Una soluzione alle allergie primaverili ed estive? Ecco le proposte ‘alternative’

Il periodo primaverile ed estivo risulta essere la fase dell’anno in cui la maggior parte delle persone si rivolge alle terapie della medicina alternativa e non convenzionale per far fronte alle allergie stagionali. Irrigazioni nasali con soluzione salina, agopuntura, probiotici, miele e farfaraccio: ecco tutte le cure ‘non convenzionali’ per le allergie che affliggono migliaia di […]

Il periodo primaverile ed estivo risulta essere la fase dell’anno in cui la maggior parte delle persone si rivolge alle terapie della medicina alternativa e non convenzionale per far fronte alle allergie stagionali. Irrigazioni nasali con soluzione salina, agopuntura, probiotici, miele e farfaraccio: ecco tutte le cure ‘non convenzionali’ per le allergie che affliggono migliaia di persone. Molte mostrano benefici, ma i dati scientifici sono ancora limitati e contrastanti, e servono più studi, come rileva la rivista Clinical Digest, curata dal National Center for Complementary and Integrative Health (Nccih).

I lavaggi con la soluzione salina migliorano abbastanza i sintomi dell’allergia stagionale. Una revisione pubblicata nel 2012 su 10 studi ha visto che usata fino a 7 settimane riduce i sintomi, il consumo di farmaci, e migliora la qualità di vita negli adulti e nei bambini con rinite allergica. A livello di sicurezza non ci sono problemi, anche se gli strumenti usati per fare i lavaggi vanno puliti e usati in modo appropriato. L’acqua del rubinetto non filtrata o non trattata in modo specifico non è sicura, perché contiene, seppur in basse quantità, batteri e amebe che possono rimanere vivi nel naso e causare infezioni.

Altro rimedio alternativo contro il raffreddore allergico è l’estratto di farfaraccio, una pianta erbacea rustica, che sembra avere effetti simili a quelli degli antistamici orali per le allergie dell’occhio. È bene però tener presente che può provocare reazioni allergiche nelle persone con sensibilità a piante come ambrosia, crisantemi, calendule e margherite. Non ci sono invece dati scientifici convincenti sull’efficacia del miele nel dare sollievo ai sintomi delle allergie stagionali, mentre diversi studi confermano l’azione dell’agopuntura nel migliorare i sintomi e la qualità di vita, e la mancanza di complicazioni dal punto di vista della sicurezza.

Per quanto riguarda i probiotici infine, i dati variano molto tra le loro diverse formulazioni, ma non ci sono dati sufficientemente saldi per verificare la loro capacità di prevenire il raffreddore allergico. Possono invece migliorare la qualità di vita e i sintomi nasali.

Articoli correlati
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
Nutrigenomica ed epigenetica: quanto l’ambiente influenza il nostro DNA? L’intervista a Giuseppe Di Fede, specialista in nutrizione
«L’aria, l’inquinamento, il cibo e persino le emozioni, influenzano il nostro profilo genico rendendoci più o meno predisposti a determinate patologie. Lo studio di questi fattori rende possibile una prevenzione efficace» così il Direttore Sanitario dell’IMBIO (Istituto Medicina Biologica)
«Quando si rischiava di diventare blu, bevendo argento colloidale». La pseudoscienza svelata dal Cicap di Piero Angela
«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo» spiega il chimico intervenuto al Congresso di Medicina e Pseudoscienza. Che sottolinea: «Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google». GUARDA LA GALLERY
Aaiito e Federasma allergie lanciano la petizione: «Una firma contro asma e allergie»
“Una firma contro le allergie e l’asma”. È la prima petizione nazionale indetta per migliorare la vita delle persone allergiche e rafforzare le istanze dell’allergologia italiana, chiedendo il sostegno di tutti: pubblica opinione, associazioni, pazienti e medici. Le malattie allergiche nel loro diverse forme sono in continuo aumento, ma gli allergologi sono sempre meno. I dati epidemiologici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila