Lavoro 17 novembre 2015

Sentenza del Tribunale di Bologna. Vincono gli specializzandi ‘78-‘83

I giudici si allineano all’orientamento della Cassazione sugli “ante ’83”La politica: «Subito accordo transattivo per evitare nuova voragine»

Immagine articolo

Sempre più urgente una soluzione al problema dei medici ex specializzandi. Una nuova recentissima sentenza (n.3063/2015), emessa dal Tribunale di Bologna, espone lo Stato al pericolo di un salasso ancora più ampio di quello stimato, già superiore ai 4 miliardi.


In linea con quanto disposto dalla Cassazione, che ha esteso i rimborsi anche a ciascun anno di specializzazione tra il 1978 e il 1983, Palazzo Chigi è stato condannato a pagare oltre tre milioni ai medici tutelati da Consulcesi. Proprio il Gruppo, che da oltre 20 anni tutela i camici bianchi, farà partire in questi giorni l’ultima azione collettiva del 2015. Con la platea dei potenziali ricorrenti sempre più ampia, aumenta anche il pressing del mondo politico, che spinge all’ accordo transattivo, proposto dai tre Ddl all’attenzione del Parlamento.

Lo evidenzia anche il senatore del Gruppo Misto, Maurizio Romani: « La Cassazione ha confermato il diritto, estendendolo anche a chi ha avviato la specializzazione prima del 1983. Il diritto – afferma – è comunque un costo per lo Stato. È stato proposto un accordo transattivo sostenuto da tutto l’arco costituzionale. Questo permetterebbe di risolvere il problema alla base visto che i medici riceverebbero quanto dovuto e lo Stato risparmierebbe». Anche perché ormai la giurisprudenza è consolidata ed i ricorsi vanno sempre a buon fine. «Il ricorso – conclude il senatore Romani –  è un diritto giustamente esercitato. Ma la situazione va regolamentata al più presto. La Cassazione si è espressa chiaramente tutte le volte che si è andati in tribunale: i medici hanno ragione».

Secondo Federico Gelli, deputato e responsabile della Sanità del Pd, però: «Non è più possibile andare avanti a colpi di sentenze e credo che una modalità corretta per affrontare la situazione sia che il governo se ne faccia carico avvalendosi dei ministeri competenti, cioè il Mef, il Ministero della Salute e quello dell’Università, perché si possa trovare una soluzione normativa: una transazione che chiuda definitivamente la partita. In caso contrario, si profilerebbe davvero un danno enorme al bilancio dello Stato».

L’accordo transattivo appare, ad ogni modo, una soluzione a portata di mano, proposta in ben tre Ddl, due dei quali portano la firma del senatore NCD, Piero Aiello, soddisfatto per il pronunciamento della Cassazione: «Era ora – dice – perché si era creata una discriminazione tra medici che avevano svolto la scuola post laurea nello stesso periodo con la medesima violazione della direttiva europea». Riguardo i Disegni di legge non ha dubbi: «È giunto il momento che il governo intervenga perché si rischia di mandare in default il bilancio dello Stato. Non si può sopportare una marea di ricorsi che andranno a sommarsi a quelli in itinere. Questo porterà finalmente a trovare una soluzione e quindi una transazione, sia per chi ha fatto, sia per chi lo farà, prima della procedura transattiva».

Dai banchi dell’opposizione la Lega Nord sta pungolando da tempo il governo a trovare una soluzione, attraverso interrogazioni e mozioni. Particolarmente battagliero il consigliere leghista della Regione Lombardia Fabio Rizzi che sta spingendo colleghi in Parlamento a fare pressing sul Governo attraverso mozioni e interrogazioni: «Ci aspettiamo – spiega – che il governo prenda in mano la questione e dia una risposta legislativa. Il nostro Paese, a distanza di 25 anni, continua a non dare risposte su diritti acquisiti. È arrivato il momento di andare a sanare questa situazione per evitare di pagare tutti quei ricorsi che vanno avanti, che colpiscono le casse dello Stato». Questo avviene attraverso i ricorsi. «Fanno benissimo a farli gli ex specializzandi – conclude Rizzi – mentre non condivido lo sciopero. Semmai bisogna mettere in crisi le strutture a monte, facendo in modo che il problema emerga, mettendo alle strette chi deve risolverlo».

Articoli correlati
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Sanità, ferie non godute: i camici bianchi non perdono il diritto all’indennità
Medici e operatori sanitari, a causa delle ormai croniche carenze di organico, arrivano alla pensione anche con 300 giorni di ferie non godute. Corte Giustizia Ue: Diritto all'indennità anche se lavoratore non ha richiesto di fruirne durante il periodo di servizio. Consulcesi: «Al datore di lavoro l'onere di dimostrare di aver adottato le misure necessarie»
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...