Lavoro 14 Febbraio 2019

Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»

«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«Qualsiasi contenzioso risolto al di fuori delle aule di giustizio è bene accetta». Con queste parole il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute che contribuisca a diminuire il numero di contenziosi intentati nei confronti dei medici. Una categoria, quella dei medici, sotto attacco da diversi punti: non solo nelle aule dei tribunali, ma anche nelle stesse corsie, dove troppo spesso subiscono aggressioni o le conseguenze del blocco del turnover, che spingono sempre più camici bianchi a scappare all’estero: «Non si può massacrare così la classe medica – commenta Rossi -. Ormai siamo non solo al lavoro sotto pagato, ma anche sotto considerato».

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI MEDICI, TURNI MASSACRANTI E POCO PERSONALE. LEONI (FNOMCeO): «ECCO PERCHÈ SI LASCIA OSPEDALE»

Presidente, sono ben 300mila le cause intentate contro i medici e gli operatori della sanità che giacciono nei tribunali. Cosa pensa dell’idea di istituire un Arbitrato della Salute, un luogo di compensazione che possa diminuire il numero dei contenziosi?

«Potrebbe essere un’idea. Qualsiasi contenzioso risolto al di fuori delle aule di giustizia, cioè con quelle metodiche alternative alle risoluzioni in ambito giudiziario, è bene accetta. La legge Gelli sulla responsabilità professionale è una legge molto importante e molto positiva, però purtroppo non ha risolto tanti problemi».

Un dato che emerge è che il 40% dei medici che si sono formati poi hanno meno problemi nel contenzioso. Lei pensa che si debba insistere sull’aggiornamento continuo?

«Una buona formazione è alla base di un professionista moderno, e su questo siamo ormai tutti d’accordo. Purtroppo fino a poco tempo fa questo è stato un campo lasciato un po’ all’improvvisazione, ma adesso le cose cominciano a funzionare e tutto comincia ad essere finalmente oliato. Adesso bisogna che gradatamente si entri nel meccanismo e, poi, si potrà pretendere un medico sempre aggiornato».

Questo è un periodo un po’ particolare per la categoria. Si parla di medici sotto attacco, che affrontano turni massacranti, subiscono il blocco del turnover, tanti camici bianchi decidono di andare all’estero… Cosa si può fare secondo lei per riequilibrare la situazione?

«Dirò una cosa forse poco ordinistica, ma è giunto il momento di dirla. I medici sono pagati poco e non hanno la possibilità di fare libera professione. Questa cosa non può andare avanti. Massacrare una classe così non ha alcun senso. Ormai siamo non solo al lavoro sottopagato, ma anche sotto considerato. Negli ospedali, anche nei più grandi, vengono presi sempre più medici a contratto libero professionale, con il vincolo di non poter fare nient’altro: si devono pagare la previdenza autonomamente e guadagnano meno dei colleghi con i quali lavorano fianco a fianco, facendo le stesse cose. I contratti dei dipendenti e dei convenzionati sono fermi da oltre 15 anni, e poi c’è un aumento continuo del contenzioso. È una situazione che non può reggere, non si può trattare la classe medica in questo modo. Poi non ci meravigliamo se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i ragazzi non vogliono più lavorare in Italia o, addirittura, non vogliono proprio studiare Medicina. A queste condizioni mi sembra una cosa ovvia».

LEGGI ANCHE: DA MESSINA ALLA NUOVA ZELANDA, LA STORIA DEL FONDATORE DI DOCTORS IN FUGA: «COSI AIUTO GIOVANI MEDICI AD ANDARE ALL’ESTERO»

Articoli correlati
Medici sfruttati, Danielle Ofri (New York Times) a Sanità Informazione: «Ecco tre consigli ai colleghi italiani…»
ESCLUSIVA | La dottoressa Danielle Ofri dell’ospedale Bellevue di New York è l’autrice dell’editoriale sullo sfruttamento dei medici e dei professionisti sanitari che, tradotto da Sanità Informazione, è stato condiviso da oltre 50mila persone. Le abbiamo chiesto tre consigli e perché, secondo lei, i problemi di chi lavora nella sanità statunitense sono così simili a quelli che affrontano i medici italiani...
Medici e Avvocati di Roma insieme contro i contenziosi temerari per “malasanità”
È la prima volta che i Consigli di due Ordini professionali si riuniscono per affrontare sinergicamente problematiche comuni
A Milano il “processo allo zucchero” si è concluso con la sua ‘condanna’. Rossi (OMCeO Milano): «Limitarlo ma senza demonizzazioni»
Alla Statale l’evento organizzato dall’Ordine dei Medici di Milano che ha visto sul banco degli imputati lo zucchero. Nel ruolo di pubblico ministero il magistrato Fabio Roia. «Il problema è la quantità. E poi ancora come si introducono gli zuccheri, con quali alimenti vengono presi. È la misura che fa la differenza», aggiunge Rossi
di Federica Bosco
Calo vocazioni, Paolo De Paolis (Presidente Sic) ai giovani: «Tornate ad amare il mestiere più bello del mondo»
«Nonostante il momento difficile per la nostra professione, sapere che c’è un giovane brillante che ha espresso il desiderio di fare il chirurgo è un’inversione di rotta - ammette compiaciuto il professor De Paolis, presidente della Società italiana chirurgia - . I giovani respirano il malcontento dei chirurghi che sono sottoposti a condizioni lavorative difficili, poche gratificazioni e rischi medico legali»
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...