Politica 16 Dicembre 2020 14:05

L’idea anti-MES dei Cinque Stelle: titoli di Stato “mirati” per finanziare la sanità. Pirro: «Ecco perché è il momento dei Btp Salute»

La proposta è contenuta in un emendamento alla Legge di Bilancio. La Capogruppo del M5S in Commissione Sanità al Senato Elisa Pirro: «In questo momento le aste dei nostri titoli di Stato vanno a gonfie vele, i tassi di interesse a volte sono addirittura negativi». E ribadisce: «Condizionalità del MES non sparite, meglio ricorrere a queste emissioni mirate»

«È il momento giusto per i Btp salute perché c’è una sensibilità diversa tra i cittadini italiani soprattutto in questo momento di grande crisi. Finalmente c’è una grande attenzione verso la sanità e tutti quei problemi sinora rimasti irrisolti». Elisa Pirro, Capogruppo M5S in Commissione Sanità, è assolutamente convinta della bontà dell’ultima proposta del Movimento Cinque Stelle in tema di salute: emettere un Btp “mirato” dedicato alla Salute per potenziare le strutture ospedaliere e la sanità territoriale, rinnovare le strumentazioni, aiutare la ricerca.

I Btp Salute somiglierebbero in qualche modo ai BTP Futura, titoli di Stato nati con l’obiettivo di supportare l’economia nazionale i cui proventi vengono interamente utilizzati per finanziare i provvedimenti adottati dal Governo per sostenere la crescita del Paese e affrontare l’emergenza da Covid-19.

«Funzionerà come qualsiasi titolo di Stato – spiega Pirro a Sanità Informazione -. I soldi raccolti con queste emissioni sono finalizzati a determinati utilizzi come è stato già fatto in passato. Lo stesso meccanismo che si intende creare con i famosi ‘Btp Green’ per il Green New Deal di cui tanto si parla. I soldi raccolti verranno finalizzati al finanziamento di specifici programmi rivolti alla sanità».

L’idea di fondo è continuare a sfruttare la scia dei bassi rendimenti che sta accompagnando le ultime emissioni dei titoli governativi italiani, che continuano a essere molto richiesti sul mercato e permettono allo Stato di indebitarsi a prezzi contenuti. La proposta è inserita in un emendamento alla Legge di Bilancio presentato dal pentastellato Davide Zanichelli ma non è detto che l’operazione vada in porto: «La discussione sulla legge di Bilancio è in corso, noi ci auguriamo vivamente che questo rientri tra gli emendamenti approvati – spiega Pirro -. Se così non fosse, nulla vieta in primis che il governo possa farlo suo anche senza bisogno di un emendamento. E comunque continueremo a proporlo in futuro».

Qualcuno ha interpretato la proposta M5S come una risposta indiretta a chi chiede di accedere ai fondi del MES. E non è andato lontano dalla realtà. «L’idea non nasce con questa finalità – chiarisce la senatrice Cinque Stelle -. È certo che da più parti si ritiene che bisogna investire maggiormente in campo sanitario. Secondo noi l’accesso ai fondi del MES potrebbe essere un grave errore e un grande pericolo per il nostro Paese. Per quanto siano state rimosse le condizionalità per accedere a quei fondi, permangono invece tutte quelle sulle modalità e i tempi di restituzione dei fondi del MES. Perciò riteniamo che i fondi vadano ricercati altrove. Questa può essere una validissima alternativa anche perchè in questo momento le aste dei nostri titoli di Stato vanno a gonfie vele, i tassi di interesse a volte sono addirittura negativi. Riteniamo che non ci sia alcun bisogno di ricorrere ad altre misure più rischiose quando abbiamo queste possibilità ottime già attuabili».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori, M5S al fianco di “Una stanza per un sorriso”: «Lavoro associazioni è fondamentale»
Restituire un sorriso alle donne che affrontano, con la chemioterapia, tutti i disagi della cura e della malattia. Con questo scopo le volontarie dell’associazione “Una stanza per un sorriso” portano avanti la loro attività. Ne hanno parlato, al Senato, la presidente e la vicepresidente dell’associazione “Una stanza per un sorriso” Rosanna Galantucci e Amelia Sgobba […]
Disabilità, D’Arrando (M5S): «Bene legge delega ma budget di salute e altri ddl proseguano iter»
«Accogliamo con favore l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge delega in materia di disabilità per riformare e riorganizzare la normativa in questo ambito. Si tratta di una delle riforme previste dal PNRR e ci auguriamo possa essere l’occasione giusta per venire incontro alle richieste di famiglie, associazioni e cittadini con […]
Disturbi comportamento alimentare, M5S: «Pandemia ha acuito problema, serve spazio autonomo nei LEA»
Le parlamentari del MoVimento 5 stelle Celeste D’Arrando, Marta Grande e Azzurra Cancelleri hanno partecipato a una manifestazione davanti al Ministero della Salute con associazione e famiglie coinvolte dal problema
Alzheimer, M5S: Fondo per le demenze primo passo, ora PNRR per garantire prossimità delle cure
«La Giornata mondiale dell’Alzheimer ci ricorda l’importanza di investire nella ricerca e nell’assistenza, di attuare interventi concreti che possano migliorare la qualità della vita di così tante persone» sottolineano i deputati pentastellati
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...