Salute 16 Dicembre 2020 15:32

Vaccino anti-Covid, Rappuoli: «Iter rapido perché le fasi sperimentali si sono tenute in parallelo, senza saltarne nessuna»

Il direttore del Laboratorio di Ricerca di Toscana Life Sciences è intervenuto al Forum Risk Management in sanità confermando la sicurezza dei vaccini. Cavaleri (EMA): «Industria, mondo accademico e governi hanno fatto uno sforzo incredibile, mai visto prima»

di Tommaso Caldarelli
Vaccino anti-Covid, Rappuoli: «Iter rapido perché le fasi sperimentali si sono tenute in parallelo, senza saltarne nessuna»

«Domanda da un milione di euro: abbiamo sviluppato il vaccino contro il coronavirus in poche settimane, di solito ci sono voluti fra i dieci e i quindici anni. Abbiamo sottovalutato il problema della sicurezza? Io credo di no». Il professor Rino Rappuoli, direttore del Laboratorio di Ricerca della Fondazione Toscana Life Sciences, risponde così, durante il webinar “Lo stato dell’arte per i vaccini anti-Covid-19” trasmesso oggi nell’ambito del Forum Risk Management in sanità, alla questione che tutti, più o meno, si stanno ponendo.

Vaccini, fasi in parallelo

Dopo aver spiegato nel dettaglio le tipologie di vaccini in corso di sviluppo e le diverse tecnologie alla base di questi medicinali, Rappuoli ha spiegato: «Non abbiamo saltato le fasi, non abbiamo saltato la tossicologia, non abbiamo saltato la fase uno, né la due, né la tre, le abbiamo fatte tutte. Ma mentre di solito le facevamo una dopo l’altra, stavolta le abbiamo fatte in parallelo. Le prove cliniche le abbiamo fatte addirittura su trentamila persone, un numero enorme. Io ho personalmente registrato vaccini con cinque-seimila persone vaccinate».

«Non abbiamo preso rischi sullo sviluppo e sulla sicurezza – ha aggiunto -, piuttosto abbiamo preso un rischio finanziario, perché facendo procedere le fasi in parallelo se qualcosa va storto si buttano i soldi. Fortunatamente questo rischio non è stato preso dalle imprese ma dai governi, il governo americano ha distribuito diversi miliardi alle imprese che producono i vaccini».

Il nodo farmacovigilanza

Ovviamente «ci sono dei ma. Questi vaccini, pur testati su grandi platee, adesso andranno su numeri ancora più grandi, su milioni di persone. Sarà fondamentale – ha continuato Rappuoli – la farmacovigilanza perché queste sono tecnologie di vettura virale nuove, soprattutto i primi vaccini che arriveranno. Quelli che arriveranno in seguito sono invece basati su tecnologie che conosciamo benissimo e quindi anche su quel fronte siamo a posto».

La voce dell’industria

Interessante all’interno del panel anche gli interventi dei rappresentanti dell’industria farmaceutica. Lorenzo Wittum, presidente di Astrazeneca, ha confermato che il vaccino da essi sviluppato «è in dirittura d’arrivo». Dopo la sottomissione delle basi di dati e delle documentazioni presentate, l’azienda britannica si è detta fiduciosa che il processo di sottomissione documentale possa concludersi in pochi giorni.

«Aspettiamo a quel punto la data che ci vorrà proporre l’EMA, per sapere anche in materia dei due diversi dosaggi che proponiamo», ha continuato Wittam, che ha sottolineato comunque che il vaccino è già in produzione da maggio.

«Quando arriverà l’approvazione – ha aggiunto – noi saremo pronti a distribuire il vaccino agli Stati membri, fra cui ovviamente l’Italia. C’è già un accordo con il ministro Speranza per 300 milioni di dosi e siamo in contatto permanente con AIFA, ISS e la struttura commissariale guidata da Arcuri per garantire la più corretta distribuzione del farmaco. Se l’approvazione arrivasse entro la prima quindicina di gennaio – Wittum ha aggiunto – noi entro 24 ore saremmo nelle condizioni di consegnare le prime dosi. Nel 2021 puntiamo a 3 milioni di dosi distribuite» che saranno vendute «a prezzo di costo».

EMA: «Visto qualcosa di incredibile»

Ampia la discussione nel panel promosso dal Forum Risk Management, che ha dato la parola a rappresentanti di AIFA e di EMA per descrivere le tempistiche relative all’approvazione del farmaco vaccinale. Dopo Adriana Ammassari, che ha parlato a nome di AIFA, ha preso la parola Marco Cavaleri da Amsterdam, sede dell’European Medicines Agency: «La gran parte dei vaccini sviluppati per il Covid-19 deve passare dall’EMA per l’autorizzazione europea. Ha dell’incredibile quel che è successo, in 11 mesi siamo passati dal laboratorio ai dati di fase 4 e a decisioni di agenzie regolatorie. Quello che è importante sottolineare è che oggi abbiamo tutti i dati di cui abbiamo bisogno, non abbiamo saltato passaggi. Industria, mondo accademico e governi hanno fatto uno sforzo incredibile. Mai avevo visto i vaccini in produzione prima che le autorizzazioni fossero arrivate».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...