Formazione 19 Novembre 2021 12:11

Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»

Il direttore dell’Ufficio Formazione ECM di Agenas: «Dal prossimo anno verifiche e sanzioni per chi non è in regola con i trienni prorogati al 31 dicembre. Imparare a pianificare aggiornamento per non ridursi all’ultimo»

Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»

Cresce l’impegno di Agenas per migliorare l’offerta formativa per l’aggiornamento continuo di medici e professionisti sanitari. Riprese le visite ispettive durante gli eventi residenziali e rafforzato il confronto con i provider dei corsi ECM, l’attenzione è rivolta allo sviluppo di percorsi formativi che siano adeguati alle esigenze dei professionisti. Ad evidenziarlo ai nostri microfoni è Achille Di Falco, direttore dell’Ufficio Formazione ECM dell’Agenas.

«Sappiamo che oggi esistono limiti importanti, che tuttavia consideriamo un punto di partenza per strutturare il nostro lavoro insieme ai provider – dichiara -. Bisogna innanzitutto imparare a scegliere gli strumenti formativi più adeguati rispetto ai professionisti, ma anche alle organizzazioni e ai contesti in cui questi operano, intervenendo anche sul numero di crediti da attribuire ad ogni singola attività formativa tenendo conto della durata e della tipologia del corso. Su questo è già all’opera un gruppo di lavoro all’interno della Commissione».

Scadenza proroga al 31 dicembre, poi verifiche. Di Falco: «Imparare a non ridursi all’ultimo»

Un lavoro volto quindi a rendere sempre più accattivante e utile la formazione continua per convincere i più scettici ad aggiornarsi per restare al passo con gli sviluppi della medicina ed offrire al paziente il migliore trattamento possibile. Andando oltre il mero obbligo normativo e le sanzioni ad esso strettamente correlate che, come annunciato dalle principali istituzioni del settore, inizieranno a colpire nei primi mesi del 2022 coloro che non risulteranno in regola con i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019, prorogati al 31 dicembre 2021.

«Gli organismi deputati alla verifica (ovvero gli Ordini professionali, ndr) cominceranno ad effettuare i controlli e ad adempiere a quanto previsto da molto tempo dalla norma – spiega Di Falco -. Non è nulla di nuovo, la scadenza del 31 dicembre è solo un cut off che serve a ricordare a tutti i professionisti sanitari i propri diritti e i propri doveri. L’invito è quindi di approfittare di queste ultime settimane e di imparare a pianificare su base triennale il proprio aggiornamento senza ridursi all’ultimo, quando magari si è costretti a scegliere iniziative formative non del tutto adeguate alle proprie esigenze», conclude Di Falco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
Nuovo Quaderno di Monitor, cure primarie in Europa comparate da Agenas
Con il nuovo Supplemento alla rivista Monitor, l’Agenzia intende effettuare un’analisi comparativa dei modelli organizzativi dell’assistenza primaria in sei Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia
Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia
Progressivo adeguamento ai parametri richiesti dalla legge. Restano da superare difformità territoriali e recuperare lacune assistenziali post Covid-19
PNRR, ok della Camera: niente assicurazione se professionista non é in regola con almeno 70% obbligo ECM
Passa l’emendamento già approvato dalla Commissione Bilancio e Tesoro di Montecitorio in sede di conversione in legge del DL 152/2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...