Politica 22 Luglio 2019

Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»

«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso – spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 

Immagine articolo

«Una boccata d’ossigeno per assicurare le cure a tutti a costi più bassi. È necessario ampliare il numero di persone che ne fanno uso con una campagna informativa importante». È questo il pensiero dell’assessore al Welfare per la Regione Lombardia Giulio Gallera sui farmaci generici.

Intervistato in occasione della presentazione dello studio sul comparto produttivo dei farmaci generici della Società di studi economici Nomisma, Gallera incoraggia il ricorso ai farmaci equivalenti per contenere la spesa sanitaria e tutte le azioni per gestire la criticità legata all’eccessiva pressione sui prezzi.

Assessore, lei ha parlato del Sistema sanitario nazionale come di un sistema ambizioso e che è difficile da mantenere. Perché?

«Perché oggi abbiamo risorse finite e insufficienti a contenere i costi crescenti e i bisogni che richiede la cronicità. E quindi tenere insieme un sistema che ha l’ambizione di essere universalistico, dare le migliori cure a tutti è francamente un’operazione ambiziosa e quasi disperata. Noi, però, continuiamo a farlo e ci crediamo: per questo, è evidente che tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse da destinare a finanziare i nuovi farmaci, i nuovi macchinari, sono necessarie. Il tema delle gare sui farmaci, il tema delle gare al massimo ribasso, il tema delle gare centralizzate, sono percorsi e meccanismi che servono a ottenere da un lato il prezzo più basso e dall’altro a recuperare risorse. Un modo, oggi, per continuare su questa strada, quella della sostenibilità di un sistema che garantisce l’accessibilità delle cure a tutti, è rompere i silos e guardare un po’ da un punto di vista diverso tanti meccanismi. Da un lato, non si può avere risorse dedicate solo alla farmaceutica, solo all’attività ospedaliera, solo all’attività territoriale, perché poi ogni azione ha delle ricadute anche in altri ambiti e dall’altro io penso che le modalità di contrattazione che l’Aifa deve mettere in campo  nei confronti delle aziende farmaceutiche su farmaci- che oggi sono sempre più costosi e personalizzati – deve essere molto più flessibile e dinamica e modificarsi all’ampliarsi delle prescrittibilità e quindi delle platee dei pazienti che ne possono usufruire».

LEGGI ANCHE: FARMACI GENERICI, E’ ALLARME SOSTENIBILITA’ PER LE IMPRESE: I COSTI SUPERANO I RICAVI

Farmaci generici fondamentali, quindi, ma su cosa si deve lavorare?

«I farmaci generici sono stati per noi una straordinaria boccata d’ossigeno perché evidentemente hanno consentito di continuare a garantire le cure e l’accessibilità a una serie di farmaci scaduti i brevetti, a costi molto più bassi e questo è importante. Va sicuramente ampliato il numero delle persone che ne fanno uso e che ne capiscono l’equivalenza e da questo punto di vista va fatta una campagna informativa in maniera importante. Dall’altro, per allentare un po’ la pressione delle gare sul prezzo bisogna riuscire a lavorare in quelle situazioni di contesto che ho descritto prima».

Articoli correlati
Test sierologici privati in Lombardia, migliaia di prenotazioni e prime positività
Multimedica, rete di strutture che ha messo a disposizione i test, informa: 18% ha IgG e 5,5% IgM. Poliambulanza Brescia: su 688 test, 50 con IgG
Il Coronavirus in Lombardia già dal 26 gennaio. Signorelli: «È circolato liberamente per un mese, per questo dopo paziente uno crescita esponenziale»
«Senza specifiche misure di contenimento si sono creati dei focolai epidemici», sottolinea Carlo Signorelli, professore di Igiene e Sanità pubblica all'Università Vita Salute San Raffaele di Milano e membro della Task Force di Regione Lombardia. «Con la riapertura – sottolinea - ci sarà quasi sicuramente un aumento dei casi, ma attenzione a non superare la soglia di R1»
Lombardia, lo sfogo dei medici di medicina generale: «Ci dicevano che il tampone non serviva. Così siamo diventati vettori del virus»
Attivate le Unità speciali di continuità assistenziale. Roberto (medico di famiglia): «Pochi medici e troppa burocrazia, due giorni per prendere in carico un malato sono troppi». Andrea (medico di continuità assistenziale): «Dopo un mese e mezzo atteggiamento inaccettabile». La Regione effettuerà 20mila test sierologici al giorno, a partire da medici e operatori sanitari
di Federica Bosco
L’ex direttore sanitario dell’Asl di Bergamo spiega perché il virus è dilagato in Lombardia: «Commessi due errori»
Giuseppe Imbalzano: «Necessarie piccole équipe di medici e reparti isolati per malati Covid-19. Da abrogare l'articolo che consente ai sanitari positivi ma asintomatici di lavorare e fare i tamponi negli ospedali. Così l'infezione sarà gestibile in quaranta giorni»
di Federica Bosco
Coronavirus, il grande cuore di Milano: donati oltre 150 milioni di euro alla Sanità lombarda
Da Intesa San Paolo a Berlusconi, fino alla ditta Ferragni Fedez: artisti, imprenditori e sportivi, la generosità per vincere la battaglia contro il coronavirus
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco