Salute 1 Luglio 2022 18:25

Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»

Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»

«Non vogliamo una cattedrale nel deserto». Con questa motivazione i cittadini del quartiere Gallaratese del Municipio 8 a Milano stanno raccogliendo le firme per esprimere il loro malcontento nei confronti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e della decisione di Regione Lombardia di far sorgere una Casa di Comunità in via Betti, nell’ex asilo comunale abbandonato. Gli abitanti del Gallaratese, tra l’altro il quartiere più anziano d’Europa, che fanno parte del comitato Bonola, temono infatti che l’operazione si riveli un flop per due motivi: la mancanza di medici, già carenti sul territorio, e la presenza di amianto sul terreno dove dovrebbe sorgere la struttura.

Una interrogazione del Movimento 5 Stelle

A raccogliere il malcontento del comitato è stato il consigliere regionale Gregorio Mammì del Movimento 5 Stelle che ha incontrato i rappresentanti e depositato una interrogazione per l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti.

Diversi i punti toccati nel documento che presumibilmente sarà discusso in consiglio regionale il prossimo martedì 5 luglio. «I cittadini riuniti in un comitato di zona hanno manifestato preoccupazione riguardo alla possibilità che la prevista Casa di Comunità venga costruita senza programmare tempestivamente l’effettiva entrata in servizio dei professionisti sanitari» si legge nel documento. Il consigliere pentastellato chiede inoltre a Regione Lombardia se «è avvenuta la bonifica dell’amianto nel terreno individuato per la costruzione della Casa di Comunità, se esiste un progetto sulla conformazione definitiva della stessa e se è stato fatto un piano coordinato per l’ultimazione dei lavori e l’entrata in servizio dei professionisti sanitari che saranno impiegati nella Casa di Comunità del Gallaratese».

La voce del comitato

A parlare a nome del comitato è la vicepresidente Maria Liliana Di Bello che esprime dubbi e perplessità di chi vive nel quartiere: «Non siamo contrari per principio alla Casa di Comunità – spiega – ma vorremmo avere alcune rassicurazioni su chi lavorerà all’interno, dal momento che già mancano i medici di base e il rischio di trovarsi tra qualche anno ad avere una scatola vuota alla mercé di senza fissa dimora è alto. Senza contare poi che l’asilo è chiuso da tempo per la presenza di amianto e non abbiamo ancora avuto riscontro su una effettiva bonifica dell’area oggi chiusa e ricoperta da erbacce».

Non si aspettano un passo indietro da Regione Lombardia, ma alcune precisazioni e la rassicurazione di avere un servizio efficiente in un territorio che conta una popolazione anziana e tanti cronici che necessitano di assistenza e un presidio ospedaliero funzionale. «Parlano di attivare un pronto soccorso ma non ci sono le condizioni, non si può attivare sotto le case – spiega Di Bello –. Capisco realizzare degli ambulatori per servire i tanti anziani presenti, ma una struttura di cinque piani con pronto soccorso annesso non è pensabile anche perché mancano i medici di base. Qui la situazione è un disastro. Per trovare un professionista disponibile per mia mamma ho impiegato due mesi ed io ho dovuto appoggiarmi ad un medico di un altro quartiere», chiosa la vicepresidente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale