Lavoro 17 Novembre 2015 16:42

Sentenza del Tribunale di Bologna. Vincono gli specializzandi ‘78-‘83

I giudici si allineano all’orientamento della Cassazione sugli “ante ’83”La politica: «Subito accordo transattivo per evitare nuova voragine»

Sentenza del Tribunale di Bologna. Vincono gli specializzandi ‘78-‘83

Sempre più urgente una soluzione al problema dei medici ex specializzandi. Una nuova recentissima sentenza (n.3063/2015), emessa dal Tribunale di Bologna, espone lo Stato al pericolo di un salasso ancora più ampio di quello stimato, già superiore ai 4 miliardi.


In linea con quanto disposto dalla Cassazione, che ha esteso i rimborsi anche a ciascun anno di specializzazione tra il 1978 e il 1983, Palazzo Chigi è stato condannato a pagare oltre tre milioni ai medici tutelati da Consulcesi. Proprio il Gruppo, che da oltre 20 anni tutela i camici bianchi, farà partire in questi giorni l’ultima azione collettiva del 2015. Con la platea dei potenziali ricorrenti sempre più ampia, aumenta anche il pressing del mondo politico, che spinge all’ accordo transattivo, proposto dai tre Ddl all’attenzione del Parlamento.

Lo evidenzia anche il senatore del Gruppo Misto, Maurizio Romani: « La Cassazione ha confermato il diritto, estendendolo anche a chi ha avviato la specializzazione prima del 1983. Il diritto – afferma – è comunque un costo per lo Stato. È stato proposto un accordo transattivo sostenuto da tutto l’arco costituzionale. Questo permetterebbe di risolvere il problema alla base visto che i medici riceverebbero quanto dovuto e lo Stato risparmierebbe». Anche perché ormai la giurisprudenza è consolidata ed i ricorsi vanno sempre a buon fine. «Il ricorso – conclude il senatore Romani –  è un diritto giustamente esercitato. Ma la situazione va regolamentata al più presto. La Cassazione si è espressa chiaramente tutte le volte che si è andati in tribunale: i medici hanno ragione».

Secondo Federico Gelli, deputato e responsabile della Sanità del Pd, però: «Non è più possibile andare avanti a colpi di sentenze e credo che una modalità corretta per affrontare la situazione sia che il governo se ne faccia carico avvalendosi dei ministeri competenti, cioè il Mef, il Ministero della Salute e quello dell’Università, perché si possa trovare una soluzione normativa: una transazione che chiuda definitivamente la partita. In caso contrario, si profilerebbe davvero un danno enorme al bilancio dello Stato».

L’accordo transattivo appare, ad ogni modo, una soluzione a portata di mano, proposta in ben tre Ddl, due dei quali portano la firma del senatore NCD, Piero Aiello, soddisfatto per il pronunciamento della Cassazione: «Era ora – dice – perché si era creata una discriminazione tra medici che avevano svolto la scuola post laurea nello stesso periodo con la medesima violazione della direttiva europea». Riguardo i Disegni di legge non ha dubbi: «È giunto il momento che il governo intervenga perché si rischia di mandare in default il bilancio dello Stato. Non si può sopportare una marea di ricorsi che andranno a sommarsi a quelli in itinere. Questo porterà finalmente a trovare una soluzione e quindi una transazione, sia per chi ha fatto, sia per chi lo farà, prima della procedura transattiva».

Dai banchi dell’opposizione la Lega Nord sta pungolando da tempo il governo a trovare una soluzione, attraverso interrogazioni e mozioni. Particolarmente battagliero il consigliere leghista della Regione Lombardia Fabio Rizzi che sta spingendo colleghi in Parlamento a fare pressing sul Governo attraverso mozioni e interrogazioni: «Ci aspettiamo – spiega – che il governo prenda in mano la questione e dia una risposta legislativa. Il nostro Paese, a distanza di 25 anni, continua a non dare risposte su diritti acquisiti. È arrivato il momento di andare a sanare questa situazione per evitare di pagare tutti quei ricorsi che vanno avanti, che colpiscono le casse dello Stato». Questo avviene attraverso i ricorsi. «Fanno benissimo a farli gli ex specializzandi – conclude Rizzi – mentre non condivido lo sciopero. Semmai bisogna mettere in crisi le strutture a monte, facendo in modo che il problema emerga, mettendo alle strette chi deve risolverlo».

Articoli correlati
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
Dal Recovery Plan alle malattie rare, la crisi di governo mette in bilico alcune riforme chiave per la sanità
Il ritorno alle urne, per quanto improbabile, resta sullo sfondo di una crisi di governo dall’esito imprevedibile. Rischiano di saltare riforme chiave della sanità: dalla medicina territoriale all'infermiere di comunità
Vertenza medici ex specializzandi: emendamenti e ODG in Legge di Bilancio
Nel caso venga posta la fiducia, in Aula si chiederà la trasformazione del testo in un Ordine del Giorno arrivando dunque ad un impegno formale del Governo sul tema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...