Politica 16 Dicembre 2020 14:05

L’idea anti-MES dei Cinque Stelle: titoli di Stato “mirati” per finanziare la sanità. Pirro: «Ecco perché è il momento dei Btp Salute»

La proposta è contenuta in un emendamento alla Legge di Bilancio. La Capogruppo del M5S in Commissione Sanità al Senato Elisa Pirro: «In questo momento le aste dei nostri titoli di Stato vanno a gonfie vele, i tassi di interesse a volte sono addirittura negativi». E ribadisce: «Condizionalità del MES non sparite, meglio ricorrere a queste emissioni mirate»

«È il momento giusto per i Btp salute perché c’è una sensibilità diversa tra i cittadini italiani soprattutto in questo momento di grande crisi. Finalmente c’è una grande attenzione verso la sanità e tutti quei problemi sinora rimasti irrisolti». Elisa Pirro, Capogruppo M5S in Commissione Sanità, è assolutamente convinta della bontà dell’ultima proposta del Movimento Cinque Stelle in tema di salute: emettere un Btp “mirato” dedicato alla Salute per potenziare le strutture ospedaliere e la sanità territoriale, rinnovare le strumentazioni, aiutare la ricerca.

I Btp Salute somiglierebbero in qualche modo ai BTP Futura, titoli di Stato nati con l’obiettivo di supportare l’economia nazionale i cui proventi vengono interamente utilizzati per finanziare i provvedimenti adottati dal Governo per sostenere la crescita del Paese e affrontare l’emergenza da Covid-19.

«Funzionerà come qualsiasi titolo di Stato – spiega Pirro a Sanità Informazione -. I soldi raccolti con queste emissioni sono finalizzati a determinati utilizzi come è stato già fatto in passato. Lo stesso meccanismo che si intende creare con i famosi ‘Btp Green’ per il Green New Deal di cui tanto si parla. I soldi raccolti verranno finalizzati al finanziamento di specifici programmi rivolti alla sanità».

L’idea di fondo è continuare a sfruttare la scia dei bassi rendimenti che sta accompagnando le ultime emissioni dei titoli governativi italiani, che continuano a essere molto richiesti sul mercato e permettono allo Stato di indebitarsi a prezzi contenuti. La proposta è inserita in un emendamento alla Legge di Bilancio presentato dal pentastellato Davide Zanichelli ma non è detto che l’operazione vada in porto: «La discussione sulla legge di Bilancio è in corso, noi ci auguriamo vivamente che questo rientri tra gli emendamenti approvati – spiega Pirro -. Se così non fosse, nulla vieta in primis che il governo possa farlo suo anche senza bisogno di un emendamento. E comunque continueremo a proporlo in futuro».

Qualcuno ha interpretato la proposta M5S come una risposta indiretta a chi chiede di accedere ai fondi del MES. E non è andato lontano dalla realtà. «L’idea non nasce con questa finalità – chiarisce la senatrice Cinque Stelle -. È certo che da più parti si ritiene che bisogna investire maggiormente in campo sanitario. Secondo noi l’accesso ai fondi del MES potrebbe essere un grave errore e un grande pericolo per il nostro Paese. Per quanto siano state rimosse le condizionalità per accedere a quei fondi, permangono invece tutte quelle sulle modalità e i tempi di restituzione dei fondi del MES. Perciò riteniamo che i fondi vadano ricercati altrove. Questa può essere una validissima alternativa anche perchè in questo momento le aste dei nostri titoli di Stato vanno a gonfie vele, i tassi di interesse a volte sono addirittura negativi. Riteniamo che non ci sia alcun bisogno di ricorrere ad altre misure più rischiose quando abbiamo queste possibilità ottime già attuabili».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ricciardi: «Riapertura scuole detonatore del contagio e forte rischio per la campagna vaccinale»
Il consigliere scientifico del ministro Speranza a Sanità Informazione: «Solo lockdown nazionale di un mese invertirebbe la curva epidemica». E sul Mes: «Sempre stato favorevole, l’ideale sarebbe stato attivarlo a giugno. Più soldi in sanità ci sono, meglio è»
Recovery Plan, la bocciatura di Renzi: «Piano senz’anima. Ora accedere al MES per la sanità: su questo non torneremo indietro»
Il leader di Italia Viva chiede all’esecutivo di rivedere il Piano per accedere ai fondi del Next Generation UE: «A chi dice che i soldi del MES sono condizionati voglio ricordare che i soldi del Recovery Fund sono più condizionati di quelli del MES». Poi propone di destinare quattro miliardi alla filiera farmaceutica per rilanciare l’occupazione. Sui vaccini: «Diamo una patente a chi l’ha fatto»
Legge di Bilancio, Guglielmino (SIRU): «Aumento fondo per PMA segnale importante. Primo passo per contrastare denatalità record»
Il Presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana Antonino Guglielmino plaude all’approvazione dell’emendamento alla Manovra presentato dalla deputata Stefania Mammì (M5S) che incrementa di 5 milioni di euro fino al 2023 il fondo per le tecniche di procreazione medicalmente assistita previsto dalla legge 40 del 2004: «Ora ci attiveremo presso gli assessorati regionali per verificare che questi fondi vadano alle coppie che vogliono usufruire della PMA»
Specializzandi, Tuzi: «Finalmente anche il Pd verso contratto di formazione-lavoro. Al Ministro Manfredi chiedo date certe per il concorso»
Il deputato e medico M5S ha presentato un anno fa una proposta di legge sul riordino delle scuole di specializzazione dell’area sanitaria. Sulle vaccinazioni sottolinea: «È un lavoro e come tale deve essere remunerato o con un adeguato trattamento economico o quantomeno tramite la maturazione di giorni di ferie»
Manovra, D’Uva (M5S): «Ok a 40 mln del bilancio della Camera al personale sanitario»
Il via libera all'emendamento dei componenti dell'Ufficio di Presidenza di Montecitorio è arrivato in Commissione Bilancio. Il deputato questore Francesco D'Uva: «Queste somme derivano da un lavoro virtuoso di risparmio sul bilancio dell'Istituzione, elemento che ci rende doppiamente soddisfatti perché indice di un impegno serio e concreto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...