Formazione 29 Dicembre 2021 12:16

Niente copertura assicurativa senza aggiornamento, Formazione nella Sanità: «Soddisfatti, ora applicazione rapida»

Il presidente dell’Associazione dei Provider Colombati: «Finalmente riconosciuta anche dal Parlamento l’importanza della formazione continua in medicina. Ora chiediamo che la nuova legge venga resa operativa al più presto»

Niente copertura assicurativa senza aggiornamento, Formazione nella Sanità: «Soddisfatti, ora applicazione rapida»

«Un incentivo all’aggiornamento professionale e un’ulteriore garanzia di cure e assistenza adeguate ai pazienti». È per questo che l’Associazione dei Provider Formazione nella Sanità sottolinea la propria soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento che lega la copertura assicurativa degli operatori sanitari all’assolvimento di almeno il 70% dell’obbligo formativo.

Con l’ok anche da parte del Senato alle nuove “Disposizioni in materia di formazione continua in medicina”, contenute nell’ex Dl 152/2021 “Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”, il “matrimonio” tra assicurazione e formazione è legge.

«Soddisfatti per aver contribuito a far comprendere al Parlamento l’importanza della formazione continua in medicina: solo un operatore sanitario aggiornato può offrire ai pazienti assistenza e cure di qualità», commenta Simone Colombati, presidente di Formazione nella Sanità. «Ci auguriamo ora che a questo importante passaggio segua in tempi brevi anche l’approvazione, attesa ormai da tempo, dei decreti attuativi della Legge 24/2017, la cosiddetta Legge Gelli, permettendo alla legge stessa di esprimere in pieno la propria forza normativa».

L’emendamento da poco approvato prevede – “al fine di attuare le azioni previste dalla missione 6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza, relative al potenziamento e allo sviluppo delle competenze tecniche, digitali e manageriali del personale del sistema sanitario” – che l’operatività delle polizze assicurative sia condizionata “all’assolvimento in misura non inferiore al 70 per cento dell’obbligo formativo individuale dell’ultimo triennio utile in materia di formazione continua in medicina”.

In altre parole, il provvedimento prevede che in caso di “malasanità”, ad esempio un errore medico, se il camice bianco non si è adeguatamente formato non può beneficiare della copertura assicurativa. In particolare, se il professionista sanitario non raggiunge almeno il 70 per cento dei crediti formativi, come previsto dal suo ordine professionale, l’assicurazione, pur assolvendo al suo obbligo con il paziente danneggiato, può poi rivalersi sul professionista e sulla struttura sanitaria. «Vuole essere un incentivo all’aggiornamento professionale rivolto a tutti quei sanitari che sottovalutano l’importanza di aggiornare le proprie conoscenze e competenze», sottolinea Colombati.

Da parte sua l’Associazione Provider continua a lavorare per rendere sempre più agevole ed efficace l’accesso da parte degli operatori sanitari ai corsi ECM, per assolvere al proprio obbligo formativo. «Con questo importante passaggio istituzionale, si fa ancora più forte l’impegno dei Provider italiani lungo il percorso che porta ad un’offerta formativa completa e di qualità, anche in questa perdurante epoca Covid, favorendo il più possibile l’accesso a corsi fruibili da remoto», sottolinea Colombati.

«Comprendiamo bene quanto sia già gravoso il lavoro quotidiano svolto da moltissimi operatori sanitari, ma la formazione continua non deve essere percepita unicamente come un obbligo o, peggio, considerata una perdita di tempo; è piuttosto un’opportunità – conclude Colombati – per tenersi aggiornarti costantemente, imparando nuove tecniche e affrontando le nuove sfide della medicina di domani. Da parte nostra l’impegno a migliorare e adeguare costantemente l’offerta formativa, rimanendo sempre vicini ai bisogni degli operatori sanitari».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi