Formazione 19 Novembre 2021 12:11

Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»

Il direttore dell’Ufficio Formazione ECM di Agenas: «Dal prossimo anno verifiche e sanzioni per chi non è in regola con i trienni prorogati al 31 dicembre. Imparare a pianificare aggiornamento per non ridursi all’ultimo»

Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»

Cresce l’impegno di Agenas per migliorare l’offerta formativa per l’aggiornamento continuo di medici e professionisti sanitari. Riprese le visite ispettive durante gli eventi residenziali e rafforzato il confronto con i provider dei corsi ECM, l’attenzione è rivolta allo sviluppo di percorsi formativi che siano adeguati alle esigenze dei professionisti. Ad evidenziarlo ai nostri microfoni è Achille Di Falco, direttore dell’Ufficio Formazione ECM dell’Agenas.

«Sappiamo che oggi esistono limiti importanti, che tuttavia consideriamo un punto di partenza per strutturare il nostro lavoro insieme ai provider – dichiara -. Bisogna innanzitutto imparare a scegliere gli strumenti formativi più adeguati rispetto ai professionisti, ma anche alle organizzazioni e ai contesti in cui questi operano, intervenendo anche sul numero di crediti da attribuire ad ogni singola attività formativa tenendo conto della durata e della tipologia del corso. Su questo è già all’opera un gruppo di lavoro all’interno della Commissione».

Scadenza proroga al 31 dicembre, poi verifiche. Di Falco: «Imparare a non ridursi all’ultimo»

Un lavoro volto quindi a rendere sempre più accattivante e utile la formazione continua per convincere i più scettici ad aggiornarsi per restare al passo con gli sviluppi della medicina ed offrire al paziente il migliore trattamento possibile. Andando oltre il mero obbligo normativo e le sanzioni ad esso strettamente correlate che, come annunciato dalle principali istituzioni del settore, inizieranno a colpire nei primi mesi del 2022 coloro che non risulteranno in regola con i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019, prorogati al 31 dicembre 2021.

«Gli organismi deputati alla verifica (ovvero gli Ordini professionali, ndr) cominceranno ad effettuare i controlli e ad adempiere a quanto previsto da molto tempo dalla norma – spiega Di Falco -. Non è nulla di nuovo, la scadenza del 31 dicembre è solo un cut off che serve a ricordare a tutti i professionisti sanitari i propri diritti e i propri doveri. L’invito è quindi di approfittare di queste ultime settimane e di imparare a pianificare su base triennale il proprio aggiornamento senza ridursi all’ultimo, quando magari si è costretti a scegliere iniziative formative non del tutto adeguate alle proprie esigenze», conclude Di Falco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Ostetriche in Usca, continuità assistenziale in ospedale: le richieste di FNOPO ad Agenas
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica ha avviato una collaborazione con l’Agenas nell’ambito del “Progetto sulla definizione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del personale sanitario”. La presidente FNOPO: «Abbiamo offerto il nostro contributo per illustrare le peculiarità e le problematiche della nostra professione»
di Isabella Faggiano
Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»
Il segretario della Federazione degli Ordini dei medici: «Siamo enti sussidiari dello Stato, non possiamo che applicare le leggi»
Formazione ECM, Lazzari (CNOP) : «Aggiornamento deve essere vissuto come risorsa dai professionisti»
Sileri ha annunciato il no a ulteriori proroghe per la formazione obbligatoria, dal 1 gennaio via alle sanzioni. Il presidente del Consiglio nazionale degli Psicologi chiede di valorizzare l'aggiornamento continuo senza farlo vivere agli iscritti come un mero adempimento burocratico
Formazione ECM, Orlandi (Chimici-Fisici): «Essenziale ma l’offerta formativa è di livello non adeguato. Occorre investire»
La presidente della FNCF sottolinea l’importanza della Formazione: «Non dovrebbe essere vista come un costo ma come un investimento di lungo periodo». E ricorda: «Per gli iscritti non in regola risvolti in ambito di tutela assicurative». Poi chiede «la presenza di un numero adeguato di Provider in grado di offrire dei corsi di alto livello»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...