Salute 1 Luglio 2022 18:25

Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»

Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»

«Non vogliamo una cattedrale nel deserto». Con questa motivazione i cittadini del quartiere Gallaratese del Municipio 8 a Milano stanno raccogliendo le firme per esprimere il loro malcontento nei confronti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e della decisione di Regione Lombardia di far sorgere una Casa di Comunità in via Betti, nell’ex asilo comunale abbandonato. Gli abitanti del Gallaratese, tra l’altro il quartiere più anziano d’Europa, che fanno parte del comitato Bonola, temono infatti che l’operazione si riveli un flop per due motivi: la mancanza di medici, già carenti sul territorio, e la presenza di amianto sul terreno dove dovrebbe sorgere la struttura.

Una interrogazione del Movimento 5 Stelle

A raccogliere il malcontento del comitato è stato il consigliere regionale Gregorio Mammì del Movimento 5 Stelle che ha incontrato i rappresentanti e depositato una interrogazione per l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti.

Diversi i punti toccati nel documento che presumibilmente sarà discusso in consiglio regionale il prossimo martedì 5 luglio. «I cittadini riuniti in un comitato di zona hanno manifestato preoccupazione riguardo alla possibilità che la prevista Casa di Comunità venga costruita senza programmare tempestivamente l’effettiva entrata in servizio dei professionisti sanitari» si legge nel documento. Il consigliere pentastellato chiede inoltre a Regione Lombardia se «è avvenuta la bonifica dell’amianto nel terreno individuato per la costruzione della Casa di Comunità, se esiste un progetto sulla conformazione definitiva della stessa e se è stato fatto un piano coordinato per l’ultimazione dei lavori e l’entrata in servizio dei professionisti sanitari che saranno impiegati nella Casa di Comunità del Gallaratese».

La voce del comitato

A parlare a nome del comitato è la vicepresidente Maria Liliana Di Bello che esprime dubbi e perplessità di chi vive nel quartiere: «Non siamo contrari per principio alla Casa di Comunità – spiega – ma vorremmo avere alcune rassicurazioni su chi lavorerà all’interno, dal momento che già mancano i medici di base e il rischio di trovarsi tra qualche anno ad avere una scatola vuota alla mercé di senza fissa dimora è alto. Senza contare poi che l’asilo è chiuso da tempo per la presenza di amianto e non abbiamo ancora avuto riscontro su una effettiva bonifica dell’area oggi chiusa e ricoperta da erbacce».

Non si aspettano un passo indietro da Regione Lombardia, ma alcune precisazioni e la rassicurazione di avere un servizio efficiente in un territorio che conta una popolazione anziana e tanti cronici che necessitano di assistenza e un presidio ospedaliero funzionale. «Parlano di attivare un pronto soccorso ma non ci sono le condizioni, non si può attivare sotto le case – spiega Di Bello –. Capisco realizzare degli ambulatori per servire i tanti anziani presenti, ma una struttura di cinque piani con pronto soccorso annesso non è pensabile anche perché mancano i medici di base. Qui la situazione è un disastro. Per trovare un professionista disponibile per mia mamma ho impiegato due mesi ed io ho dovuto appoggiarmi ad un medico di un altro quartiere», chiosa la vicepresidente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Laboratorio Lombardia: a Milano per la prima volta confronto tra tutti i soggetti della filiera
L’appuntamento, dal titolo "Sanità Futura: quali prospettive per lo sviluppo del sistema lombardo?", è stata anche l’occasione per individuare le prossime iniziative in grado di supportare la messa a terra della riforma regionale del 2021 e del dm 77 sulla riorganizzazione della medicina territoriale
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
PNRR, l’allarme: «Con vincoli ad assunzioni rischio che Case di Comunità non abbiano sufficiente personale»
Il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio del Regionale del Lazio, Rodolfo Lena, spiega: «Dobbiamo dare gambe importanti al PNRR». E aggiunge: «C’è carenza di alcuni professionisti: al San Giovanni a un concorso per il Pronto soccorso si sono presentati solo 65 medici per 169 posti. Serve l’abolizione del numero chiuso»
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...