Lavoro 15 Dicembre 2020 16:22

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia secondo il Presidente ISS Brusaferro

Intervenuto al Forum Risk Management in Sanità, il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità spiega come è stato gestito il rischio coronavirus. Ippolito (Spallanzani): «Servono forte gestione centrale e una Rete nazionale malattie infettive»

di Tommaso Caldarelli
Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia secondo il Presidente ISS Brusaferro

L’obiettivo è quello di «costituire un laboratorio permanente di pensiero sulla sanità, perché il coronavirus ci ha insegnato tante cose: a resistere ma anche a pensare soluzioni nuove». Con queste parole Vasco Giannotti, presidente del Comitato Scientifico del Forum Risk Management in Sanità, ha descritto i principali contenuti della nuova edizione del tradizionale appuntamento con base ad Arezzo, che ha aperto i battenti oggi, 15 dicembre, nella formula digitale a cui siamo tutti ormai abituati a causa dell’emergenza sanitaria. Il primo appuntamento dell’evento promosso da Istituto Superiore di Sanità (ISS), Fondazione per l’Innovazione e la Sicurezza in Sanità e Comune di Arezzo è stato la relazione proprio di Silvio Brusaferro, presidente dell’ISS, che ha fatto il punto sulla fase pandemica da coronavirus, a cavallo fra la prima e la seconda ondata.

Brusaferro: «Gestione coronavirus? È stato risk management»

«Nella seconda ondata – ha spiegato Brusaferro – il nostro Paese ha dimostrato una aumentata capacità di testing a fronte di una diffusione della malattia da Sars-CoV-2 prevalentemente da asintomatici. Tutti i Paesi risultano colpiti in maniera importante e l’Italia non è più il Paese capofila per contagi. Sono lieto di essere qui oggi in un evento così intitolato perché in effetti nella gestione della pandemia abbiamo fatto risk management, ovvero abbiamo agito applicando gli schemi di valutazione di rischio, di impatto, di esito e la nostra resilienza territoriale».

«Avevamo bisogno di dati completi e di modelli che rappresentassero correttamente la realtà, di indicatori di resilienza e modi per misurare la capacità di far fronte con risorse umane e con posti letto al dilagare della pandemia – ha aggiunto il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità -. La cosa importante è che con questo tipo di indicatori si deve valutare l’andamento della curva pandemica in termini di trend, il rischio di evoluzione dell’epidemia. La cabina di regia ha predisposto dei cluster di classificazione del rischio dividendolo in molto basso, basso, moderato, alto; a ottobre la situazione si evolve verso rischio moderato, ha un picco verso la prima metà di novembre, poi si innesca la decrescita che stiamo ancora vivendo».

Che cosa abbiamo imparato dalla pandemia

Il lavoro dell’Istituto Superiore di Sanità ha consentito di individuare alcuni fronti di riflessione su cui sarà importante, da adesso in poi, concentrare l’attività sia di ricerca che di policymaking. «Esiste il tema della preparazione – ha spiegato Brusaferro -. All’inizio della pandemia noi potevamo contare sulla disponibilità di mascherine che provenivano solo da alcune zone del mondo, la produzione era abbastanza concentrata e questo può rappresentare un problema. Oggi siamo preparati, ma ciò ha richiesto un certo livello di riconversione industriale. Per il futuro, visto che noi incontreremo altri patogeni nella nostra storia, dovrà essere ancora un tema».

«Secondo punto . ha continuato -, la public health: veniamo da anni in cui molto si è parlato di prevenzione, il problema è che il lavoro sulla prevenzione si vede quando essa viene meno. Nel post pandemia dovremo costruire una macchina che sia basata realmente sulla promozione della prevenzione».

«Il terzo tema è quello della centralità delle risorse umane. I professionisti della sanità sono l’anima e il cuore della risposta sanitaria. Ecco allora che dobbiamo garantirgli formazione adeguata per contrastare questo tipo di malattie e di epidemie».

Oltre alla digitalizzazione e all’investimento in comunicazione, due temi molto battuti, Silvio Brusaferro ha citato come centrale sia anche il tema della terza età: «Il coronavirus impatta su queste fasce di popolazione in maniera veramente importante. Come gestiremo l’invecchiamento negli anni a venire?».

Ippolito: «Le epidemie vanno gestite senza il titolo V. Serve Rete nazionale malattie infettive»

E a proposito dei tempi a venire, il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito, ha spiegato: «Il sistema di governo delle epidemie va ripensato e riscritto. Il modello di gestione dell’AIDS ha funzionato perché c’era un piano chiaro, trasversale; poi è successo che per motivi politici la sanità è stata tagliata e depotenziata. Le epidemie vanno gestite senza il titolo V, con una forte gestione centrale, ed è quella che oggi dobbiamo costruire. Serve una Rete nazionale contro le malattie infettive.

«Anche perché – ha aggiunto Ippolito – lo scenario che dovremo gestire da gennaio è quello di dover vaccinare anche 200mila persone al giorno. Si parla spesso di quelli che non vogliono essere vaccinati, segnalo invece che un problema saranno i medici che inizieranno a dire “i miei pazienti per primi”. Segnalo inoltre che i morti per questo virus sono prevalentemente anziani e dunque noi dobbiamo prevenire i morti, poi scenderemo a tutelare le altre categorie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gelli: «Sia esteso Green pass anche al personale scolastico»
«Il Paese deve farsi trovare pronto alla riapertura delle scuole» dichiara Federico Gelli. Poi, sui vaccini: «Prodotti altamente sicuri»
Attacco hacker, Ue preoccupata: «Sanità sempre più nel mirino». Danni a professionisti e pazienti
Quella che poteva sembrare una storia locale e di breve durata si sta dimostrando un problema molto più grosso che interessa anche l’Unione europea. In ballo ci sono dati sensibili, il lavoro degli operatori sanitari e la salute dei cittadini
Israele, casi in aumento: il «bollettino più preoccupante da inizio marzo». Restrizioni allo studio
Secondo i dati del Ministero della Salute, il 42% dei pazienti in condizioni gravi non è vaccinato contro Covid-19
Covid-19, con l’introduzione delle ‘zone’ evitati 25mila ricoveri solo nel primo mese
È questo il risultato principale di uno studio congiunto tra Fondazione Bruno Kessler, Istituto Superiore di Sanità e INAIL pubblicato sulla rivista Nature Communications
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 agosto, sono 199.570.445 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.246.242 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva