Non Categorizzato 14 Aprile 2016

Inefficacia della copertura per mancato pagamento del premio

Sono un odontoiatra ed ho in corso da anni una polizza per la mia responsabilità professionale con una primaria compagnia di assicurazione. La mia polizza scade il 31 dicembre di ogni anno, e quest’anno, di ritorno dopo due settimane di vacanza in concomitanza del capodanno ho trovato l’avviso di scadenza e di pagamento della rata. […]

di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra ed ho in corso da anni una polizza per la mia responsabilità professionale con una primaria compagnia di assicurazione. La mia polizza scade il 31 dicembre di ogni anno, e quest’anno, di ritorno dopo due settimane di vacanza in concomitanza del capodanno ho trovato l’avviso di scadenza e di pagamento della rata. Ho naturalmente provveduto subito al pagamento. Nel medesimo periodo ho ricevuto anche una lettera di lagnanze da un mio cliente riguardo un impianto che gli starebbe procurando fastidi. Per prudenza ho inviato immediatamente la copia di questa comunicazione al mio assicuratore. Questi  mi ha informato del fatto che la compagnia non può prendere in carico il sinistro in quanto comunicato dopo il periodo di tolleranza stabilito in polizza pari a 15 giorni. Vorrei sapere se, sotto il profilo giuridico /contrattuale, la risposta dell’Assicuratore sia corretta o meno.

Premesso che la mia risposta si basa sui principi generali che regolamentano la materia, che potrebbero essere smentiti dal testo della sua polizza che non ho potuto esaminare, il caso da lei descritto è regolamentato dall’art. 1901 del codice civile il quale recita in questo modo: «Se alle scadenze convenute il contraente non paga i premi successivi l’assicurazione resta sospesa dalle ore 24,00 del quindicesimo giorno dopo quello della scadenza».
Il legislatore ha pertanto inteso concedere una tolleranza di ulteriori 15 giorni nella quale la copertura è attiva. Badi bene che questo ulteriore periodo rimane efficace anche se il premio non verrà in seguito mai pagato dall’assicurato. Conseguentemente la garanzia della sua polizza non si è mai interrotta, ovvero si è interrotta per un paio di giorni (il tempo intercorso tra il 15 gennaio ed il giorno in cui lei ha versato il premio). Quindi anche i sinistri accaduti in quei 15 giorni di tolleranza saranno coperti anche se denunciati successivamente.
Qui sorge una questione speciosa. La sua polizza è regolamentata dalla clausola detta “claims made”: il sinistro, in forza di questa clausola, non è l’evento dannoso bensì la richiesta di risarcimento. La definizione che normalmente le polizze usano per la definizione di sinistro in presenza della clausola Claims Made  è più o meno questa: «La richiesta di risarcimento di cui l’assicurato venga a conoscenza per la prima volta nel corso del periodo di assicurazione».
Conseguentemente l’unica ipotesi che posso fare è che il suo assicuratore stia tentando di rifiutarle il sinistro in quanto lei ne sarebbe venuto a conoscenza dopo il giorno 15 quando la garanzia era sospesa. Non credo che sarà difficile chiarire alla compagnia il fatto che Lei aveva in realtà ricevuto la comunicazione dal suo cliente durante il periodo di garanzia. Il suo è uno di quei casi “border line” nel quale si può verificare sulla propria pelle la correttezza dell’Assicuratore  ovvero se sarà necessario adire le vie legali per tutelare il proprio diritto. Ed è un altro caso ove l’aiuto di un consulente indipendente può essere molto utile.

Articoli correlati
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
Cosa si intende per “atti invasivi”?
Gli “atti invasivi” sono quelle procedure che comportano il prelievo cruento di tessuti per indagini istologiche e quelli che comportano una cruentazione dei tessuti per l’introduzione di idoneo strumentario all’interno dell’organismo ai soli fini diagnostici. La maggior parte delle compagnie tende a prevedere polizze di RC professionale più onerose per il medico che nella sua […]
“Se la polizza RC scade dopo la data di pensionamento, devo pagare tutto il premio annuale?”
Sono un radiologo operante presso una struttura sanitaria pubblica del Piemonte. Ho da qualche anno in corso una polizza di responsabilità professionale per la colpa grave che la cui scadenza annuale è nel mese di novembre. Tuttavia nel mese di marzo del prossimo anno andrò in pensione. Ho quindi chiesto al mio assicuratore di ridurre la […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone