Politica 15 Settembre 2020 09:00

Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»

Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»

Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»

Qualcuno l’ha definito “l’uomo da battere”. Certamente Ciro Carbone, Presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Napoli (ora autosospeso per la candidatura) si affaccia nell’agone politico con un bagaglio di conoscenze e di rapporti non indifferente. Lungo il suo curriculum: infermiere dal 1979, già Direttore del Servizio Infermieristico e Ostetrico dell’A.O.R.N. Santobono Pausilipon, al vertice degli infermieri napoletani dal lontano 2001 e in passato docente di discipline infermieristiche presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, le università Parthenope, Vanvitelli e presso l’Università di Tor Vergata di Roma. Sul suo sito web si professa «orgoglioso di indossare una divisa che significa assistere, stare accanto e prendersi cura di una persona non tradendo mai i principi di una professione espressione straordinaria di conoscenze scientifiche, tecniche e comunicative».

Carbone si lancia in politica a sostegno del Presidente Vincenzo De Luca nella lista che raccoglie diversi esponenti della società civile campana, dopo un ‘corteggiamento’ durato diversi mesi e cominciato prima dell’emergenza Covid.

«Non ho mai fatto politica – sottolinea Carbone a Sanità Informazione -. Voglio essere il rappresentante di tutte le professioni sanitarie in Consiglio se i miei colleghi decideranno di sostenermi».

Da Presidente dell’OPI più grande d’Italia, Carbone mette la sanità al centro del suo programma conoscendone da vicino pregi e difetti: «Porterò avanti in primis le tematiche della professione infermieristica e delle altre professioni sanitarie. In passato non sempre queste categorie sono state ascoltate – sottolinea Carbone -. E poi focus sull’infermiere di famiglia (e sull’infermiere pediatrico), o di quartiere, come mi piace definirlo, che potrebbe rappresentare un primo importante step per essere più vicini a chi ha bisogno d’assistenza e di cura. Ora che ci sono i fondi e c’è una legge voglio che la regione Campania sia la prima ad implementare questo servizio, insieme a quello dell’infermiere scolastico».

Nel suo programma attenzione in particolare alla medicina territoriale ma anche alle problematiche sanitarie derivanti dalle contaminazioni ambientali: «Credo che sia necessario fare di più sul fronte dell’assistenza domiciliare. L’emergenza epidemiologica da coronavirus ha evidenziato ancora di più la necessità e l’urgenza di dover ricorrere ad una medicina territoriale, aprendosi anche a sperimentazioni domiciliari. Ritengo pertanto indispensabile assicurare la presenza sul territorio del fisioterapista di comunità, dell’ostetrica territoriale e, più in generale, di tutti i professionisti sanitari coinvolti».

Carbone non ha dubbi sul valore aggiunto che un professionista sanitario può portare in politica: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari, siamo spesso vicini a chi soffre, a chi ha bisogno di aiuto. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica», conclude il Presidente OPI Napoli.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa