Politica 2 Maggio 2019

Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»

Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»

Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»

Se in Italia si sta parlando di regionalismo differenziato e autonomie c’è chi invece si proietta guarda all’Europa con una visione completamente opposta. Giuseppe Sanò, candidato alle elezioni europee del prossimo 26 maggio nelle liste del partito più europeista della nostra penisola, ha una visione eurocentrica e solidale.

«C’è la necessità di avere più uguaglianza tra gli stati membri», ci spiega al telefono il candidato di +Europa, Giuseppe Sanò, laureato in farmacia, un passato da consigliere municipale a Messina e un lavoro nel campo farmaceutico. «L’ambito europeo è deputato alla ricerca. Sarebbe una cosa auspicabile con la creazione degli Stati Uniti d’Europa, che non è un miraggio ma qualcosa possibile, avere una ricerca europea. Questo permetterebbe anche sui singoli stati membri di avere una certa omogeneità di ricerca, soprattutto nel farmaceutico».

LEGGI: IL VICEPRESIDENTE DEL PARLAMENTO UE CASTALDO (M5S): «SU EX SPECIALIZZANDI, FORMAZIONE ECM E CONTENZIOSI SPINTA DECISIVA PER ADEGUARE ITALIA AL RESTO D’EUROPA»

Tra gli obiettivi anche lo snellimento delle procedure. «Si pensi all’EMA (European Medicines Agency), organo approvativo dei farmaci a livello europeo: dà il proprio assenso, vengono presentati tutti i dossier in Europa e poi purtroppo invece passa del tempo affinché ogni singolo stato li recepisca e poi a sua volta, io penso alla mia Sicilia, passa ancora tempo a causa della regionalizzazione della sanità. Alla fine, può passare anche un anno prima che un farmaco venga approvato in una regione a statuto speciale come la Sicilia. Perciò quello su cui puntare è l’abbattimento di tutte queste barriere».

Nel combattere le disparità l’Europa può giocare un ruolo importante. «L’obiettivo principale è avere dei veri e propri ministri e non dei commissari, perciò avere anche un ministero della Sanità europeo». Conclude il candidato di +Europa, Giuseppe Sanò: «La cosa che mi sta veramente più a cuore è proprio la ricerca di un’equità sanitaria, perché non è possibile che nel 2020 ancora ci sia disparità di cure fra un Comune e l’altro, tra una Regione e l’altra e anche tra uno Stato e l’altro. Il nostro sistema sanitario è riconosciuto come tra i migliori al mondo ed è un modello da esportare».

Articoli correlati
Ue concede più poteri a Ecdc e Ema, obbiettivo: rafforzare la sanità
Un nuovo pacchetto di leggi che permetterà all'Unione di dichiarare lo stato di emergenza sanitaria transfrontaliero, nel rispetto dei trattati con gli stati
«La riapertura delle scuole non ha influenzato l’aumento dei contagi in Europa», parola dell’ECDC
Un rapporto del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che mette insieme la letteratura scientifica europea sul tema, mostra che le scuole non sono più pericolose delle loro stesse comunità se vengono adottate le misure di distanziamento e igiene
Professioni sanitarie, Commissione Codice Etico al lavoro su multiprofessione, competenza, privacy ed equità. Presto nuova consultazione
Il gruppo di lavoro coordinato dall’avvocato Laila Perciballi si è confrontato anche con le tematiche derivate dalla pandemia, come l’accesso delle persone alle cure in condizioni di risorse sanitarie limitate: «Problema di grande complessità, che richiede di considerare e di contemperare principi diversi. Fondamentale centralità della persona»
Il ricorso al MES spacca la politica e la sanità: cos’è, a cosa serve e perché fa tanto discutere
Sia la maggioranza che l’opposizione sono divise sulla possibilità di aderire al Meccanismo Europeo di Stabilità, con Lega, Fdi e M5S contrarie e Pd-Iv-Fi a favore. I pro e i contro di una possibile adesione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli