Politica 22 Luglio 2019 09:26

Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»

«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso – spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 

Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»

«Una boccata d’ossigeno per assicurare le cure a tutti a costi più bassi. È necessario ampliare il numero di persone che ne fanno uso con una campagna informativa importante». È questo il pensiero dell’assessore al Welfare per la Regione Lombardia Giulio Gallera sui farmaci generici.

Intervistato in occasione della presentazione dello studio sul comparto produttivo dei farmaci generici della Società di studi economici Nomisma, Gallera incoraggia il ricorso ai farmaci equivalenti per contenere la spesa sanitaria e tutte le azioni per gestire la criticità legata all’eccessiva pressione sui prezzi.

Assessore, lei ha parlato del Sistema sanitario nazionale come di un sistema ambizioso e che è difficile da mantenere. Perché?

«Perché oggi abbiamo risorse finite e insufficienti a contenere i costi crescenti e i bisogni che richiede la cronicità. E quindi tenere insieme un sistema che ha l’ambizione di essere universalistico, dare le migliori cure a tutti è francamente un’operazione ambiziosa e quasi disperata. Noi, però, continuiamo a farlo e ci crediamo: per questo, è evidente che tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse da destinare a finanziare i nuovi farmaci, i nuovi macchinari, sono necessarie. Il tema delle gare sui farmaci, il tema delle gare al massimo ribasso, il tema delle gare centralizzate, sono percorsi e meccanismi che servono a ottenere da un lato il prezzo più basso e dall’altro a recuperare risorse. Un modo, oggi, per continuare su questa strada, quella della sostenibilità di un sistema che garantisce l’accessibilità delle cure a tutti, è rompere i silos e guardare un po’ da un punto di vista diverso tanti meccanismi. Da un lato, non si può avere risorse dedicate solo alla farmaceutica, solo all’attività ospedaliera, solo all’attività territoriale, perché poi ogni azione ha delle ricadute anche in altri ambiti e dall’altro io penso che le modalità di contrattazione che l’Aifa deve mettere in campo  nei confronti delle aziende farmaceutiche su farmaci- che oggi sono sempre più costosi e personalizzati – deve essere molto più flessibile e dinamica e modificarsi all’ampliarsi delle prescrittibilità e quindi delle platee dei pazienti che ne possono usufruire».

LEGGI ANCHE: FARMACI GENERICI, E’ ALLARME SOSTENIBILITA’ PER LE IMPRESE: I COSTI SUPERANO I RICAVI

Farmaci generici fondamentali, quindi, ma su cosa si deve lavorare?

«I farmaci generici sono stati per noi una straordinaria boccata d’ossigeno perché evidentemente hanno consentito di continuare a garantire le cure e l’accessibilità a una serie di farmaci scaduti i brevetti, a costi molto più bassi e questo è importante. Va sicuramente ampliato il numero delle persone che ne fanno uso e che ne capiscono l’equivalenza e da questo punto di vista va fatta una campagna informativa in maniera importante. Dall’altro, per allentare un po’ la pressione delle gare sul prezzo bisogna riuscire a lavorare in quelle situazioni di contesto che ho descritto prima».

Articoli correlati
Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania
Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Lombardia, la difesa di Gallera: «Come ho vissuto la tempesta perfetta»
L'ex assessore al Welfare: «Io capro espiatorio, tutte le strategie adottate sono state sempre condivise con la giunta e concordate con gli scienziati, i consulenti, il CTS e i gruppi di lavoro che contenevano i migliori uomini di sanità e scienza d’Italia»
di Federica Bosco
Medicina specialistica, deliberato nuovo accordo integrativo in Lombardia
Cisl medici Lombardia: «Punto di partenza per la specialistica territoriale anche in virtù della su importanza nella pandemia»
Ticket sanitario, Lombardia approva esenzione per forze armate, dell’ordine, polizia locale e protezione civile
Moratti: «Segnale importante verso operatori impegnati ogni giorno sul territorio per garantire ordine e sicurezza»
Lombardia, Guido Bertolaso promette: «Tutti vaccinati entro giugno»
All’ex capo della protezione civile il compito di coordinare la campagna vaccinale con Letizia Moratti. Tra le novità prime dosi agli over 80 dal 24 febbraio, AstraZeneca anche agli over 55, accordo con i medici di base e impiego degli specializzandi del primo e secondo anno per somministrare le dosi
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...