Politica 17 Settembre 2020

Regionali Puglia, De Vito (La Puglia domani): «Liste d’attesa e medicina territoriale le mie priorità. Servono più tamponi»

La virologa dell’Università di Bari è candidata con la lista civica a sostegno del candidato del centrodestra Raffaele Fitto. Ma non si sente in competizione con l’epidemiologo Lopalco (che sostiene Emiliano): «Entrambi dovremmo avere come obiettivo il miglioramento dello stato di salute della popolazione»

Immagine articolo

Investimenti per la medicina territoriale, telemedicina e riduzione delle liste d’attesa. Sono alcuni degli ingredienti che la professoressa Danila De Vito, virologa e docente alla Scuola di Medicina dell’Università di Bari ha in mente per rinnovare la sanità pugliese. De Vito sarà infatti tra i candidati alle regionali della lista “La Puglia Domani”. A sostegno del candidato presidente del centrodestra Raffaele Fitto che l’ha fortemente voluta al suo fianco.

«La mia avventura politica – racconta la virologa – nasce casualmente in seguito alla richiesta, avanzatami a metà luglio dal candidato presidente Raffaele Fitto, di un confronto sull’evoluzione della pandemia Covid dopo l’estate. A cui ho risposto con la stesura di linee guida di contenimento in caso di un suo successo elettorale. Il confronto è continuato sulle criticità del nostro Sistema sanitario regionale, dalle liste di attesa alla mobilità passiva, l’organizzazione della medicina territoriale e le modalità con cui andavano affrontate tali problematiche».

NON C’È “DUELLO TRA VIROLOGI”

La sua candidatura è stata da molti interpretata come la risposta del centrodestra a quella di Pierluigi Lopalco, l’epidemiologo pugliese schierato con il presidente uscente Michele Emiliano e responsabile del Coordinamento emergenze epidemiologiche di Regione Puglia. Ma il “duello tra virologi” non sembra appassionare De Vito: «Al di là degli schieramenti politici, entrambi per formazione accademica dovremmo avere come obiettivo il miglioramento dello stato di salute della popolazione» spiega.

La professoressa De Vito vanta un lungo curriculum accademico: nel 1985 vince il Concorso per Professore Associato all’Università di Bari e viene chiamata a ricoprire la Cattedra di igiene della Facoltà di Farmacia. Ha ricoperto diversi incarichi nelle Scuole di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera e in Igiene e sanità Pubblica, oltre ad aver insegnato Microbiologia. Fa parte del Dipartimento di Odontostomatologia e Chirurgia della Facoltà di Medicina e Chirurgia, in cui ha svolto funzioni di direttore dal 2010 al 2012. È anche referente per il Centro Regionale della Puglia per gli entero-patogeni coordinato dall’Iss e Responsabile del Gruppo di Lavoro della Regione Puglia sul “controllo delle malattie sessualmente trasmesse” coordinato dal Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica dell’Iss.

«LA PUGLIA POTEVA FARE DI PIÙ CONTRO COVID»

Sul fronte della lotta al Covid, De Vito è convinta che la regione Puglia avrebbe potuto fare di più nel contenimento del virus: «Si potevano mettere in campo misure di prevenzione più precoci ed incisive – spiega De Vito – raggiungendo due obiettivi: riduzione dell’indice Rt e riduzione dei tassi di mortalità per Covid, dati in cui la Puglia non ha brillato in confronto ad altre regioni del Sud Italia».

In autunno, però, non bisognerà abbassare la guardia perché il virus può rialzare la testa in qualsiasi momento: «Bisogna continuare ad applicare strategie di prevenzione. Inoltre la triplicazione dei tamponi, come auspicato dal collega Andrea Crisanti, permette un contenimento tempestivo dei cluster epidemici da parte dei dipartimenti di prevenzione e la possibilità di monitorare l’andamento dell’infezione, intervenendo con una terapia adeguata anche al domicilio del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Elezioni regionali, le professioni sanitarie non sfondano nei Consigli: solo una ventina gli eletti
Nonostante i candidati alle ultime elezioni regionali provenienti dal mondo della sanità fossero oltre cento, solo una ventina hanno vinto la sfida delle preferenze
Regionali, è tre a tre tra centrodestra e centrosinistra. Marche svoltano a destra, plebiscito per Zaia e De Luca
Smentiti i sondaggi della vigilia, che davano un testa a testa in Puglia e Toscana: confermato Michele Emiliano, Eugenio Giani stacca Susanna Ceccardi. Gli italiani non hanno avuto paura del Covid: buono il dato dell’affluenza. Virologo Lopalco assessore alla Sanità
Puglia, Senior Italia FederAnziani: «Per abbattere liste d’attesa potenziare medicina del territorio»
La richiesta lanciata da FederAnziani ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con Vito Montanaro, Direttore del Dipartimento Promozione della Salute della Regione Puglia in una tavola rotonda virtuale
Psicologo di famiglia, la Puglia è l’unica regione d’Italia a prevederlo in una legge regionale
Lazzari (CNOP): «Auspichiamo cornice nazionale più precisa. Una recente proposta del Pd prevede la presenza di uno psicologo delle cure primarie ogni 5 medici di famiglia»
di Isabella Faggiano
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...