Politica 27 maggio 2014

Europee 2014, il nuovo Parlamento prende forma 

Con il semestre a guida italiana la sanità può diventare protagonista

Immagine articolo

Con le urne chiuse solo da poche ore, si è appena delineato il quadro che definisce la nuova composizione del prossimo Parlamento europeo.

Va dunque ad assumere una forma definita l’organo che sarà chiamato a prendere decisioni cruciali, sovranazionali, vincolanti per i singoli Stati dell’Unione, in un momento di forti cambiamenti in tutti i settori: da quello economico, a quello sociale, a quello sanitario.

Si tratta di una grande opportunità in particolar modo per il nostro Paese. La nuova legislatura europea si aprirà infatti con il semestre della presidenza italiana del Consiglio: conclusa la tornata elettorale – che ha comunque legittimato e rafforzato il Governo – non vanno quindi analizzati solo i risultati dei singoli partiti ed i risvolti politici, ma soprattutto in che modo si potrà far contare e pesare quel ruolo di primo piano che si avrà in questa delicata fase di start up.

Anche nel campo della Sanità sembrano esserci interessanti margini di manovra. Il Ministero della Salute ha già avviato da tempo un programma capace di “sconfinare”. Nonostante la spending review interna, la ricerca scientifica e le innovazioni sono riusciti a mantenere un ruolo di primo piano. Sono considerati delle vere e proprie leve per rendere più sostenibile il Sistema Sanitario Italiano e aumentare la qualità dei servizi. Un percorso che stanno inseguendo molti Paesi della UE e che in Europa potrebbe trovare la naturale “incubatrice” dove crescere, perfezionarsi e diventare quell’autentica svolta, alla quale da tempo si punta.

Il Ssn tricolore può diventare uno dei temi principali dell’agenda della Comunità Europea e, proprio attraverso un processo di internalizzazione della questione, può scrollarsi di dosso i suoi problemi ormai atavici: dagli sprechi alla digitalizzazione che rappresenta la sfida più importante da vincere. L’Italia è nei primissimi posti nell’utilizzo ma anche nell’esportazione di device e nuove tecnologie. Al contempo però, paradossalmente, non si riesce a tamponare l’emorragia di camici bianchi verso l’estero. Nella nuova Europa uscita fuori dalle urne può concretizzarsi quel decisivo salto di qualità: non è una questione politica, ma di mentalità.

L’Italia la sta, seppur lentamente, cambiando. In un contesto internazionale, sulla spinta delle innovazioni, può arrivare quell’accelerata decisiva per mettere in moto una Sanità che dia risposte ai cittadini, sia all’avanguardia e pure più europea.

Articoli correlati
Conferma e nuovi obiettivi, Lorenzin: “Subito la riforma della Sanità”
Il ministro, incassata la fiducia di Renzi, presenta il suo piano ponendo tra le priorità il Patto per la Salute teso a  scongiurare nuovi tagli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...