Salute 2 Luglio 2019 17:46

Farmaci generici, è allarme sostenibilità per le imprese: i costi superano i ricavi

L’aggiornamento sul comparto produttivo dei farmaci generici, presentato a Roma dalla Società di studi economici Nomisma, conferma lo stato di salute e crescita del settore. Lo studio, tuttavia, impone anche una riflessione sull’evidente criticità rappresentata dall’eccessiva pressione sui prezzi degli equivalenti che non compensa più costi e ricavi

Farmaci generici, è allarme sostenibilità per le imprese: i costi superano i ricavi

L’industria farmaceutica in Italia ha conosciuto una grande crescita negli ultimi dieci anni. Oggi, sta attraversando «una ristrutturazione epocale» e, nel settore dei farmaci generici-equivalenti, è necessaria «una presa di coscienza collettiva da parte delle imprese e la disponibilità a mettersi in gioco, scoprendo nuovi modelli di business, riorganizzando i processi produttivi, creando network e favorendo l’allargamento della filiera».

Queste le dichiarazioni del professor Lucio Poma responsabile scientifico Area Industria e Innovazione di Nomismae coordinatore del primo rapporto dell’Osservatorio sul “Sistema dei farmaci generici in Italia” realizzato dalla società di studi economici e presentato oggi a Roma nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di S. Maria sopra Minerva.

Nello specifico delle imprese dei farmaci generici, l’allarme è dato dall’eccessiva pressione sui prezzi unita all’incremento dei costi di produzione. Dal Rapporto, infatti, emerge un comparto in continua crescita, con un impatto sull’economia del Paese di 8 miliardi di euro ma che soffre l’aumento dei costi di produzione – tra il 2010 e il 2016 sono cresciuti del 69%, superando di 2 punti percentuali i ricavi (+67%) e le dinamiche dei meccanismi di gara che presiedono a tutte le forniture ospedaliere. Tra il 2016 e il 2018, l’incidenza dei generici sulla farmaceutica ospedaliera è cresciuta di quattro punti percentuali (dal 23,4% al 27,3%), ma la quota in valore è aumentata solo dello 0,3%. «Aumenta la percentuale dei lotti non aggiudicati (dal 21,5% del 2010 al 24,4% del 2018) e incrociando il numero medio di offerte per lotto aggiudicato con la data di scadenza brevettuale dei medicinali in gara si scopre che a dieci anni dalla scadenza del brevetto il tasso di partecipazione risulta quasi azzerato. Questo – ha mostrato lo studio – significa che le gare al massimo ribasso rischiano nel tempo di fare fuoriuscire dal mercato italiano numerose imprese e provocare la carenza di farmaci essenziali».

«Dal 2010, la continua pressione verso il basso dei prezzi dei farmaci generici ha eroso la marginalità lorda delle imprese del comparto» ha spiegato Enrique Häusermann, presidente Assogenerici. «Attenzione a non scendere sotto il “livello critico” dei prezzi, perchè la sostenibilità economica di molte imprese potrebbe risultare a rischio».

«È indispensabile – ha concluso l’analisi di Nomisma – il confronto tra istituzioni e imprese per rintracciare i parametri che possano garantire un’adeguata concorrenza senza minare la sostenibilità industriale».

Articoli correlati
Le droghe come comunicazione tra io e sé: nuove prospettive di analisi delle tossicodipendenze
di Thomas Leoncini e Icro Maremmani
di Thomas Leoncini e Icro Maremmani
Radiazioni ionizzanti: quanto ne sa la popolazione? Lo studio RadIoPoGe
Lo studio multicentrico nazionale RadIoPoGe, condotto grazie al contributo scientifico della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia FASTeR, prova a dare una risposta
Staminali contro il Covid-19, parte la sperimentazione clinica in tutt’Italia
Con il via libera degli enti regolatori, l’approccio clinico basato sulle terapie cellulari può iniziare. Dominici: «Un confronto su cellule staminali prese da fonti diverse all’interno dello stesso studio clinico non è mai avvenuto al mondo. Ci aspettiamo di avere risultati per nuove terapie anti Covid-19»
Riaperture rischiose anche se Rt minore di 1. Lo studio Fbk-Iss-Inail
L’indagine sull’impatto delle misure di mitigazione dimostra che allentare le restrizioni quando l'incidenza è ancora alta può portare a un rapido nuovo picco dei casi
Covid-19, la speranza arriva dalle staminali cordonali. Il nuovo studio
La ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells Translational Medicine, è stata coordinata dallo scienziato italiano Camillo Ricordi: «Le cellule staminali mesenchimali possono rappresentare un valido strumento contro la pandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...