tempo consentendo alla politica di scegliere dei manager funzionali alle esigenze di partito»
Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»
Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»
Regionali 2020, nelle prime elezioni post-Covid boom di professionisti sanitari candidati
Da destra a sinistra tanti infermieri e medici tentano la scalata in Consiglio regionale nelle sette regioni chiamate al rinnovo. In Puglia sfida tra virologi (Lopalco vs De Vito), mentre in Campania candidato il Presidente OPI Napoli Ciro Carbone. In campo anche biologi, fisioterapisti, tecnici di radiologia e farmacisti. Tutti considerano l’esperienza nella sanità un valore aggiunto per l’impegno politico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...