Politica 15 Settembre 2020 09:00

Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»

Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»

Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»

Qualcuno l’ha definito “l’uomo da battere”. Certamente Ciro Carbone, Presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Napoli (ora autosospeso per la candidatura) si affaccia nell’agone politico con un bagaglio di conoscenze e di rapporti non indifferente. Lungo il suo curriculum: infermiere dal 1979, già Direttore del Servizio Infermieristico e Ostetrico dell’A.O.R.N. Santobono Pausilipon, al vertice degli infermieri napoletani dal lontano 2001 e in passato docente di discipline infermieristiche presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, le università Parthenope, Vanvitelli e presso l’Università di Tor Vergata di Roma. Sul suo sito web si professa «orgoglioso di indossare una divisa che significa assistere, stare accanto e prendersi cura di una persona non tradendo mai i principi di una professione espressione straordinaria di conoscenze scientifiche, tecniche e comunicative».

Carbone si lancia in politica a sostegno del Presidente Vincenzo De Luca nella lista che raccoglie diversi esponenti della società civile campana, dopo un ‘corteggiamento’ durato diversi mesi e cominciato prima dell’emergenza Covid.

«Non ho mai fatto politica – sottolinea Carbone a Sanità Informazione -. Voglio essere il rappresentante di tutte le professioni sanitarie in Consiglio se i miei colleghi decideranno di sostenermi».

Da Presidente dell’OPI più grande d’Italia, Carbone mette la sanità al centro del suo programma conoscendone da vicino pregi e difetti: «Porterò avanti in primis le tematiche della professione infermieristica e delle altre professioni sanitarie. In passato non sempre queste categorie sono state ascoltate – sottolinea Carbone -. E poi focus sull’infermiere di famiglia (e sull’infermiere pediatrico), o di quartiere, come mi piace definirlo, che potrebbe rappresentare un primo importante step per essere più vicini a chi ha bisogno d’assistenza e di cura. Ora che ci sono i fondi e c’è una legge voglio che la regione Campania sia la prima ad implementare questo servizio, insieme a quello dell’infermiere scolastico».

Nel suo programma attenzione in particolare alla medicina territoriale ma anche alle problematiche sanitarie derivanti dalle contaminazioni ambientali: «Credo che sia necessario fare di più sul fronte dell’assistenza domiciliare. L’emergenza epidemiologica da coronavirus ha evidenziato ancora di più la necessità e l’urgenza di dover ricorrere ad una medicina territoriale, aprendosi anche a sperimentazioni domiciliari. Ritengo pertanto indispensabile assicurare la presenza sul territorio del fisioterapista di comunità, dell’ostetrica territoriale e, più in generale, di tutti i professionisti sanitari coinvolti».

Carbone non ha dubbi sul valore aggiunto che un professionista sanitario può portare in politica: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari, siamo spesso vicini a chi soffre, a chi ha bisogno di aiuto. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica», conclude il Presidente OPI Napoli.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali