Mondo assicurativo 14 marzo 2017

Responsabilità fuori dai confini nazionali, quando è efficace?

Sono un professore associato di chirurgia, cioè dipendente universitario e convenzionato con l’azienda ospedaliera per ciò che riguarda l’attività cinica. Ho in corso una polizza per la mia responsabilità professionale in caso di colpa grave. Avrei bisogno di alcuni chiarimenti su una clausola relativa ai “Limiti territoriali” della mia polizza RC colpa grave. Infatti io […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un professore associato di chirurgia, cioè dipendente universitario e convenzionato con l’azienda ospedaliera per ciò che riguarda l’attività cinica. Ho in corso una polizza per la mia responsabilità professionale in caso di colpa grave. Avrei bisogno di alcuni chiarimenti su una clausola relativa ai “Limiti territoriali” della mia polizza RC colpa grave. Infatti io vado ad operare in altri Paesi non “su incarico della azienda sanitaria” bensì in base ad accordi inter-universitari, su mia decisione e col benestare dell’università. Questo cambia qualcosa? Secondo, vorrei sapere se la mia polizza è comunque efficace anche nel caso in cui le pretese dei danneggiati vengono fatte valere in paesi diversi dall’Italia, cosa altamente probabile.

La questione che lei pone – quella della efficacia territoriale della copertura assicurativa – si interseca con quella della portata effettiva della polizza per colpa grave. Tento quindi di chiarire la situazione in maniera più ampia del quesito che mi ha posto. In primo luogo quindi rammento che la sua copertura assicurativa, in quanto dirigente sanitario della PA, è limitata al caso di azione di rivalsa della azienda di appartenenza (nel suo caso l’Università) a fronte di eventuali danni a terzi cagionati da un suo comportamento gravemente colposo (colpa grave). La copertura vale anche in caso di attività intramoenia da lei esercitata nell’ambito o anche al di fuori della sua struttura sanitaria pubblica (intramoenia allargata). Tutto ciò premesso, è necessario che venga preliminarmente chiarito con il suo Ente di appartenenza se la fattispecie da lei descritta (non vado ad operare in altri Paesi su incarico dell’azienda sanitaria bensì in base ad accordi interuniversitari su mia decisione e con il benestare dell’università) realizzi il caso di “attività intramoenia”.

In tal caso, ove si verificasse un danno, la sua polizza avrebbe efficacia nel caso in cui la sua Università iniziasse nei suoi confronti tramite la Corte dei Conti un’azione per il recupero di quanto liquidato a terzi per sua colpa grave. Quanto alla territorialità la clausola della polizza che lei mi ha fatto esaminare stabilisce semplicemente che l’azione legale debba, a prescindere dal luogo della prestazione sanitaria e dalla nazionalità del danneggiato, essere esercitata in Italia. Per completezza preciso comunque che, ove la sua Università intendesse considerare la sua attività all’estero, come da lei descritta, attività meramente libero professionale – e quindi non intramoenia-  allora la copertura per colpa grave prestata con la polizza sopra citata, non sarebbe più sufficiente in quanto lei risponderebbe non soltanto per colpa grave ma in maniera estensiva come un libero professionista nei confronti del terzo danneggiato. Spero di averle chiarito in maniera sufficiente il suo dubbio.

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Contenziosi, Roberto Zazza (UIF): «Medici e avvocati troppo spesso ‘vittima’ di cittadini delusi dall’insuccesso. È un problema culturale…»
Parla il Direttore Nazionale Centro Studi UIF: «Troppi contenziosi alimentati strumentalmente. Anche noi avvocati denunciati da clienti che non accettano di perdere…»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...