Salute 2 Luglio 2019

Farmaci generici, è allarme sostenibilità per le imprese: i costi superano i ricavi

L’aggiornamento sul comparto produttivo dei farmaci generici, presentato a Roma dalla Società di studi economici Nomisma, conferma lo stato di salute e crescita del settore. Lo studio, tuttavia, impone anche una riflessione sull’evidente criticità rappresentata dall’eccessiva pressione sui prezzi degli equivalenti che non compensa più costi e ricavi

Immagine articolo

L’industria farmaceutica in Italia ha conosciuto una grande crescita negli ultimi dieci anni. Oggi, sta attraversando «una ristrutturazione epocale» e, nel settore dei farmaci generici-equivalenti, è necessaria «una presa di coscienza collettiva da parte delle imprese e la disponibilità a mettersi in gioco, scoprendo nuovi modelli di business, riorganizzando i processi produttivi, creando network e favorendo l’allargamento della filiera».

Queste le dichiarazioni del professor Lucio Poma responsabile scientifico Area Industria e Innovazione di Nomismae coordinatore del primo rapporto dell’Osservatorio sul “Sistema dei farmaci generici in Italia” realizzato dalla società di studi economici e presentato oggi a Roma nella Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di S. Maria sopra Minerva.

Nello specifico delle imprese dei farmaci generici, l’allarme è dato dall’eccessiva pressione sui prezzi unita all’incremento dei costi di produzione. Dal Rapporto, infatti, emerge un comparto in continua crescita, con un impatto sull’economia del Paese di 8 miliardi di euro ma che soffre l’aumento dei costi di produzione – tra il 2010 e il 2016 sono cresciuti del 69%, superando di 2 punti percentuali i ricavi (+67%) e le dinamiche dei meccanismi di gara che presiedono a tutte le forniture ospedaliere. Tra il 2016 e il 2018, l’incidenza dei generici sulla farmaceutica ospedaliera è cresciuta di quattro punti percentuali (dal 23,4% al 27,3%), ma la quota in valore è aumentata solo dello 0,3%. «Aumenta la percentuale dei lotti non aggiudicati (dal 21,5% del 2010 al 24,4% del 2018) e incrociando il numero medio di offerte per lotto aggiudicato con la data di scadenza brevettuale dei medicinali in gara si scopre che a dieci anni dalla scadenza del brevetto il tasso di partecipazione risulta quasi azzerato. Questo – ha mostrato lo studio – significa che le gare al massimo ribasso rischiano nel tempo di fare fuoriuscire dal mercato italiano numerose imprese e provocare la carenza di farmaci essenziali».

«Dal 2010, la continua pressione verso il basso dei prezzi dei farmaci generici ha eroso la marginalità lorda delle imprese del comparto» ha spiegato Enrique Häusermann, presidente Assogenerici. «Attenzione a non scendere sotto il “livello critico” dei prezzi, perchè la sostenibilità economica di molte imprese potrebbe risultare a rischio».

«È indispensabile – ha concluso l’analisi di Nomisma – il confronto tra istituzioni e imprese per rintracciare i parametri che possano garantire un’adeguata concorrenza senza minare la sostenibilità industriale».

Articoli correlati
Oncologia, INSIDE: il macchinario che monitora in tempo reale la radioterapia
CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, insieme all’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, all’Università di Pisa, alla Sapienza Università di Roma e al Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche “Enrico Fermi”, ha avviato la sperimentazione di un sistema di imaging in grado di ‘fotografare’ i fasci di protoni e ioni carbonio utilizzati […]
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
Farmaci, Senior Italia ad Aifa: «Rafforzare rapporto medico-paziente e ruolo società-scientifiche, limitare rimborsabilità Vitamina D»
Quanto emerso dalla presentazione dei dati OsMed all'Aifa sulla presunta inefficacia dei farmaci anti ipertensivi e della vitamina D per la fragilità ossea, aveva sollevato i dubbi di Senior Italia FederAnziani. Questa mattina, nell'incontro che si è svolto presso il Senato della Repubblica, società medico-scientifiche e organizzazioni dei medici hanno rassicurato i pazienti
Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»
«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso - spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 
Rapporto Aifa su uso farmaci, gli italiani non si fidano dei generici e così si spende di più
È quanto emerge dal Rapporto OsMed 2018 presentato a Roma. Luca Li Bassi, direttore generale dell'Aifa: «In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone