Lavoro 14 Febbraio 2019

Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»

«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute

di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«Qualsiasi contenzioso risolto al di fuori delle aule di giustizio è bene accetta». Con queste parole il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute che contribuisca a diminuire il numero di contenziosi intentati nei confronti dei medici. Una categoria, quella dei medici, sotto attacco da diversi punti: non solo nelle aule dei tribunali, ma anche nelle stesse corsie, dove troppo spesso subiscono aggressioni o le conseguenze del blocco del turnover, che spingono sempre più camici bianchi a scappare all’estero: «Non si può massacrare così la classe medica – commenta Rossi -. Ormai siamo non solo al lavoro sotto pagato, ma anche sotto considerato».

LEGGI ANCHE: AUTODIMISSIONI MEDICI, TURNI MASSACRANTI E POCO PERSONALE. LEONI (FNOMCeO): «ECCO PERCHÈ SI LASCIA OSPEDALE»

Presidente, sono ben 300mila le cause intentate contro i medici e gli operatori della sanità che giacciono nei tribunali. Cosa pensa dell’idea di istituire un Arbitrato della Salute, un luogo di compensazione che possa diminuire il numero dei contenziosi?

«Potrebbe essere un’idea. Qualsiasi contenzioso risolto al di fuori delle aule di giustizia, cioè con quelle metodiche alternative alle risoluzioni in ambito giudiziario, è bene accetta. La legge Gelli sulla responsabilità professionale è una legge molto importante e molto positiva, però purtroppo non ha risolto tanti problemi».

Un dato che emerge è che il 40% dei medici che si sono formati poi hanno meno problemi nel contenzioso. Lei pensa che si debba insistere sull’aggiornamento continuo?

«Una buona formazione è alla base di un professionista moderno, e su questo siamo ormai tutti d’accordo. Purtroppo fino a poco tempo fa questo è stato un campo lasciato un po’ all’improvvisazione, ma adesso le cose cominciano a funzionare e tutto comincia ad essere finalmente oliato. Adesso bisogna che gradatamente si entri nel meccanismo e, poi, si potrà pretendere un medico sempre aggiornato».

Questo è un periodo un po’ particolare per la categoria. Si parla di medici sotto attacco, che affrontano turni massacranti, subiscono il blocco del turnover, tanti camici bianchi decidono di andare all’estero… Cosa si può fare secondo lei per riequilibrare la situazione?

«Dirò una cosa forse poco ordinistica, ma è giunto il momento di dirla. I medici sono pagati poco e non hanno la possibilità di fare libera professione. Questa cosa non può andare avanti. Massacrare una classe così non ha alcun senso. Ormai siamo non solo al lavoro sottopagato, ma anche sotto considerato. Negli ospedali, anche nei più grandi, vengono presi sempre più medici a contratto libero professionale, con il vincolo di non poter fare nient’altro: si devono pagare la previdenza autonomamente e guadagnano meno dei colleghi con i quali lavorano fianco a fianco, facendo le stesse cose. I contratti dei dipendenti e dei convenzionati sono fermi da oltre 15 anni, e poi c’è un aumento continuo del contenzioso. È una situazione che non può reggere, non si può trattare la classe medica in questo modo. Poi non ci meravigliamo se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i ragazzi non vogliono più lavorare in Italia o, addirittura, non vogliono proprio studiare Medicina. A queste condizioni mi sembra una cosa ovvia».

LEGGI ANCHE: DA MESSINA ALLA NUOVA ZELANDA, LA STORIA DEL FONDATORE DI DOCTORS IN FUGA: «COSI AIUTO GIOVANI MEDICI AD ANDARE ALL’ESTERO»

Articoli correlati
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Anestesisti rianimatori, Marinangeli (Aaroi-Emac): «Siamo gli angeli custodi della sicurezza dei pazienti»
Il presidente del meeting SAQURE: «I contenziosi sono diminuiti. Disposizioni anticipate di trattamento fondamentali per l’autodeterminazione dei pazienti che devono sottoporsi a qualunque procedura, applicabili anche ai testimoni di Geova che rifiutano le trasfusioni»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»
Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...