Politica 2 Maggio 2019

Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»

Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»

Immagine articolo

Se in Italia si sta parlando di regionalismo differenziato e autonomie c’è chi invece si proietta guarda all’Europa con una visione completamente opposta. Giuseppe Sanò, candidato alle elezioni europee del prossimo 26 maggio nelle liste del partito più europeista della nostra penisola, ha una visione eurocentrica e solidale.

«C’è la necessità di avere più uguaglianza tra gli stati membri», ci spiega al telefono il candidato di +Europa, Giuseppe Sanò, laureato in farmacia, un passato da consigliere municipale a Messina e un lavoro nel campo farmaceutico. «L’ambito europeo è deputato alla ricerca. Sarebbe una cosa auspicabile con la creazione degli Stati Uniti d’Europa, che non è un miraggio ma qualcosa possibile, avere una ricerca europea. Questo permetterebbe anche sui singoli stati membri di avere una certa omogeneità di ricerca, soprattutto nel farmaceutico».

LEGGI: IL VICEPRESIDENTE DEL PARLAMENTO UE CASTALDO (M5S): «SU EX SPECIALIZZANDI, FORMAZIONE ECM E CONTENZIOSI SPINTA DECISIVA PER ADEGUARE ITALIA AL RESTO D’EUROPA»

Tra gli obiettivi anche lo snellimento delle procedure. «Si pensi all’EMA (European Medicines Agency), organo approvativo dei farmaci a livello europeo: dà il proprio assenso, vengono presentati tutti i dossier in Europa e poi purtroppo invece passa del tempo affinché ogni singolo stato li recepisca e poi a sua volta, io penso alla mia Sicilia, passa ancora tempo a causa della regionalizzazione della sanità. Alla fine, può passare anche un anno prima che un farmaco venga approvato in una regione a statuto speciale come la Sicilia. Perciò quello su cui puntare è l’abbattimento di tutte queste barriere».

Nel combattere le disparità l’Europa può giocare un ruolo importante. «L’obiettivo principale è avere dei veri e propri ministri e non dei commissari, perciò avere anche un ministero della Sanità europeo». Conclude il candidato di +Europa, Giuseppe Sanò: «La cosa che mi sta veramente più a cuore è proprio la ricerca di un’equità sanitaria, perché non è possibile che nel 2020 ancora ci sia disparità di cure fra un Comune e l’altro, tra una Regione e l’altra e anche tra uno Stato e l’altro. Il nostro sistema sanitario è riconosciuto come tra i migliori al mondo ed è un modello da esportare».

Articoli correlati
Coronavirus, l’appello delle organizzazioni europee di medici e professionisti sanitari: «Proteggeteci»
Dodici federazioni si rivolgono a Commissione europea e governi e chiedono dispositivi di protezione e tamponi per chi sta combattendo contro il Covid-19
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 aprile, sono 1.485.981 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 88.538 i decessi e 330.782 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino dell...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...