Salute 4 Marzo 2014 13:09

Conferma e nuovi obiettivi, Lorenzin: “Subito la riforma della Sanità”

Il ministro, incassata la fiducia di Renzi, presenta il suo piano ponendo tra le priorità il Patto per la Salute teso a  scongiurare nuovi tagli

Conferma e nuovi obiettivi, Lorenzin: “Subito la riforma della Sanità”

Il nuovo premier Matteo Renzi ha presentato la sua squadra di governo: molte facce nuove, alcune conferme. Tra queste c’è anche Beatrice Lorenzin, che resta salda al comando del Ministero della Salute. La nomina è stata accolta dalla stessa Lorenzin come l’occasione per mettere finalmente a frutto una serie di riforme in materie sanitaria, le cui basi erano già state gettate nella precedente legislatura.

E si torna quindi a parlare di uno dei temi più caldi per la sanità italiana nel 2014: la stesura del Patto per la Salute, già approvato per un terzo degli articoli e pronto a ripartire dopo il necessario, seppur breve, stand by istituzionale.

Molte le questioni ancora aperte che dovranno trovare soluzioni condivise con le Regioni: dai Lea all’edilizia sanitaria, passando per il debito informativo e il documento sulla farmaceutica.  Legata al Patto per la Salute anche l’applicazione della legge Balduzzi sulla riorganizzazione della sanità territoriale, una riforma “bloccata dalle Regioni, non dal Ministero. Ma ora riusciremo ad attuarla – sostiene il ministro –  perché sul Patto per la Salute abbiamo riaperto un dialogo scongiurando nuovi tagli (che la sanità aveva già subito per 25 miliardi)”. Sul tema pesa anche la questione dei decreti attuativi, che ammontano a ben 740 ancora da approvare. Un problema che secondo la Lorenzin rientra nelle “impotenze dei ministri. L’importante è circondarsi non solo di Capi di Gabinetto adatti, ma soprattutto di direttori generali competenti”.
Lo slogan renziano “Non ci sono più alibi” è diventato un diktat anche per la Lorenzin, non solo in qualità di capo del dicastero ma anche in quanto esponente della sua area politica: “Come partito abbiamo presentato a Renzi un programma di proposte correlato delle annesse coperture finanziarie. Molto però dipenderà dal nuovo Ministro dell’Economia, con cui ho avuto un primo confronto sull’attività che riguarda il Ministero di mia competenza”. Ed è una Lorenzin battagliera anche quando si toccano temi trasversali, come quello della “doverosa riforma del titolo V della Costituzione, che coinvolge anche l’ambito sanitario”. Secondo il ministro, infatti, uno degli ostacoli principali risiede proprio nell’architettura istituzionale del nostro Paese: “Si possono fare le riforme migliori, ma rimangono lettera morta se poi non vengono attuate”. E aggiunge: “Di sicuro, se c’è una riforma che entro giugno il governo Renzi porterà a casa, sarà quella della Sanità”. E il riferimento al Patto per la Salute appare fin troppo chiaro.
Articoli correlati
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Delegazione Pd incontra Ministro Manfredi, tutte le richieste per gli specializzandi
Una delegazione del Partito Democratico e del Forum Sanità Giovani Democratici composta dall’Onorevole Beatrice Lorenzin e da Stefano Manai in qualità di Resposabile formazione sanitaria del PD, ha avuto un incontro con il ministro dell’Università Manfredi nel corso del quale ha avanzato delle proposte – frutto anche di una sintesi delle istanze portate avanti dalle diverse […]
Pd, si insedia il Coordinamento della Formazione medico-sanitaria. Manai: «Faremo proposte a tutti i livelli»
«Il partito continua a mostrare la voglia di investire nella formazione degli operatori sanitari, proprio perché consapevoli che solo attraverso la buona formazione si potrà avere un SSN sempre più efficace ed efficiente», commenta Beatrice Lorenzin, coordinatrice del Forum Salute PD
Caos Cogeaps, Lorenzin: «Presenterò interrogazione parlamentare». E sulla riforma Ecm: «Partecipino anche i provider»
L'ex ministro della Salute si dice preoccupata per la paralisi che ha colpito il Consorzio e ritiene che anche il Parlamento debba essere informato sulla riforma dell’Educazione continua in medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM