Formazione 19 Novembre 2021 12:11

Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»

Il direttore dell’Ufficio Formazione ECM di Agenas: «Dal prossimo anno verifiche e sanzioni per chi non è in regola con i trienni prorogati al 31 dicembre. Imparare a pianificare aggiornamento per non ridursi all’ultimo»

Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»

Cresce l’impegno di Agenas per migliorare l’offerta formativa per l’aggiornamento continuo di medici e professionisti sanitari. Riprese le visite ispettive durante gli eventi residenziali e rafforzato il confronto con i provider dei corsi ECM, l’attenzione è rivolta allo sviluppo di percorsi formativi che siano adeguati alle esigenze dei professionisti. Ad evidenziarlo ai nostri microfoni è Achille Di Falco, direttore dell’Ufficio Formazione ECM dell’Agenas.

«Sappiamo che oggi esistono limiti importanti, che tuttavia consideriamo un punto di partenza per strutturare il nostro lavoro insieme ai provider – dichiara -. Bisogna innanzitutto imparare a scegliere gli strumenti formativi più adeguati rispetto ai professionisti, ma anche alle organizzazioni e ai contesti in cui questi operano, intervenendo anche sul numero di crediti da attribuire ad ogni singola attività formativa tenendo conto della durata e della tipologia del corso. Su questo è già all’opera un gruppo di lavoro all’interno della Commissione».

Scadenza proroga al 31 dicembre, poi verifiche. Di Falco: «Imparare a non ridursi all’ultimo»

Un lavoro volto quindi a rendere sempre più accattivante e utile la formazione continua per convincere i più scettici ad aggiornarsi per restare al passo con gli sviluppi della medicina ed offrire al paziente il migliore trattamento possibile. Andando oltre il mero obbligo normativo e le sanzioni ad esso strettamente correlate che, come annunciato dalle principali istituzioni del settore, inizieranno a colpire nei primi mesi del 2022 coloro che non risulteranno in regola con i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019, prorogati al 31 dicembre 2021.

«Gli organismi deputati alla verifica (ovvero gli Ordini professionali, ndr) cominceranno ad effettuare i controlli e ad adempiere a quanto previsto da molto tempo dalla norma – spiega Di Falco -. Non è nulla di nuovo, la scadenza del 31 dicembre è solo un cut off che serve a ricordare a tutti i professionisti sanitari i propri diritti e i propri doveri. L’invito è quindi di approfittare di queste ultime settimane e di imparare a pianificare su base triennale il proprio aggiornamento senza ridursi all’ultimo, quando magari si è costretti a scegliere iniziative formative non del tutto adeguate alle proprie esigenze», conclude Di Falco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenza domiciliare integrata, Enrichens (Agenas): «Pon Gov Cronicità 2018-2023 precursore di Pnrr e Dm77»
Il Project Manager del Pon Gov Cronicità, Francesco Enrichens di Agenas: «Fulcro della riorganizzazione dei servizi territoriali, ADI compresa, sono le nuove tecnologie e in particolare l’implementazione delle l’ICT (tecnologie dell'informazione e della comunicazione) delle centrali operative territoriali»
Insediato CTS dell’Osservatorio buone pratice di integrazione socio sanitaria
Si è insediato ieri in Anci, presso la Sala della Presidenza, il Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio delle buone pratiche di integrazione socio sanitaria (OISS) promosso da Federsanità Anci in convenzione con Agenas
Aggressioni ai sanitari in aumento, Osservatorio Nazionale: «Potenziare personale e formazione»
Campagne di comunicazione, formazione (ECM e non solo) e strategie di de-escalation sono tra le indicazioni emerse nel rapporto trasmesso al Parlamento. Ad acuire il fenomeno anche la carenza di personale. Lavoro di équipe può essere strumento di dissuasione
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.