Salute 24 Maggio 2022 10:10

In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica

Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»

di Francesco Torre
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica

L’ultima novità in tema di Covid arriva da Bari, dove ha avuto buon esito la sperimentazione di un reparto per pazienti Covid asintomatici o paucisintomatici a gestione infermieristica. La portata innovativa di questa realtà nata all’interno del Policlinico San Paolo del capoluogo pugliese la spiegano a Sanità Informazione il Direttore generale dell’Asl di Bari Antonio Sanguedolce e il Presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Bari Saverio Andreula.

Come funziona il reparto Covid a gestione infermieristica

Naturalmente, ognuno continuerà a fare il proprio lavoro: gli infermieri, i medici e gli altri operatori della sanità. La novità risiede nell’organizzazione: il metodo adottato a Bari consentirà agli ospedali, in caso di una prossima ondata Covid, di proseguire regolarmente con le normali attività senza il blocco che c’è stato in questi anni. In sostanza i pazienti che necessitano di ricovero per cause non attribuibili al Covid ma che risultano positivi all’ingresso o nel corso della degenza vengono destinati a questo reparto a gestione infermieristica ma restano sotto il controllo e le cure dei medici del reparto di destinazione originaria. In questo modo evitano di infettare gli altri pazienti, sono seguiti meglio e l’attività dei reparti può proseguire in modo regolare, senza bisogno dell’isolamento o di inviare i pazienti ai Covid hospital.

«Prima inviavamo questi casi all’ospedale Covid di riferimento, che in provincia di Bari sono il policlinico di Bari, quello di Altamura e quello di Putignano – spiega il direttore dell’Asl di Bari Antonio Sanguedolce -. Poi si è pensato di gestire questi pazienti in un’area multidisciplinare, di fatto un reparto la cui gestione è stata affidata a un pool di infermieri che resta fisso, in un’area all’interno dell’ospedale San Paolo».

La routine è quella di un normalissimo reparto: «Il paziente – spiega Sanguedolce – prima di entrare in questo reparto passa un triage. Chi ha condizioni cliniche molto gravi non Covid, rimane nel reparto di appartenenza. Vengono invece destinati a questo reparto speciale i casi positivi di gravità medio-bassa. Gli infermieri seguono il decorso di questo paziente in condivisione con gli specialisti medici del reparto di provenienza. La mattina il medico si reca nel reparto, svolge il normale giro di visita e se ne torna nel suo reparto. Il vantaggio è che c’è un’unica equipe che segue i pazienti. Di fatto è un reparto Covid, con le dovute precauzioni e attenzioni».

Un protocollo innovativo

Si tratta, dunque, di una nuova modalità organizzativa che consente ai malati assegnati a un determinato reparto che scoprono di essere positivi al Covid di essere seguiti dagli stessi medici specialisti e nello stesso ospedale. Una modalità che, dopo una iniziale perplessità, ha convinto anche il presidente dell’Ordine dei Medici di Bari (e della FNOMCeO) Filippo Anelli dopo le rassicurazioni del presidente dell’OPI Bari Saverio Andreula che in una nota ha sottolineato che «non si tratta di una unità operativa a sé stante» e che «nessuna forma di sostituzione professionale è stata attuata dagli infermieri che vi hanno operato».

«La novità è che si è usato un protocollo mai attuato – spiega Andreula a Sanità Informazione -: abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale, gestito dagli infermieri, con i medici di ciascuna specialità che si recavano in quell’ambiente. È il primo in Italia di cui si ha notizia, ma non possiamo escludere che ci siano state già altre esperienze analoghe».

Modello replicabile in caso di nuova ondata Covid

«Questa prima sperimentazione è andata bene – racconta ancora Sanguedolce -. Adesso lo stiamo esportando verso altri ospedali della provincia. Questo modello ci servirà in autunno quando potrebbe esserci un rimbalzo delle positività. È fondamentale la gestione multidisciplinare con pazienti diversi per patologia ma un gruppo di infermieri che resta stabile. È un presupposto importante che dà una continuità di gestione infermieristica. In questo modo il paziente è seguito meglio perchè non viene isolato in un reparto dove l’accesso degli infermieri è più sporadico».

La soluzione è piaciuta agli infermieri che hanno apprezzato la nuova modalità gestionale: «Gli infermieri sono contentissimi – conclude Sanguedolce -. Crediamo molto nella professione infermieristica e pensiamo a nuovi progetti che li vedono protagonisti, come quello di ambulatori specialistici a gestione infermieristica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
«Non serve una legge statale per garantire il suicidio assistito». La proposta del Pd pugliese per superare lo stallo
Una proposta di legge regionale di Fabiano Amati (Pd) punta a garantire in Puglia il suicidio medicalmente assistito. Spiega Amati: «L’aiuto alla morte per persone malate terminali è già una prestazione prevista dall’ordinamento in virtù della sentenza della Corte costituzionale 242 del 2019, le regioni hanno solo bisogno di norme organizzative». Nel testo viene garantita l’assistenza gratuita del SSN
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali