Politica 17 Settembre 2020 15:28

Regionali Puglia, De Vito (La Puglia domani): «Liste d’attesa e medicina territoriale le mie priorità. Servono più tamponi»

La virologa dell’Università di Bari è candidata con la lista civica a sostegno del candidato del centrodestra Raffaele Fitto. Ma non si sente in competizione con l’epidemiologo Lopalco (che sostiene Emiliano): «Entrambi dovremmo avere come obiettivo il miglioramento dello stato di salute della popolazione»

Regionali Puglia, De Vito (La Puglia domani): «Liste d’attesa e medicina territoriale le mie priorità. Servono più tamponi»

Investimenti per la medicina territoriale, telemedicina e riduzione delle liste d’attesa. Sono alcuni degli ingredienti che la professoressa Danila De Vito, virologa e docente alla Scuola di Medicina dell’Università di Bari ha in mente per rinnovare la sanità pugliese. De Vito sarà infatti tra i candidati alle regionali della lista “La Puglia Domani”. A sostegno del candidato presidente del centrodestra Raffaele Fitto che l’ha fortemente voluta al suo fianco.

«La mia avventura politica – racconta la virologa – nasce casualmente in seguito alla richiesta, avanzatami a metà luglio dal candidato presidente Raffaele Fitto, di un confronto sull’evoluzione della pandemia Covid dopo l’estate. A cui ho risposto con la stesura di linee guida di contenimento in caso di un suo successo elettorale. Il confronto è continuato sulle criticità del nostro Sistema sanitario regionale, dalle liste di attesa alla mobilità passiva, l’organizzazione della medicina territoriale e le modalità con cui andavano affrontate tali problematiche».

NON C’È “DUELLO TRA VIROLOGI”

La sua candidatura è stata da molti interpretata come la risposta del centrodestra a quella di Pierluigi Lopalco, l’epidemiologo pugliese schierato con il presidente uscente Michele Emiliano e responsabile del Coordinamento emergenze epidemiologiche di Regione Puglia. Ma il “duello tra virologi” non sembra appassionare De Vito: «Al di là degli schieramenti politici, entrambi per formazione accademica dovremmo avere come obiettivo il miglioramento dello stato di salute della popolazione» spiega.

La professoressa De Vito vanta un lungo curriculum accademico: nel 1985 vince il Concorso per Professore Associato all’Università di Bari e viene chiamata a ricoprire la Cattedra di igiene della Facoltà di Farmacia. Ha ricoperto diversi incarichi nelle Scuole di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera e in Igiene e sanità Pubblica, oltre ad aver insegnato Microbiologia. Fa parte del Dipartimento di Odontostomatologia e Chirurgia della Facoltà di Medicina e Chirurgia, in cui ha svolto funzioni di direttore dal 2010 al 2012. È anche referente per il Centro Regionale della Puglia per gli entero-patogeni coordinato dall’Iss e Responsabile del Gruppo di Lavoro della Regione Puglia sul “controllo delle malattie sessualmente trasmesse” coordinato dal Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica dell’Iss.

«LA PUGLIA POTEVA FARE DI PIÙ CONTRO COVID»

Sul fronte della lotta al Covid, De Vito è convinta che la regione Puglia avrebbe potuto fare di più nel contenimento del virus: «Si potevano mettere in campo misure di prevenzione più precoci ed incisive – spiega De Vito – raggiungendo due obiettivi: riduzione dell’indice Rt e riduzione dei tassi di mortalità per Covid, dati in cui la Puglia non ha brillato in confronto ad altre regioni del Sud Italia».

In autunno, però, non bisognerà abbassare la guardia perché il virus può rialzare la testa in qualsiasi momento: «Bisogna continuare ad applicare strategie di prevenzione. Inoltre la triplicazione dei tamponi, come auspicato dal collega Andrea Crisanti, permette un contenimento tempestivo dei cluster epidemici da parte dei dipartimenti di prevenzione e la possibilità di monitorare l’andamento dell’infezione, intervenendo con una terapia adeguata anche al domicilio del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fine vita, Commissione Sanità Puglia approva proposta di legge regionale. Amati (Pd): «Siamo i primi in Italia, ora subito in Aula»
«Spero che le altre regioni seguano l’esempio italiano e mi attendo un immediato esame in Consiglio regionale, anche rinviando di qualche giorno le ferie» sottolinea il consigliere regionale dem Fabiano Amati
«Non serve una legge statale per garantire il suicidio assistito». La proposta del Pd pugliese per superare lo stallo
Una proposta di legge regionale di Fabiano Amati (Pd) punta a garantire in Puglia il suicidio medicalmente assistito. Spiega Amati: «L’aiuto alla morte per persone malate terminali è già una prestazione prevista dall’ordinamento in virtù della sentenza della Corte costituzionale 242 del 2019, le regioni hanno solo bisogno di norme organizzative». Nel testo viene garantita l’assistenza gratuita del SSN
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
Infermieri, il nuovo ruolo di Direttore Assistenziale è una realtà. Anche la Puglia presenta il suo progetto di legge
Clemente (Consigliere Regionale Puglia): «Sostegno bipartisan per una proposta volta a valorizzare la professione»
Il 2021 anno record per i trapianti in Puglia: crescono le donazioni nonostante il Covid
Il coordinatore del Centro Trapianti Regionale: «È stato un Natale più bello per 123 famiglie pugliesi. Nel cuore le storie di due padri che hanno donato il proprio rene ai figli e quella di Merek, che ora vuole iscriversi a Medicina e tornare in Uganda per aiutare i suoi connazionali che non hanno avuto la sua stessa fortuna»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi