Una soluzione alle allergie primaverili ed estive? Ecco le proposte ‘alternative’

Il periodo primaverile ed estivo risulta essere la fase dell’anno in cui la maggior parte delle persone si rivolge alle terapie della medicina alternativa e non convenzionale per far fronte alle allergie stagionali. Irrigazioni nasali con soluzione salina, agopuntura, probiotici, miele e farfaraccio: ecco tutte le cure ‘non convenzionali’ per le allergie che affliggono migliaia di […]

Il periodo primaverile ed estivo risulta essere la fase dell’anno in cui la maggior parte delle persone si rivolge alle terapie della medicina alternativa e non convenzionale per far fronte alle allergie stagionali. Irrigazioni nasali con soluzione salina, agopuntura, probiotici, miele e farfaraccio: ecco tutte le cure ‘non convenzionali’ per le allergie che affliggono migliaia di persone. Molte mostrano benefici, ma i dati scientifici sono ancora limitati e contrastanti, e servono più studi, come rileva la rivista Clinical Digest, curata dal National Center for Complementary and Integrative Health (Nccih).

I lavaggi con la soluzione salina migliorano abbastanza i sintomi dell’allergia stagionale. Una revisione pubblicata nel 2012 su 10 studi ha visto che usata fino a 7 settimane riduce i sintomi, il consumo di farmaci, e migliora la qualità di vita negli adulti e nei bambini con rinite allergica. A livello di sicurezza non ci sono problemi, anche se gli strumenti usati per fare i lavaggi vanno puliti e usati in modo appropriato. L’acqua del rubinetto non filtrata o non trattata in modo specifico non è sicura, perché contiene, seppur in basse quantità, batteri e amebe che possono rimanere vivi nel naso e causare infezioni.

Altro rimedio alternativo contro il raffreddore allergico è l’estratto di farfaraccio, una pianta erbacea rustica, che sembra avere effetti simili a quelli degli antistamici orali per le allergie dell’occhio. È bene però tener presente che può provocare reazioni allergiche nelle persone con sensibilità a piante come ambrosia, crisantemi, calendule e margherite. Non ci sono invece dati scientifici convincenti sull’efficacia del miele nel dare sollievo ai sintomi delle allergie stagionali, mentre diversi studi confermano l’azione dell’agopuntura nel migliorare i sintomi e la qualità di vita, e la mancanza di complicazioni dal punto di vista della sicurezza.

Per quanto riguarda i probiotici infine, i dati variano molto tra le loro diverse formulazioni, ma non ci sono dati sufficientemente saldi per verificare la loro capacità di prevenire il raffreddore allergico. Possono invece migliorare la qualità di vita e i sintomi nasali.

Articoli correlati
Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli
Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi
di Federica Bosco
Allergie, Antonicelli (allergologo): «Fenomeno in crescita. Medico importante per scoraggiare il ‘fai da te’ e indirizzare a specialista»
«Inquinamento ambientale e comparsa di nuovi stili di vita (sedentarietà, elevati livelli igienici, abuso di antibiotici) sembrano essere responsabili di uno squilibrio del sistema immunitario. Ecco perché sono aumentate le patologie allergiche». Così Leonardo Antonicelli, Direttore f.f. della SOD Allergologia dell'Azienda Ospedali Riuniti Ancona
di Lucia Oggianu
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
Nutrigenomica ed epigenetica: quanto l’ambiente influenza il nostro DNA? L’intervista a Giuseppe Di Fede, specialista in nutrizione
«L’aria, l’inquinamento, il cibo e persino le emozioni, influenzano il nostro profilo genico rendendoci più o meno predisposti a determinate patologie. Lo studio di questi fattori rende possibile una prevenzione efficace» così il Direttore Sanitario dell’IMBIO (Istituto Medicina Biologica)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...